• Il progetto Petra Nova in Texas è stato ideato per catturare circa il 90 per cento delle emissioni da una parte della centrale. È stato abbandonato durante la crisi economica dello scorso anno. Petra Nova

Primo: catturare il carbonio

Nell’intervista, il nuovo capo dello staff dell'Office of Fossil Energy afferma che intrappolare e immagazzinare anidride carbonica come previsto dal piano di Joe Biden è l'unica opzione vincente per sostenere l'economia.

di James Temple 25-08-21
Le prime iniziative per il clima del presidente Biden hanno dato priorità agli obiettivi degli accordi di Parigi, all’acquisto di energia e veicoli puliti e all’eliminazione dei sussidi ai combustibili fossili. Ma le strategie dell'amministrazione per guidare la nazione verso l'azzeramento delle emissioni nette si affidano, meno ovviamente, allo sviluppo di un settore più delicato. Quello della cattura o rimozione di enormi quantità di anidride carbonica.

A luglio, l'Office of Fossil Energy del Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti ha aggiunto "and Carbon Management" al suo nome, segnalando un netto cambiamento in un'agenzia tradizionalmente focalizzata sullo sviluppo di modi più efficienti per estrarre i combustibili fossili e convertirli in energia. Ora, l'obiettivo centrale dell'ente, sostenuto da circa 750 dipendenti federali e da un budget di quasi un miliardo di dollari, è sviluppare modi migliori e più economici per ripulire le industrie che inquinano il clima.

Le nuove priorità includono lo sviluppo di tecnologie per impedire alla CO2 di fuoriuscire dalle fabbriche e dalle centrali elettriche, rimuoverla dall'atmosfera, trasformarla in nuovi prodotti e conservarla per sempre. L'ufficio ha collocato diversi ricercatori in ruoli di leadership, inclusa la nomina di Shuchi Talati capo dello staff. Supervisionerà molti dei cambiamenti nell'agenzia insieme alla collaboratrice Jennifer Wilcox. Talati è stato in precedenza vicedirettore della politica di Carbon 180, una NGO dell'Union of Concerned Scientists che auspica la rimozione e il riciclaggio del carbonio.

L'agenda del presidente Biden si gioca anche nel disegno di legge sulle infrastrutture da 1 trilione di dollari, che il Senato ha già approvato e che prevede miliardi di dollari per lo sviluppo di impianti di cattura diretta della CO2 e luoghi dove può essere sepolta nel sottosuolo. Molti nel movimento per il clima sostengono che la cattura del carbonio sia una distrazione dalla missione principale di eliminare i combustibili fossili il più rapidamente possibile. E il campo è disseminato di fallimenti, tra cui una serie di mosse avventate sostenute dal Dipartimento dell'Energia come il progetto per il carbone pulito FutureGen, da quasi 2 miliardi di dollari.

Ma la ricerca rileva che sarà molto più difficile e costoso eliminare le emissioni e prevenire pericolosi livelli di riscaldamento senza la cattura e la rimozione del carbonio, in particolare nelle industrie pesanti dove esistono poche altre opzioni. E il numero di progetti commerciali di successo sta crescendo in tutto il mondo, riducendo le emissioni degli impianti di acciaio, idrogeno e fertilizzanti.

Nell'intervista che segue, ho chiesto a Talati quale ruolo dovrebbe svolgere la cattura del carbonio nella nostra risposta ai cambiamenti climatici e come l’Office of Fossil Energy and Carbon Management sta lavorando per accelerare i progressi nel campo.

Perché era importante allargare il mandato dell’agenzia?

Quando si tratta di obiettivi climatici, in particolare di emissioni zero, la gestione del carbonio ha un ruolo sempre più importante da svolgere. Ciò significa avere attenzione per le emissioni costanti e riconoscere che per ogni tipo di combustibile fossile che viene bruciato dobbiamo gestire il carbonio che ne deriva. Non vogliamo fare alcun lavoro sui combustibili fossili che non sia correlato alla mitigazione degli impatti ambientali ad esso associati.

In che modo il Dipartimento dell'Energia ritiene che la cattura e lo stoccaggio del carbonio si adattino specificamente al più ampio sforzo per accelerare la decarbonizzazione e affrontare il cambiamento climatico?

