Seguici
Iscriviti alla nostra newsletter

    Per la prima volta un rover cinese atterra su Marte

    Il rover, chiamato Zhurong (dal nome del dio del fuoco nell’antica mitologia cinese), costituisce insieme a Curiosity e Perseverance della NASA un trio esclusivo di robot mobili in spostamento sulla superficie del pianeta. 

    di Neel V. Patel

    La Cina è il secondo paese ad atterrare con successo su Marte. “Questa è davvero una pietra miliare per il programma spaziale cinese”, afferma Chi Wang, direttore del National Space Science Center dell’Accademia cinese delle scienze. “L’esplorazione spaziale cinese esce dal sistema Terra-Luna e si dirige verso il sistema planetario (Marte). Una missione come questa dimostra che la Cina ha la capacità di esplorare l’intero sistema solare”.

    Zhurong fa parte della missione Tianwen-1 su Marte che la Cina ha lanciato lo scorso luglio, lo stesso mese del lancio da parte della NASA del rover Perseverance e di quello di Hope Mars Orbiter da parte degli Emirati Arabi Uniti. Tutti e tre sono arrivati in orbita marziana a febbraio. Perseverance è andato direttamente sulla superficie del pianeta, mentre la Cina ha mantenuto in orbita Tianwen-1 per alcuni mesi alla ricerca di un luogo di atterraggio adatto per Zhurong. Alla fine ha scelto Utopia Planitia, la stessa regione in cui la navicella spaziale Viking 2 della NASA atterrò nel 1976. Tianwen-1 comprende sia un orbiter che il rover Zhurong.

    La NASA ha avuto una serie di recenti successi con le missioni su Marte, ma non bisogna dimenticare che metà di tutte le missioni su Marte finisce con un fallimento. L’Unione Sovietica aveva già fatto atterrare un veicolo spaziale su Marte nel 1971, ma la comunicazione si è persa solo dopo 110 secondi. Non più tardi del 2017, il lander Schiaparelli dell’Agenzia spaziale europea si è schiantato mentre si calava sulla superficie marziana. 

    Il primo tentativo della Cina su Marte è stato in realtà parte della missione russa Fobos-Grunt del 2011 per esplorare Marte e la sua luna Phobos. Quel veicolo spaziale non è riuscito a lasciare l’orbita terrestre ed è finito per rientrare nell’atmosfera terrestre mesi dopo, inducendo la Cina a perseguire una propria missione indipendente su Marte.  

    Zhurong è molto diverso da Perseverance. Quest’ultimo pesa oltre una tonnellata metrica, è a propulsione nucleare, ha 23 telecamere, trasporta un sistema dimostrativo per convertire l’anidride carbonica in ossigeno, può prelevare e stivare campioni che un giorno verranno riportati sulla Terra e ha persino portato un elicottero sul pianeta. Zhurong si attesta sui 240 chilogrammi, è a energia solare, trasporta solo sei strumenti e dovrebbe durare solo 90 giorni marziani (anche se potrebbe benissimo sopravvivere più a lungo). 

    Lo scopo di Tianwen-1 è quello di utilizzare i suoi 13 strumenti (sette sull’orbiter, sei sul rover) per studiare la geologia e la mineralogia del suolo di Marte, mappare la sua distribuzione del ghiaccio d’acqua, sondare le forze elettromagnetiche e gravitazionali del pianeta e caratterizzarne clima superficiale e ambiente. Mentre l’orbiter osserverà e misurerà questi aspetti da una prospettiva globale e scatterà immagini fino a una risoluzione di due metri, Zhurong si concentrerà sulla superficie. Utilizzerà la spettroscopia per scoprire di cosa è fatto il suolo, misurare i campi magnetici sul terreno e tenere traccia dei cambiamenti meteorologici come temperatura e venti. 

    Forse la novità più interessante è che Zhurong ha un radar penetrante nel terreno che gli permetterà di scrutare le strutture sotterranee a 100 metri di profondità, 10 volte oltre il radar di Perseverance.  La speranza è che questo strumento sia in grado di rilevare potenziali riserve di acqua ghiacciata nel sottosuolo. Le risorse idriche potrebbero essere una parte fondamentale per stabilire un giorno una colonia su Marte. Utopia Planitia, in particolare, è “un luogo relativamente sicuro in cui atterrare e un possibile sito acquifero”, dice Wang. 

    La Cina non è nuova a imprese simili: il programma di esplorazione lunare del paese ha visto tre atterraggi di rover di successo sulla Luna in meno di 10 anni. Ma questo non ha necessariamente reso più facile arrivare su Marte. La distanza tra i due pianeti crea un ritardo di 18 minuti nella comunicazione. L’intero processo di atterraggio deve essere eseguito automaticamente, senza alcuna possibilità per il controllo a terra di intervenire manualmente. Il paese non l’ha mai fatto prima. Ora sa che può.

    “Stanno diventando uno dei protagonisti delle imprese spaziali nel mondo”, dice Jason Davis di The Planetary Society. “Non è un colpo di fortuna. Hanno lavorato duramente per ottenere questo obiettivo”. L’idea di due paesi con rover sul pianeta potrebbe sollevare lo spettro di una crescente rivalità tra Stati Uniti e Cina, ma sarebbe un’eccessiva semplificazione. Zhurong non è neanche lontanamente vicino a dove sono Curiosity o Perseverance. 

    Davis sottolinea che i due paesi hanno effettivamente coordinato le traiettorie dei rispettivi lanci del 2020 per garantire che non si schiantassero l’uno contro l’altro. “Marte è grande”, dice. “È possibile far funzionare più veicoli spaziali senza farli incontrare o creare problemi”. Invece, è possibile che la missione possa effettivamente aprire più opportunità di collaborazione scientifica. 

    Alla NASA è attualmente vietato collaborare con il programma spaziale cinese, ma il rilascio di ricerche sottoposte a revisione paritaria attraverso la stampa pubblica significa che c’è l’opportunità di confrontare i risultati di indagini simili condotte dai rover di ogni paese, come i dati radar sotterranei. “Da questo punto di vista”, dice Davis, “è molto vantaggioso per l’esplorazione spaziale avere più paesi che svolgono questo lavoro. In termini di scienza pura, sono molto curioso di vedere cosa scoprirà la missione”.

    (rp)

    Related Posts
    Continua

    Gli orologi atomici di domani

    Misurando con precisione le vibrazioni quantistiche negli atomi e la loro evoluzione nel tempo, i ricercatori possono affinare la precisione dei sensori quantistici per ottenere un mondo in miniatura di informazioni non accessibili nei normali scenari
    Total
    0
    Share