• Un'illustrazione della sonda Cassini che si tuffa attraverso i pennacchi che eruttano dalla superficie di Europa. NASA / JPL-Caltech

I 10 posti dove trovare vita extraterrestre

All’interno del sistema solare alcuni luoghi, più di altri, potrebbero aver conosciuto forme di vita aliena o ospitarne ancora.

di Neel V. Patel 17-06-21
Oggi, la speranza di imbatterci nella vita aliena è più grande di quanto non sia mai stata. No, non saranno piccoli uomini verdi che sfrecciano nello spazio in dischi volanti, ma più probabilmente microbi o batteri primitivi. Una scoperta del genere sarebbe comunque un segno che non siamo soli nell'universo, che la vita altrove è una possibilità. 

Dove troveremo quella vita? Una volta si pensava che il sistema solare fosse probabilmente un deserto arido separato dalla Terra. I vicini rocciosi erano troppo desolati e freddi come Marte, o troppo caldi e infernali come Venere. Gli altri pianeti erano giganti gassosi e la vita su quei mondi o sulle loro lune satellite era praticamente inconcepibile. 

Ma ora sappiamo che la vita sulla Terra è in grado di prosperare anche negli ambienti più duri e brutali, in condizioni super fredde e super aride, profondità con pressioni inimmaginabili e senza la necessità di utilizzare la luce solare come fonte di energia. Allo stesso tempo, la nostra rapida comprensione di questi mondi oscuri si è enormemente ampliata.

I nostri vicini rocciosi di Venere e Marte potrebbero essere stati un tempo temperati e simili alla Terra, e parte della vita potrebbe essere rimasta dopo che il clima di questi pianeti è diventato inospitale. Molte delle lune ghiacciate che circondano Giove e Saturno potrebbero ospitare oceani sotterranei in cui è presente qualche forma di vita. 

A differenza della miriade di nuovi esopianeti che identifichiamo ogni anno, quando si tratta di mondi nel sistema solare, abbiamo la capacità di inviare sonde in questi luoghi e studiarli direttamente. "Possiamo misurare cose inaccessibili ai telescopi", afferma David Catling, astrobiologo dell'Università di Washington. Partendo da queste riflessioni, ho stilato una classificazione soggettiva dei 10 posti migliori nel sistema solare per cercare la vita extraterrestre. 

10. Tritone

E' la luna più grande di Nettuno e uno dei mondi più esotici del sistema solare. È una delle sole cinque lune del sistema solare note per essere geologicamente attive, come dimostrano i suoi geyser attivi che emettono gas azoto sublimato. La sua superficie congelata è per lo più azotata e la sua crosta è fatta di ghiaccio d'acqua e ha un mantello ghiacciato. Ma nonostante ciò, sembra ricevere del calore generato dalle forze di marea (attrito gravitazionale tra Tritone e Nettuno), e questo potrebbe aiutare a riscaldare le acque e dare origine alla vita attraverso qualsiasi sostanza organica che potrebbe esistere sulla luna. 

In realtà, trovare la vita su Tritone sembra una possibilità molto remota. L'unica missione che lo ha raggiunto è stata la Voyager 2 nel 1989. La finestra per una missione del genere si apre solo ogni 13 anni. La migliore opportunità per visitare Tritone sarebbe la missione Trident (che sembra improbabile che venga lanciata dopo che la NASA ha appena dato il via libera a due nuove missioni su Venere alla  fine di questo decennio). E infine, il freddo esasperante difficilmente permetterà alla vita di rimanere scongelata abbastanza a lungo da svilupparsi.  

9. Cerere

Il più grande asteroide e il più piccolo pianeta nano del sistema solare potrebbe ospitare acqua liquida, in profondità nel sottosuolo. Cerere, un pianeta nano che si trova tra Marte e Giove, è stato studiato dalla sonda Dawn della NASA in orbita dal 2015 al 2018. Gli scienziati stanno ancora disimballando e analizzando quei dati, ma studi allettanti negli ultimi anni suggeriscono la presenza di un oceano 40 km sotto la superficie, esteso per centinaia di km. Dovrebbe essere quasi certamente estremamente salato, il che impedirebbe all'acqua di gelare anche ben al di sotto di 0 °C. Dawn ha persino trovato prove di composti organici su Cerere che potrebbero fungere da materie prime per la vita. 

Ma Cerere è penultima nella nostra lista perché la sua abitabilità solleva molti interrogativi. L'evidenza dell'acqua sotterranea e dei materiali organici è recente e, anche se fosse effettivamente così, avrebbe bisogno di una fonte di calore ed energia tale da indurre l'acqua e il materiale organico a reagire in modo tale da portare alla vita. Ammettendo che tutto ciò si verificasse, scoprire la presenza della vita significherebbe perforare almeno due dozzine di miglia nel terreno per accedere a quell'acqua e studiarla. 

