• Jon Han

Il sistema dei crediti climatici fa acqua

Una nuova ricerca mostra che la California ha creato fino a 39 milioni di crediti di carbonio che non hanno portato a una reale diminuzione dell'inquinamento a causa delle lacune dei regolamenti per le compensazioni forestali.

Lungo la costa della California settentrionale, vicino al confine con l'Oregon, l'aria fresca e umida del Pacifico alimenta una striscia di foreste pluviali temperate. Le sequoie svettanti e gli abeti di Douglas dominano questi fitti boschi umidi, creando una chioma alta centinaia di piedi. Ma se ci si inoltra nell'entroterra, il mix di alberi cambia gradualmente. Oltre la cresta delle montagne Klamath, si plana in un miscuglio sempreverde di pini da zucchero, cedri dell'incenso e ancora abeti. Proseguendo verso la Cascade Range, si attraversano foreste più rade dominate dai pini Ponderosa. Questi alberi alti e snelli con coni spinosi prosperano nelle condizioni più calde e secche sul lato orientale dello stato. 

Tutti gli alberi consumano anidride carbonica, rilasciando ossigeno e immagazzinando il carbonio nei loro tronchi, rami e radici. Ogni tonnellata di carbonio sequestrata in un albero vivente è una tonnellata che non contribuisce al cambiamento climatico. E questa fitta foresta costiera può facilmente immagazzinare il doppio di carbonio per acro degli alberi più in profondità nell'entroterra.

Il meccanismo è fondamentale per determinare il successo del programma di compensazione forestale della California, che cerca di ridurre le emissioni di carbonio preservando gli alberi. Lo stato ha istituito il programma una decina di anni fa come parte dei suoi sforzi per combattere il cambiamento climatico. Ma l'ecologia è caotica. I confini tra i tipi di foresta sono nebulosi e la quantità effettiva di carbonio su un dato acro dipende dalle condizioni climatiche locali, dalle iniziative per la conservazione, dalla storia del disboscamento e altro ancora.

L’ente di regolamentazione californiano sul cambiamento climatico, l'Air Resources Board, ha sorvolato su gran parte di questa complessità nell'attuazione del programma statale. L'agenzia ha stabilito confini fissi attorno a macroregioni, riducendo il carbonio immagazzinato in un'ampia combinazione di specie arboree in medie regionali semplificate. 

Questa decisione ha generato decine di milioni di crediti di carbonio con un valore climatico dubbio, secondo un recente studio di CarbonPlan, un'organizzazione no profit di San Francisco che analizza l'integrità scientifica delle politiche di rimozione del carbonio. Il programma di compensazione consente ai proprietari di foreste in tutto il paese di guadagnare crediti per prendersi cura della loro terra per immagazzinare o assorbire più carbonio, riducendo del disboscamento o consentendo uno spazio maggiore tra arbusti e alberi per favorire la crescita complessiva. 

Ogni credito rappresenta una tonnellata metrica di CO2. I proprietari terrieri possono vendere i crediti ai principali inquinatori in California, in genere aziende, soprattutto petrolifere, che vogliono emettere più carbonio di quanto altrimenti consentito dalla legge statale. Ogni tonnellata in più di carbonio emessa dall'industria viene bilanciata da una tonnellata in più immagazzinata nella foresta, consentendo alle emissioni nette di rimanere entro un limite fissato dallo stato. 

Lo scorso autunno, il programma aveva prodotto circa sette decine di progetti che avevano generato più di 130 milioni di crediti, per un valore di 1,8 miliardi di dollari ai prezzi attuali. Sebbene il calcolo della quantità esatta di carbonio risparmiato preservando le foreste sia complicato, la logica della California per l'assegnazione dei crediti è relativamente semplice.

L'Air Resources Board stabilisce la quantità media di carbonio per acro immagazzinato in alcuni tipi di foresta che coprono vaste regioni degli Stati Uniti. Se si possiede un terreno che contiene più carbonio rispetto alla media regionale, in base a un'indagine sugli alberi del sito di proprietà, si possono ottenere crediti per la differenza. Per esempio, se il terreno contiene l'equivalente di 100 tonnellate di CO2 per acro e la media regionale è di 40 tonnellate, si guadagnano crediti risparmiando 60 tonnellate per acro (in questo articolo si farà riferimento a ogni tonnellata di CO2 come a una tonnellata di "carbonio"). Ci si deve anche impegnare a mantenere l'elevato stoccaggio di carbonio del possedimento per i successivi 100 anni. 

