• Mario Tama / Getty Images

Come si diffonde la variante delta

Dai dati a disposizione sembra che le persone vaccinate possano diffondere l’infezione. Nell’articolo si risponde a cinque domande su cosa rende più contagiosa questa variante e perché è difficile contrastarla.

di Casey Crownhart 10-08-21
I casi di covid negli Stati Uniti sono raddoppiati nelle ultime due settimane e gli scienziati ora sono impegnati a capire la variante delta, che sembra essere alla base della stragrande maggioranza delle nuove infezioni. L’aspetto più preoccupante è che la variante ha provocato casi sintomatici nelle persone vaccinate. Sebbene i vaccini prevengano in gran parte malattie gravi e morte, la variante delta ha cambiato il modo in cui pensiamo alla diffusione del coronavirus. Ecco alcune risposte ad alcune importanti domande su cosa significa tutto questo. 

1. Cosa rende la variante delta più contagiosa?
Secondo le stime del CDC, la variante delta è quasi due volte più contagiosa delle versioni precedenti del virus. I ricercatori stanno ancora cercando di capire le mutazioni che spiegano questa situazione, ma studi preliminari suggeriscono che i cambiamenti nella sua proteina spike la rendono più efficiente sia nel contatto con i recettori che nel penetrare le cellule. 

La variante delta sembra anche portare a cariche virali più elevate rispetto ad altre varianti. La carica virale è una misura della quantità di virus presente nel naso e nella gola. Uno studio ha scoperto che all'inizio della loro infezione, le persone con la variante delta avevano cariche virali 1.000 volte superiori a quelle delle persone infette dalla versione originale del virus. Le persone con la variante delta hanno anche raggiunto il picco di carica virale più velocemente, secondo questo studio, che non è ancora stato sottoposto a revisione paritaria. 

2. In che modo gli scienziati misurano la contagiosità della variante delta?
La carica virale ci aiuta a capire quanto sia contagioso un virus. Le infezioni da coronavirus si diffondono attraverso aerosol e goccioline quando una persona infetta tossisce, starnutisce o semplicemente respira, quindi più particelle di virus sono nelle vie aeree di qualcuno, più è probabile che la persona infetti qualcun altro.

Per misurare la carica virale, i ricercatori utilizzano un metodo di laboratorio chiamato reazione a catena della polimerasi o PCR. Tamponano il naso di una persona infetta ed estraggono l'RNA virale presente sul tampone. Successivamente, eseguono la reazione, che cerca il materiale genetico dai virus e lo copia più e più volte, finché non ci sono abbastanza copie da rilevare per l'attrezzatura di laboratorio.

Di solito ci si concentra sulla parte finale della PCR: se un test trova materiale del virus produce un risultato positivo. Ma i ricercatori possono anche vedere quanto tempo ha impiegato la macchina per restituire quel risultato positivo: quante copie erano necessarie per portare il materiale virale a un livello rilevabile. Meno copie, o cicli, sono necessarie per rilevare un virus, più materiale virale c'era all'inizio.

Questo numero di cicli, chiamato soglia del ciclo, o Ct, è il numero che ha fatto preoccupare i CDC. In un gruppo di casi a Provincetown, nel Massachusetts, è stato vaccinato circa il 74 per cento dei residenti dello stato. Le persone che hanno contratto l'infezione tendevano ad avere valori Ct simili, indipendentemente dal fatto che fossero vaccinate o meno. Il CDC ha pensato che questo potesse essere un indicatore del fatto che le persone potrebbero trasmettere il virus, forse altrettanto facilmente delle persone non vaccinate.

3. Ci si può ancora ammalarmi di covid, anche se si è vaccinati? 
Sì, è possibile, anche se l’infezione sarà probabilmente molto meno grave di quella di una persona non vaccinata. La stragrande maggioranza delle infezioni riguarda ancora persone non vaccinate, afferma Liz Rogawski McQuade, ricercatrice di malattie infettive dell'Università della Virginia. 

Secondo quanto riportato dalla Kaiser Family Foundation, gli stati americani che stanno monitorando la presenza di vaccinati tra i casi stanno riscontrando che tra il 94 e il 99,9 per cento dei casi riguarda persone non vaccinate. E di tutti coloro che sono stati vaccinati, tra lo 0,01 e lo 0,54 per cento ha sperimentato un caso limite.