Infine, Cerere è minuscolo, oltre 13 volte più piccolo della Terra. Non è ancora chiaro come quella frazione di gravità possa influenzare la vita sul pianeta nano, ma se la Terra è la nostra bussola per ciò che è abitabile, le piccole dimensioni di Cerere probabilmente non sono una risorsa. Non mancano nuove proposte per future missioni per studiare il pianeta nano, comprese quelle che tenteranno anche una missione per riportare dei campioni. Ma nel breve periodo non succederà nulla.

8. Io

Con oltre 400 vulcani attivi, Io è il mondo geologicamente più attivo del sistema solare. Si pensa che tutta questa attività sia causata dal riscaldamento delle maree che si crea quando l’interno di IO è attratto dai campi gravitazionali tra Giove e le altre lune. Il vulcanismo provoca un enorme rivestimento di zolfo e anidride solforosa ghiacciata insieme a un'atmosfera di anidride solforosa super sottile. Potrebbe anche esserci un oceano sotterraneo su Io, ma sarebbe fatto di magma, non di acqua.

La vita su Io è molto improbabile, anche se tutto questo calore è un segnale incoraggiante. Potrebbero esserci luoghi in superficie o nel sottosuolo che non sono sopraffatti dall'attività vulcanica, luoghi più temperati dove forme di vita resistenti hanno trovato un modo per sopravivere. Non saremmo in grado di studiare direttamente quei punti, ma una sonda potrebbe essere in grado di trovare prove di vita, se sarà fortunata. 

È più facile a dirsi che a farsi. La migliore possibilità di studiare Io passa per una missione proposta dalla NASA chiamata Io Volcano Observer (IVO), che se approvata verrebbe lanciata nel 2029. Ma come Trident, IVO difficilmente avrà luogo a causa delle imminenti missioni di Venere. 

7. Calisto

La fama di Calisto è che ha la superficie più antica del sistema solare. Tuttavia, ciò non significa molto in termini di abitabilità. Dove Calisto brilla per i nostri scopi è che è un'altra luna che si pensa ospiti un vasto oceano sotto la superficie, 250 km sotterranei. Mantiene anche una sottile atmosfera di idrogeno, anidride carbonica e ossigeno, che è più diversificata e simile alla Terra rispetto alla maggior parte delle altre lune del sistema solare che potrebbero essere abitabili. 

Tuttavia, le possibilità che Callisto ospiti la vita sono limitate, in particolare a causa del freddo. Il prossimo anno verrà lanciata la missione Jupiter Icy Moon Explorer (JUICE) dell'Agenzia spaziale europea, che esplorerà tre delle lune di Giove. JUICE effettuerà diversi sorvoli ravvicinati di Callisto. 

6. Ganimede

La più grande luna del sistema solare in orbita attorno a Giove è coperta da un guscio ghiacciato. Ma sotto quella superficie c'è un oceano sotterraneo di acqua salata che potrebbe contenere più acqua di tutti gli oceani della Terra messi insieme. Naturalmente, tutta quell'acqua ha alimentato la speranza tra gli scienziati che un qualche tipo di vita possa esistere sulla luna, che ha anche un'atmosfera di ossigeno molto sottile. E Ganimede ha qualcos'altro che nessun'altra luna nel sistema solare ha: un campo magnetico, fondamentale per proteggere i mondi dalle radiazioni nocive emesse dal sole.

Ma Ganimede non è perfetto. Un oceano sotto la superficie è difficile da studiare, quindi se c'è vita sul pianeta, sarà difficile trovarla. E finora, non c'è stata ancora una missione dedicata allo studio di Ganimede, anche se JUICE lo esaminerà in modo approfondito quando entrerà nella sua orbita nel 2032.

5. Venere

Il pianeta ha temperature superficiali abbastanza calde da fondere il piombo e pressioni superficiali che sono oltre 80 volte più sostenute di quelle che sperimentiamo sulla Terra. Eppure, forse Venere è la casa della vita! Queste prospettive si sono accese l'anno scorso quando i ricercatori hanno rilevato la presenza del gas fosfina nell’atmosfera venusiana molto densa. Sulla Terra, la fosfina è principalmente prodotta in modo naturale dalla vita in ecosistemi poveri di ossigeno, il che aumenta la possibilità che ci possa essere vita anche su Venere. E lo scenario più probabile sarebbe la vita microbica sospesa tra le nuvole, in pratica la vita nell'aria. 

Ora, i rilevamenti di fosfina sono stati messi in discussione e l'idea della vita nell'aria non è certamente qualcosa che tutti gli scienziati possono accettare. Ma questo e altri lavori che hanno esplorato la storia dell'acqua di Venere hanno mostrato interesse per l'idea che Venere potesse essere stato una volta abitabile, e potrebbe esserlo ancora. Le nuove missioni DAVINCI+ e VERITAS che la NASA lancerà alla fine di questo decennio non troveranno vita, ma ci avvicineranno a rispondere a questa domanda in modo più concreto.  