Queste medie regionali intendono rappresentare i livelli di carbonio nei boschi privati. Ma le medie sono determinate da aree così vaste e da diversi tipi di foreste che possono differire notevolmente dalle quote di carbonio immagazzinato sui terreni selezionati per i progetti. CarbonPlan ha scoperto che i piani forestali che superano significativamente queste medie guadagnano spesso molti più crediti rispetto agli effettivi vantaggi in termini di carbonio che forniscono.

CarbonPlan stima che il programma statale abbia generato tra i 20 ei 39 milioni di crediti che non portano a reali benefici per il clima. Sono, in effetti, crediti fantasma che non hanno preservato carbonio aggiuntivo nelle foreste, ma hanno consentito agli inquinatori di emettere molta più CO2, pari alle emissioni annuali di 8,5 milioni di auto di fascia alta. Questi crediti fantasma rappresentano quasi uno su tre crediti emessi attraverso il programma di compensazione della foresta primaria della California, evidenziando difetti sistemici nelle regole e pratiche scorrette sul mercato.

"Il nostro lavoro mostra che il programma di compensazione forestale della California aumenta le emissioni di gas serra, nonostante sia una parte importante della strategia dello stato per ridurre l'inquinamento climatico", ha affermato Danny Cullenward, responsabile delle politiche di CarbonPlan. "Il programma crea la falsa apparenza di progresso quando in realtà peggiora il problema del clima".

L'Air Resources Board ha difeso il programma e contestato la tesi centrale dello studio. "Non siamo d'accordo con l’ affermazione secondo cui i proprietari terrieri o gli sviluppatori di progetti stanno giocando con il sistema o che ci sono stime gonfiate delle riduzioni dei gas serra”, ha detto in una e-mail Dave Clegern, un portavoce dell'Air Resources Board. Ogni versione delle regole di compensazione "è passata attraverso il nostro solido processo di revisione normativa pubblica", con il contributo del settore forestale, del mondo accademico, delle agenzie governative e delle organizzazioni non profit, ha aggiunto.

Il programma di compensazione forestale della California è il più vasto del paese regolamentato dal governo. Altri programmi di compensazione forestale sono  su base volontaria e consentono alle aziende o ai privati di acquistare crediti per ridurre il proprio impatto ambientale. Lo studio di CarbonPlan arriva pochi giorni dopo che una legge dello stato di Washington per un programma di compensazione si trova sulla scrivania del governatore in attesa di una firma. 

Anche l’Oregon ha discusso negli ultimi mesi la creazione di un programma per il mercato del carbonio che emulasse la politica della California. A Washington, DC, l'amministrazione Biden ha dimostrato un crescente interesse per le proposte finalizzate a sfruttare le foreste e il suolo per ridurre la CO2. Anche le aziende pianificano di fare sempre più affidamento sugli alberi per compensare le loro emissioni invece del compito più difficile di ridurre l'inquinamento aziendale.

Le compensazioni forestali sono state criticate per una serie di problemi, inclusi i rischi che le riduzioni di carbonio siano di breve durata, che i risparmi di carbonio vengano spazzati via da un aumento del disboscamento in altre zone e che i progetti preservino le foreste mai a rischio di essere abbattute, producendo crediti che non riflettono i cambiamenti del mondo reale nei livelli di carbonio.

Ma l'analisi di CarbonPlan evidenzia una questione diversa. Anche se tutto il resto di un progetto fosse perfetto, sarebbe comunque possibile minare il programma sfruttando le medie regionali. Ogni volta che un inquinatore utilizza un credito in cui in realtà non è stata risparmiata una tonnellata di carbonio, la quantità totale di emissioni aumenta.

Lungi dall'affrontare il cambiamento climatico, le compensazioni forestali della California sembrano aggiungere decine di milioni di tonnellate di CO2 nell'atmosfera nel complesso, minando i progressi verso gli obiettivi di emissioni a lungo termine dello stato. "Al di là delle belle parole, rimane la porta spalancata per l'emissione di crediti di compensazione senza senso", ha detto Grayson Badgley, un borsista della Black Rock Forest e della Columbia University, principale responsabile dello studio.

Tra le pieghe della legge

CarbonPlan ha fornito a ProPublica e “MIT Technology Review” un accesso completo ed esclusivo alla sua ricerca. Come parte di questo processo, le testate giornalistiche hanno inviato il rapporto a esperti indipendenti per la revisione. Le organizzazioni hanno anche intervistato proprietari terrieri, operatori del settore e scienziati e hanno esaminato centinaia di pagine di documenti, inclusi i piani dei presentatori dei progetti. CarbonPlan ha collaborato allo studio con esperti accademici dell'Università della California, a Berkeley, della Columbia University e di altre istituzioni. 