Alcuni studi hanno scoperto che l'efficacia dei vaccini è leggermente inferiore contro la variante delta, specialmente se si è ricevuta solo una dose di un vaccino mRNA. Ma finora, sembra che i vaccini funzionino ancora in gran parte, specialmente nella prevenzione di molti casi di malattie gravi, afferma Rogawski McQuade. 

I vaccini alla fine potrebbero aver bisogno di un piccolo aiuto in più contro la variante delta: alcune aziende stanno spingendo per la somministrazione di nuove dosi, ma gli esperti dicono che non ci sono ancora prove che i richiami siano necessari e l'OMS sostiene che la distribuzione dei vaccini nella parte del mondo rimasta scoperta dovrebbe avere la precedenza sui vaccini per le persone nei paesi ricchi. 

4. Le persone vaccinate possono diffondere la variante delta? 
Sembra di sì, ma la ricerca è ancora agli inizi. Sebbene i valori Ct possano essere utilizzati come indicatori della carica virale, ci sono alcuni problemi ad affidarsi a questi numeri, specialmente quando si tratta di persone vaccinate, secondo Monica Gandhi, ricercatrice di malattie infettive dell’Università della California, a San Francisco.

Innanzitutto, la PCR raccoglie tutti i tipi di materiale genetico, anche da virus morti. Se il sistema immunitario di un vaccinato ha iniziato a combattere l'infezione, "si potrebbero avere molte particelle virali nel naso, ma innocue", afferma Gandhi. Per sapere davvero quanto sia contagioso qualcuno, si devono prendere quei virus e vedere se sono vivi e in grado di infettare le persone. Il CDC ha notato che questi dati sono ancora da definire, afferma Gandhi.

Inoltre, i ricercatori si aspettano che le persone vaccinate, se infette, possano sperimentare cariche virali elevate per periodi di tempo più brevi. In uno studio di Singapore, i ricercatori hanno scoperto che le cariche virali hanno raggiunto livelli elevati nelle persone vaccinate, ma sono diminuite molto più velocemente rispetto a quelle non vaccinate, sebbene tale ricerca non sia ancora stata sottoposta a revisione paritaria.

Altre ricerche, come uno studio nel Regno Unito, hanno scoperto che le persone vaccinate hanno effettivamente una carica virale inferiore rispetto alle persone non vaccinate, indicando che il vaccino aiuta a ridurre la trasmissione. Gandhi afferma che sono necessari ulteriori studi per aiutarci a comprendere meglio il ruolo delle persone vaccinate nella trasmissione. 

5. Le altre varianti sono preoccupanti? 

Gli scienziati tengono traccia di come si muove il virus e di come sta cambiando raggruppando diversi ceppi in famiglie, chiamate lignaggi. Quando uno di quei lignaggi inizia ad agire in un modo che sembra più pericoloso, l'OMS lo designa una "variante di interesse" e lo definisce con una lettera dell'alfabeto greco. Delta è in realtà una famiglia di sequenze tutte collegate tra loro.

Gli scienziati spesso raggruppano tali famiglie in "sottolignaggi" più piccoli per scopi di ricerca. Si potrebbe aver visto articoli su uno di questi, che i giornalisti hanno chiamato "delta plus". Ma poiché non ci sono prove che questo gruppo più piccolo di virus si stia comportando in un modo nuovo, l'OMS lo considera ancora parte della famiglia delta.

Continueranno ad arrivare nuove varianti? Che dire di lambda e gamma, per esempio? I virus mutano continuamente, quindi finché ci saranno posti nel mondo in cui c'è una diffusione incontrollata, probabilmente continueremo a vedere più varianti che si comporteranno in modo diverso. "Ma non è esattamente così", afferma Rogawski McQuade. “Il rallentamento della diffusione lascia al virus meno opportunità di mutare, il che significa che emergeranno meno varianti”. 

Ciò significa che la soluzione è aumentare i tassi di vaccinazione e velocemente. Ma probabilmente ci vorranno più dei semplici vaccini per tenere sotto controllo l'attuale ondata, dicono gli esperti. Per esempio, alla fine del mese scorso, il CDC ha iniziato a raccomandare alle persone vaccinate di indossare mascherine al chiuso nella maggior parte delle comunità statunitensi.  “I vaccini sono di gran lunga i nostri strumenti più efficaci”, afferma Rogawski McQuade, “ma chiaramente non sono perfetti e non sono i nostri unici strumenti. Serve una combinazione di interventi per uscirne fuori".

(rp)