4. Encelado

La sesta luna più grande di Saturno è completamente ricoperta di ghiaccio pulito, il che la rende uno dei corpi più riflettenti del sistema solare. La sua superficie è ghiacciata, ma sotto ferve l'attività. La luna espelle pennacchi che contengono una miriade di composti diversi, tra cui acqua salata, ammoniaca e molecole organiche come metano e propano. Si pensa che Encelado abbia un oceano salato globale. E la NASA ha trovato prove di attività idrotermale in profondità nel sottosuolo, che potrebbe benissimo fornire una fonte di calore necessaria per dare alla vita la possibilità di evolversi e prosperare. 

In un certo senso, Encelado dovrebbe essere più in alto nella mia lista di Titano, se non fosse per il fatto che semplicemente non è stata programmata alcuna missione per studiarlo. Negli ultimi anni sono state discusse molte proposte, in particolare della NASA. Tutte sono orientate verso un'indagine astrobiologica che cercherebbe più da vicino i segni che Encelado sia abitabile. 

Mentre scavare nel sottosuolo nell'oceano sarebbe il modo più sicuro per determinare se la luna ospita la vita, ci si potrebbe anche affidare a un colpo di fortuna per rilevare le biofirme che sono state vomitate dai criovulcani della luna (vulcani che eruttano materiali vaporizzati come acqua o ammoniaca invece di roccia fusa). 

3. Titano

La luna più grande di Saturno è un altro mondo che si distingue dal resto del sistema solare. Ha una delle atmosfere più dense per un mondo roccioso nel sistema solare al di fuori della Terra e di Venere. Brulica di diversi corpi liquidi: laghi, fiumi e mari fatti di metano e altri idrocarburi. Titano è estremamente ricco di materiali organici, quindi ospita già in abbondanza materie prime necessarie per la vita. E potrebbe anche avere un oceano d'acqua sotto la superficie, anche se questo dovrà essere verificato. 

Gli scienziati hanno in programma la missione Dragonfly della NASA, che invierà un elicottero drone per esplorare direttamente l'atmosfera di Titano. Il lancio è previsto nel 2027 e l’arrivo su Titano nel 2034. 

2. Europa

La luna di Giove ha un guscio ghiacciato, spesso da 16 a 24 km e che copre un enorme oceano sotto la superficie, riscaldato dalle forze delle maree. Si pensa che il riscaldamento aiuti a creare un sistema di circolazione interna che mantiene le acque in movimento e arriva regolarmente alla superficie ghiacciata. Ciò significa che il fondo dell'oceano sta interagendo con la superficie e di conseguenza, per determinare se esiste la vita in quegli oceani sotto la superficie, non è necessario scavare in profondità. 

Gli scienziati hanno trovato depositi di minerali simili all'argilla associati a materiali organici su Europa. E si sospetta che le radiazioni che colpiscono la superficie ghiacciata potrebbero produrre ossigeno in grado di penetrare negli oceani sotto la superficie ed essere utilizzato dalla vita emergente. Tutti gli ingredienti per la vita sono potenzialmente presenti.

Fortunatamente, siamo pronti a studiare Europa in modo molto dettagliato. JUICE effettuerà due sorvoli di Europa durante il suo passaggio nel sistema gioviano. Ma la missione principale è Europa Clipper, un veicolo spaziale che effettuerà voli a bassa quota per caratterizzare la superficie e indagare l'ambiente sotto la superficie nel miglior modo possibile. Clipper verrà lanciato nel 2024 e raggiungerà Europa nel 2030. 

1. Marte

Il pianeta rosso occupa il primo posto per diversi motivi. Sappiamo che miliardi di anni fa era abitabile, quando aveva laghi e fiumi di acqua liquida sulla sua superficie. All'epoca, inoltre, c'era un'atmosfera densa che garantiva un ambiente caldo. Attualmente abbiamo un rover in superficie, Perseverance, il cui obiettivo preciso è cercare segni di vita passata e prelevare campion che riporterà sulla Terra per studiarli in laboratorio. 

Ma cosa ha a che fare con la ricerca della vita attuale ? Se ci sono segni di vita antica, è possibile che la vita su Marte esista ancora. Probabilmente non in superficie, ma forse sottoterra. Ci sono già stati alcuni grandi studi che hanno utilizzato osservazioni radar per dimostrare che riserve di acqua liquida esistono probabilmente a un paio di km sotto la superficie. Abbiamo trovato batteri sulla Terra che sopravvivono in condizioni simili, quindi è del tutto possibile che qualcosa viva anche su Marte. Scavare sarà follemente difficile, ma se abbiamo motivo di credere che qualcosa si nasconda in queste riserve d’acqua, ne varrà la pena.

(rp)
  • Tritone. NASA
  • Cerere- NASA / JPL-Caltech/ UCLA / MPS / DLR / IDA / Justin Cowart
  • Io. Nasa / JPL / University of Arizona
  • Calisto. NASA/JPL/ DLR (German Aerospace Center)
  • Ganimede. NASA / JPL
  • Venere. ESA - C. Carreau
  • Encelado. NASA/JPL/Space Science Institute
  • Titano. NASA / JPL / University of Arizona / University of Idaho
  • Europa. NASA / JPL / University of Arizona
  • Marte- NASA / JPL-Caltech