Lo studio stesso non è stato progettato per valutare se chi presenta i progetti o i proprietari terrieri stiano intenzionalmente selezionando siti che si distinguono dalle medie regionali, ma si limita a dire che il sistema "consente" ai proponenti di selezionare tali terreni. I ricercatori affermano comunque che il livello di crediti in eccesso e il raggruppamento di progetti in alcune aree suggeriscono che gli operatori del settore stanno sfruttando le falle del sistema. 

Un modo di farlo viene identificato dai ricercatori nella definizione dei confini geografici. Nel caso della California settentrionale, il programma di compensazione dello stato ha stabilito una linea di demarcazione che separa la fascia costiera di sequoie e abeti di Douglas da una regione interna che si estende per oltre 45.000 km quadrati.  Le regole dell’agenzia stabiliscono che le alte foreste miste di conifere nella regione costiera immagazzinano una media di 205 tonnellate di carbonio per acro. 

Per la vicina regione interna, è stata fissata la media regionale corrispondente a 122 tonnellate per acro. La cifra è inferiore perché include più alberi con meno carbonio, come i pini Ponderosa, che dominano l'estremità orientale della regione interna e sono quasi assenti sulla costa.

Ma dove le due regioni si incontrano, la foresta su entrambi i lati è praticamente identica in molti luoghi e immagazzina quantità simili di carbonio. Ciò significa che gli sviluppatori di progetti possono guadagnare molto di più scegliendo un sito appena ad est del confine, semplicemente perché possono confrontare il livello di carbonio della loro zona forestale con una media regionale inferiore. 

Per esempio, mantenere una foresta di 10.000 acri di sequoie costiere e abeti di Douglas con livelli di carbonio di 200 tonnellate per acro potrebbe portare a zero crediti a ovest della linea, o 624.000 crediti a est di essa. La scelta è tra nessun guadagno e oltre 8 milioni di dollari.

Per richiedere il maggior numero di crediti possibile, determinati dalla differenza tra la presenza di carbonio nei loro terreni e le medie regionali, chi presenta i progetti o i proprietari terrieri devono dimostrare che è legalmente e finanziariamente fattibile accedere a quelle medie regionali che rappresentano il parametro di riferimento della gestione forestale in un'area. Una decina di progetti si trovano nella California settentrionale, quasi del tutto allineati lungo il bordo occidentale della zona interna, dove gli alberi ricchi di carbonio sono contrapposti alla media regionale inferiore. 

Una volta che uno sviluppatore di progetti di compensazione e un proprietario terriero decidono di lavorare insieme, il primo generalmente richiede una commissione o una quota delle vendite dei crediti generati, un accordo che può valere milioni di dollari. Uno degli sviluppatori di progetti più prolifici nel sistema della California è una società di investimenti forestali con sede in Australia chiamata New Forests. 

L'azienda e le sue affiliate hanno lavorato a otto progetti situati quasi interamente lungo il lato vantaggioso del confine, oltre a sei altrove. CarbonPlan, in un'analisi separata fatta per le testate giornalistiche che non sono state incluse nello studio, ha scoperto che quasi tutti hanno guadagnato crediti “dubbi”, per un valore di 176 milioni di dollari.

Gran parte di questi crediti proveniva da un singolo progetto al di fuori della California che ha beneficiato di un evidente errore nelle regole. Forest Carbon Partners, del gruppo New Forests, ha aiutato la tribù degli Apache Mescalero a sviluppare un progetto di compensazione forestale nel New Mexico. Il progetto ha raccolto 3,7 milioni di crediti per un valore di oltre 50 milioni di dollari, in gran parte perché si trovava in un'area in cui l'Air Resources Board aveva fissato una media regionale inadeguata.

Un altro punto debole della legge riguarda le specie arboree: chi propone un progetto può inserire alberi particolari che immagazzinano molto più carbonio rispetto alla regione circostante. Secondo lo studio, un progetto in Alaska consiste quasi interamente di giganteschi abeti rossi di Sitka, ma la media regionale locale è stata calcolata su un ampio mix di alberi, comprese specie come i pioppi neri americani che immagazzinano molto meno carbonio. Il progetto ha guadagnato molti più crediti di quanto avrebbe dovuto a causa dei difetti del sistema, afferma lo studio. 

I benefici climatici dei creciti sono gonfiati

Preservare foreste particolarmente ricche di carbonio fa bene al clima, di per sé. Ma quando gli alberi nell'area del progetto hanno poca somiglianza con i tipi di alberi che sono stati utilizzati per calcolare la media regionale, il numero di crediti in gioco è esagerato, denuncia lo studio di CarbonPlan. Mark Trexler, che ha sviluppato progetti di compensazione nei primi mercati del carbonio negli Stati Uniti e in Europa, ha detto che il consiglio avrebbe dovuto prevedere la dinamica preversa degli incentivi perversi creati dal suo programma. 