Nei casi in cui si può passare alle rinnovabili, bene. Ma dove non possiamo, la CCS (cattura e stoccaggio del carbonio) ha un ruolo davvero importante da svolgere. Con industrie come la cementifera, sappiamo che la CCS è assolutamente essenziale per catturare tali emissioni. Non solo le emissioni per l'energia effettivamente necessaria, ma anche le emissioni rilasciate durante il processo di produzione, dove non ci sono altri meccanismi per prevenire la CO2. CCS è solo un modo incredibilmente versatile per catturare le emissioni da molti di questi settori difficili da decarbonizzare.

Quando si tratta del settore energetico, in particolare per quanto riguarda il gas naturale, ci sono molte centrali elettriche a gas naturale che non saranno ritirate fino a dopo il 2035, che fanno parte del nostro obiettivo di elettricità pulita al 100 per cento. Stiamo parlando di oltre 200 gigawatt che continueranno a funzionare con il gas naturale. Quindi, per conseguire l’obiettivo, CCS è davvero l'unica opzione. Voglio anche dire che, per il gas naturale, non abbiamo mai effettivamente dimostrato questa tecnologia prima. Quindi, se vogliamo davvero capire i veri costi e come sarà realmente la commercializzazione, dobbiamo prima investire nella dimostrazione. Questo è un compito che potrebbe svolgere la nostra agenzia.

Molti attivisti del clima considerano il sostegno alla cattura del carbonio come la concessione di una licenza sociale affinché l'industria dei combustibili fossili continui a funzionare. Come risponde di fronte a queste preoccupazioni?

Capisco da dove provengano molte di queste critiche. Penso che il collegamento stretto con l'industria dei combustibili fossili sia davvero una sfida, ma se guardiamo all'infrastruttura impegnata nel settore industriale, in cui si parla della creazione di prodotti di cui sappiamo che continueremo ad aver bisogno, come il cemento, non ci sono davvero altre opzioni. Il ruolo della nostra agenzia e del governo federale è garantire la creazione di un'industria responsabile e di costruire le salvaguardie ambientali intorno alla tecnologia. 

Ha menzionato il ruolo che la cattura del carbonio può potenzialmente svolgere per gli impianti di gas naturale che continueranno a funzionare per decenni. Ma prevede che la cattura del carbonio giochi un ruolo nella costruzione di nuova energia per la generazione di elettricità in futuro?

Onestamente, penso che dipenda molto dal mercato e da come le aziende private vedono i loro investimenti. Quando si tratta di nuovo gas naturale, il nostro sostegno dipende molto dalla presenza o meno dell’'infrastruttura CCS. Un componente davvero importante di questo processo è un sistema di stoccaggio affidabile. In questo momento, molta CO2 viene utilizzata per un migliore recupero del petrolio, liberando quello rimanente dai pozzi, ma noi vogliamo assicurarci di aiutare a costruire un'infrastruttura per l’immagazzinamento durevole, intorno ai giacimenti geologici e intorno ai prodotti di CO2 con stoccaggio di lunga durata, come i materiali da costruzione.

Anche se questo può essere uno strumento efficace per i cementifici o per qualche elemento degli impianti di gas naturale esistenti, permane un ragionevole timore di frodi. Quelle emissioni potrebbero fuoriuscire più di quanto affermano le aziende, sia dagli impianti stessi che dai siti di estrazione, sia perché i siti di stoccaggio del carbonio non funzionano come sperato. Come possiamo garantire che l'industria non bari?

E’ il ruolo della nostra agenzia assicurarsi che lo storage funzioni davvero. Abbiamo esperienza nei modi in cui la CO2 è stata immagazzinata in giacimenti esauriti di petrolio e gas, ma ancora sappiamo poco degli acquiferi salini (rocce permeabili riempite di acqua salata). Dobbiamo portare avanti progetti dimostrativi. Abbiamo bisogno di capacità di monitoraggio, reporting e verifica che funzionino su larga scala. E questo richiede investimenti da parte del governo e capacità davvero dedicate.

Sono dell’idea che la nostra infrastruttura abbia perdite lungo tutta la catena di approvvigionamento del gas naturale. Per questa ragione una delle priorità che abbiamo elencato nel nostro prossimo budget è: ridurre il metano. Ciò significa cambiare il modo in cui il nostro ufficio ha spesso lavorato in passato. Vogliamo spostare il discorso sull'avere il minor impatto ambientale possibile dai processi di estrazione.

Il disegno di legge sulle infrastrutture che sta andando avanti include il finanziamento per gli impianti di cattura diretta dell'aria. Il Dipartimento dell'Energia che ruolo affida alla rimozione del carbonio direttamente dall'aria nelle politiche per affrontare il cambiamento climatico?

