Turkish stream, addio o arrivederci?
Raffreddati i rapporti economici tra Russia e Turchia dopo l’abbattimento dell’aereo russo da parte di un caccia turco.
Come sappiamo, la Turchia ha abbattuto un aereo russo militare, che secondo l’autorità turca avrebbe sconfinato nel suo territorio. Al primo momento la reazione turca è stata durissima (nessuna scusa rivolta alla Russia), poi si è smorzata, con l’argomento che i turchi non avessero capito che si trattasse di un aereo militare russo.  "Anziché cercare di risolvere seriamente il problema, per far sì che queste cose non succedano più, cercano di trovare delle giustificazioni poco chiare e dichiarano di non avere neanche una ragione per chiedere scusa" - ha spiegato il Presidente russo Vladimir Putin, aggiungendo che la Russia informa la coalizione guidata dagli USA per quanto riguarda i luoghi di svolgimento delle operazioni russe.  "Partiamo dal presupposto che la Turchia appartiene a questa coalizione, e che dovrebbe sapere qual è la zona di azione dell'aviazione russa. Chi altro avrebbe dovuto esserci lì? Cosa sarebbe successo se avessero scoperto che si trattava di un aereo americano? L'avrebbero abbattuto?" E quindi, Putin annuncia “serie ripercussioni‘ verso la Turchia, ovviamente non militari, ma economiche. E tra le prime conseguenze c’è il fermo dei grandi progetti energetici tra i 2 paesi.