• Mario Tama / Getty Images

Pfizer vuole una terza dose, ma gli esperti dicono che è troppo presto

Il mondo scientifico non condivide l’idea di fare un nuovo richiamo quando ancora i vaccini funzionano e gran parte del mondo non ha ancora ricevuto la prima dose.

di Cassandra Willyard 16-07-21
È ora di iniziare a pensare a una terza dose? Pfizer sembra pensarla così. In un incontro privato con i migliori scienziati e regolatori statunitensi il 12 luglio, i rappresentanti dell'azienda hanno sostenuto che gli Stati Uniti dovrebbero muoversi per autorizzare un nuovo richiamo.

La scorsa settimana, Pfizer e il suo partner tedesco BioNTech hanno annunciato di aver osservato un calo dell'immunità nelle persone che erano state vaccinate e di aver pianificato di richiedere l'autorizzazione all'uso di emergenza per una terza dose ad agosto per mantenere alti i livelli di protezione. 

In ogni caso, non succederà in tempi rapidi. Dopo l'annuncio di Pfizer della scorsa settimana, i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie e la FDA hanno rilasciato una rara dichiarazione congiunta in cui si sottolinea che gli americani completamente vaccinati non hanno bisogno di una dose di richiamo in questo momento. 

Subito dopo l'incontro di lunedì, il Dipartimento della salute e dei servizi umani ha fatto eco a questo sentimento. “È stato un incontro interessante. Hanno condiviso i loro dati. Non c'era nulla che somigliasse a una decisione", ha detto lunedì sera al “New York Times" Anthony Fauci, capo consigliere medico del presidente Biden per la pandemia.

Ma molti esperti dicono che è troppo presto per un richiamo. I dati provenienti da studi di laboratorio e infezioni del mondo reale indicano che "la diga sta reggendo", afferma John Wherry, un immunologo dell'Università della Pennsylvania. “Infezioni gravi, ricoveri e decessi si osservano quasi interamente nelle popolazioni non vaccinate, anche per la variante delta”. E quando si verificano infezioni in persone che sono state vaccinate, i sintomi tendono ad essere lievi. "Questo non è un fallimento del vaccino, ma un successo", afferma. 

Nella dichiarazione della scorsa settimana, Pfizer e BioNTech hanno affermato che i dati reali del Ministero della Salute in Israele mostrano che, sebbene il vaccino fornisca ancora una buona protezione contro malattie gravi, la protezione contro l'infezione sintomatica è diminuita nei sei mesi successivi alla vaccinazione. 

Hanno affermato che tali risultati erano coerenti con i dati del loro studio di fase 3 e hanno notato che sarebbe necessaria una terza dose entro 6-12 mesi dopo la vaccinazione completa. I dati dello studio di richiamo delle aziende suggeriscono che una terza dose aumenta da cinque a dieci volte i livelli di anticorpi neutralizzanti. Le aziende stanno anche lavorando a un booster mirato alla variante delta.  

Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), almeno quattro paesi hanno annunciato programmi di richiamo, tra cui Israele, che sta combattendo un'epidemia della variante delta. Il paese ha iniziato a somministrare la terza iniezione lunedì a persone con un sistema immunitario indebolito, inclusi malati di cancro e chi ha subito un trapianto di organi.

Circa una mezza dozzina di altri paesi stanno prendendo in considerazione l'idea e se andranno avanti su questa strada "saranno necessarie ulteriori 800 milioni di dosi di vaccino", ha affermato il capo scienziato dell'OMS Soumya Swaminathan in una conferenza stampa.  Queste dosi dovrebbero essere destinate ai paesi che hanno avuto scarso accesso ai vaccini, ha affermato il direttore generale dell'OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus, che ha condannato i paesi ricchi e a reddito medio per aver preso in considerazioneo la terza dose quando i lavoratori in prima linea e gli anziani nei paesi poveri non hanno ancora ricevuto la prima dose. 

Alcuni paesi devono ancora lanciare campagne di vaccinazione di massa. "Attualmente, i dati ci mostrano che la vaccinazione offre un'immunità di lunga durata contro il covid-19 grave e mortale", ha affermato. "La priorità ora deve essere quella di vaccinare coloro che non hanno ricevuto dosi e protezione". 

Craig Spencer, direttore del Global Health in Emergency Medicine del New York-Presbyterian/Columbia University Medical Center, lo ha detto più schiettamente. "Non importa cosa dicano le aziende farmaceutiche, ma l’urgenza è solo quella degli operatori sanitari di tutto il mondo che non hanno ancora avuto accesso a un vaccino", ha twittato. 

(rp)