Si tratta del più grande investimento nella rimozione del carbonio nella storia. Il fatto che stiamo riconoscendo la necessità di disporre di fondi dimostrativi mirati per la cattura diretta in aria è il primo assoluto nel suo genere a livello globale. Il Dipartimento dell'Energia svolge un ruolo davvero importante nell'aiutare a investire in queste tecnologie innovative. Quando si parla di cattura diretta dall’aria, queste dimostrazioni sono incredibilmente costose. E 3,5 miliardi di dollari in realtà non sono una cifra da capogiro come la maggior parte delle persone pensa.

Siamo incredibilmente entusiasti di questa tecnologia, ma ce ne sono altre che meritano la stessa attenzione, come la mineralizzazione potenziata, vale a dire lo sviluppo di modi per accelerare il processo naturale attraverso il quale alcuni tipi di minerali catturano l'anidride carbonica. Quando parliamo di rimozione ingegnerizzata del carbonio, penso che la mineralizzazione potenziata non sia stata sufficientemente valorizzata, in particolare per il suo potenziale su larga scala.

Cosa pensa del contrasto tra la volontà di dare più spazio alla rimozione del carbonio e i limiti nelle capacità attuali di portarla avanti?

Questa è una domanda centrale. La rimozione dell'anidride carbonica non dovrebbe essere applicata nei casi in cui possiamo ridurre le emissioni in altri modi. Per le aziende, ciò significa ridurre le proprie emissioni attraverso l'efficienza energetica, l'elettrificazione o qualsiasi altra modalità. Evitare prima le emissioni è sempre la priorità. Sempre. Perché sarà più economico, sarà più efficiente farlo. La rimozione del carbonio è difficile. È costosa e non esiste ancora su larga scala.

Quando pensiamo al sistema delle compensazioni, ci riferiamo a quei settori estremamente difficili da decarbonizzare come l'aviazione, l'agricoltura, la navigazione, nei quali non abbiamo altri meccanismi per poter abbattere quelle emissioni oggi. Con l’innovazione tecnologica, la mia speranza è che saremo in grado di evitare tutte queste emissioni senza rimuovere l'anidride carbonica, e ci si potrebbe concentrare su questo comparto negativo, per portare le emissioni complessive al di sotto dello zero e iniziare a ridurre i livelli totali nell'atmosfera.
 
Quando parliamo di foreste e terreni per rimuovere e immagazzinare più carbonio, sono profondamente preoccupato per la direzione che ha preso la conversazione. Perché non abbiamo un'infrastruttura per la contabilità del carbonio in questo paese. E questo è qualcosa che la nostra agenzia spera davvero di aiutare a costruire in collaborazione con l ‘Environmental Protection Agency e altre agenzie come il Dipartimento dell'Agricoltura che sono profondamente coinvolte con i sistemi naturali per la rimozione dell'anidride carbonica.

Oggi abbiamo questo mosaico di aziende che si occupano principalmente dell'accreditamento per i protocolli di offset, con livelli di qualità francamente molto variabili. Quale ruolo potrebbe svolgere il governo federale nella definizione di una serie di standard affidabili?

Credo effettivamente che definire cosa siano gli offset di buona qualità sia compito del governo federale. Abbiamo visto diversi tipi di output da aziende private in questo spazio. Il più recente è stato di Microsoft e Carbon Direct, che in realtà erano una buona base di partenza. Ma penso che non siano ancora maturi i tempi per la costruzione di questa infrastruttura. Sotto la precedente amministrazione non esisteva nulla, quindi siamo nelle prime fasi del tentativo di metterlo insieme. Tante agenzie hanno un ruolo da svolgere, quindi capire i diversi ruoli è ancora una questione aperta. 

Come entrano in gioco le considerazioni di giustizia ambientale quando si parla di cattura, rimozione e stoccaggio del carbonio? Dove mettiamo oleodotti, dove sequestriamo CO2, dove permettiamo che avvengano esplorazioni ed estrazioni continue?

Queste sono domande che stiamo cercando di capire. Siamo estremamente attenti a non arrecare danni alle comunità svantaggiate e ad assicurarci che i benefici dei nostri investimenti siano equamente distribuiti.

(rp)
  • Shuchi Talati, capo dello staff presso l'Office of Fossil Energy and Carbon Management. Per gentile concessione di Shuchi Talati