Per stimare l'entità del credito eccessivo nel programma della California, CarbonPlan ha calcolato la propria versione delle medie regionali per ciascun progetto. I ricercatori hanno attinto agli stessi dati grezzi utilizzati dall'Air Resources Board, ma hanno utilizzato solo dati di specie arboree che assomigliano più da vicino al particolare mix di alberi in ciascuna area del progetto. 

In totale, all’inizio della ricerca a settembre 2020, erano attivi 74 progetti. CarbonPlan è stato in grado di analizzarne 65 dotati di una documentazione sufficiente. Tutti hanno ricevuto crediti per aver trattenuto più carbonio rispetto alla media regionale.  I ricercatori hanno scoperto che la stragrande maggioranza dei progetti era stata sovrastimata, ma circa una dozzina avrebbe ricevuto più crediti con la formula di CarbonPlan. Questi includevano due progetti del gruppo di New Forests, che avrebbero guadagnato fino a 165.000 crediti aggiuntivi.

Le testate giornalistiche hanno inviato ai funzionari dell'Air Resources Board una copia dello studio e della sua metodologia dettagliata settimane prima della pubblicazione. Clegern ha rifiutato di concedere qualsiasi intervista con il personale dell'agenzia e ha risposto solo per iscritto, dicendo che non avevano avuto il tempo di verificare lo studio non pubblicato e non ritenevano di esprimere giudizi sul metodo adottato.

Gli scienziati indipendenti che hanno esaminato la ricerca per conto di ProPublica e “MIT Technology Review” hanno elogiato lo studio. "È un documento analiticamente robusto e risponde a una domanda politica davvero importante", ha affermato Daniel Sanchez, che gestisce il Carbon Removal Laboratory dell'UC Berkeley. Mentre gli osservatori attenti erano ben consapevoli di numerosi problemi con le regole di compensazione forestale della California, "sono venuti alla luce una serie più profonda di errori metodologici", ha detto. Nessuno dei revisori ha evidenziato alcun difetto tecnico o concettuale importante nello studio, che è stato sottoposto a una rivista per la revisione tra pari.

Un nuovo mercato delle materie prime
 
All'inizio del 2015, un'organizzazione no profit che opera nel campo delle compensazioni ha ospitato un webinar in cui si evidenziava che le tribù dei nativi americani potevano partecipare al programma della California. Uno degli oratori era Brian Shillinglaw, un avvocato di Stanford e amministratore delegato di New Forests che sovrintende ai programmi forestali statunitensi dell’azienda, vende crediti di carbonio, legname e per conto degli investitori gestisce più di 2 milioni di acri di foreste a livello globale, un portafoglio valutato oltre 4 miliardi di dollari.

New Forests cura gli interessi anche della sua affiliata, Forest Carbon Partners, per conto di un cliente di investimento istituzionale che ha rifiutato di nominare. Forest Carbon Partners finanzia progetti di compensazione e assiste i proprietari terrieri attraverso il processo di richiesta per il programma di compensazione della California.

"La linea di fondo è che i crediti del carbonio in California hanno creato un nuovo e importante mercato delle materie prime", ha detto Shillinglaw durante la sua presentazione. Ha anche sottolineato che il programma è qualcosa da cui "molte tribù native americane potranno trarre vantaggio, in parte a causa della passata amministrazione conservatrice delle loro foreste, che può portare a un significativo rendimento del credito a breve termine".

In altre parole: poiché molte tribù hanno effettuato il disboscamento in modo meno aggressivo dei loro vicini, le loro foreste ricche di carbonio sono pronte per grandi richieste di crediti. Tra i 13 progetti di New Forests che i ricercatori di CarbonPlan sono stati in grado di analizzare, tra il 33 e il 71 per cento dei crediti non rappresenta una reale riduzione del carbonio. Si tratta di quasi 13 milioni di crediti. 

"Sebbene non possiamo dimostrare che New Forests abbia agito deliberatamente sulla base della nostra analisi statistica, a nostro giudizio non vi è alcuna spiegazione ragionevole per questi risultati se non che ci sia stato un comportamento deliberato per trarre vantaggio dalle carenze nei protocolli delle compensazioni", ha detto Badgley, il ricercatore principale. 

New Forests ha gestito il primo progetto ufficiale nel programma della California, registrando 7.660 acri di terreno forestale all’interno o vicino alla Riserva Yurok, che si estende per più di 40 miglia lungo il fiume Klamath, in prossimità della costa occidentale. Lo stato ha emesso più di 700.000 crediti per il progetto per il suo primo anno, per un valore di 9,6 milioni di dollari a tassi recenti. 

I funzionari statali hanno indicato la partecipazione della tribù come un trionfo del programma. Nel 2014, il consiglio ha pubblicato un video promozionale che mostrava il meticoloso lavoro di misurazione degli alberi nel progetto Yurok. James Erler, l'allora direttore forestale della riserva indiana, ha spiegato come le compensazioni consentissero ai nativi di ridurre il disboscamento. Verso la fine del video, Shillinglaw è apparso in una foresta illuminata dal sole, indossando una camicia con colletto e una giacca con il marchio di New Forests. 

CarbonPlan stima che il progetto abbia guadagnato più di mezzo milione di crediti fantasma per un valore di quasi 6,5 milioni di dollari. I ricercatori dicono che è stato sovravvalutato in quanto il confine che divide le regioni costiere e interne della California attraversa il centro della riserva. Le foreste ricche di carbonio su entrambi i lati di quella linea sono simili, piene di grandi abeti di Douglas come la maggior parte della regione costiera. 

Ma più del 99 per cento della foresta designata per la conservazione rientra nella zona interna, dove i livelli medi di carbonio sono molto più bassi. Il fatto che il progetto fosse situato nella zona più ricca di carbonio di quella zona ha permesso ai proprietari terrieri di guadagnare un numero esagerato di crediti. 

Almeno una persona coinvolta negli sforzi di compensazione della foresta della tribù Yurok era consapevole di come le scelte geografiche cambiano i crediti che possono essere guadagnati. Nel 2015, Erler,  al National Indian Timber Symposium, ha detto che “la riserva indiana ha il grande onore di avere il confine che attraversa il suo territorio e di veder applicati criteri diversi da quelli validi per la regione a ovest. La vegetazione può anche essere la stessa, ma la situazione cambia”.

Badgley ha affermato che, sebbene i ricercatori non possano parlare delle intenzioni degli attori coinvolti, è chiaro che questo progetto "ha beneficiato del credito eccessivo e che il guardaboschi della tribù Yurok era consapevole di come gli aspetti specifici delle regole del protocollo criticate dal nostro studio avrebbero portato a possibili profitti".

In una dichiarazione inviata per e-mail, il portavoce di Yurok Matt Mais ha affermato che la tribù ha sempre agito in buonafede. Negli ultimi dieci anni circa, i nativi americani hanno lentamente riacquistato decine di migliaia di acri del loro territorio ancestrale, dentro e intorno allo spartiacque del Blue Creek e altri corsi d'acqua che sostengono la migrazione del salmone, dalla Green Diamond Resource Company, un'importante azienda di legname con sede a Seattle. 

I complessi accordi fondiari a più fasi sono stati conclusi in collaborazione con la Western Rivers Conservancy senza scopo di lucro e finanziati attraverso sovvenzioni governative, donazioni filantropiche e la vendita dei crediti compensativi della tribù. "Abbiamo recuperato foreste e inserito nuovi terreni nei programmi climatici della California a sostegno degli obiettivi strategici della nostra tribù, tra cui la protezione dell'habitat dei salmoni, il sostegno alla rivitalizzazione della nostra cultura e allo sviluppo dell'autosufficienza economica", ha scritto Mais.

"È offensivo affermare che la tribù Yurok ha "sfruttato "le normative climatiche della California", ha aggiunto. "Altrettanto sorprendente è il fatto che le istituzioni ora ci critichino per l'utilizzo legale ed etico di un programma creato per proteggere le foreste mature e quindi per l'utilizzo di quei fondi per acquistare e ripristinare più terreni forestali che erano, a un certo punto, nostri".

New Forests ha difeso le sue pratiche nelle risposte alle domande via e-mail, sostenendo che i suoi progetti hanno preservato gli stock di carbonio esistenti e rimosso CO2 dall'atmosfera attraverso la successiva crescita degli alberi "come confermato tramite la verifica di terze parti". In una dichiarazione, l’azienda ha affermato di aver lavorato a progetti in numerose aree, non solo lungo i confini regionali del programma, aggiungendo che un progetto con la Chugach Alaska Corporation ha consentito il ritiro permanente di una parte significativa delle riserve di carbone nel Bering River Coal Field, nel sud-est dell'Alaska. 

Con un’e-mail, CarbonPlan ha risposto che il suo documento critica il disegno del programma, non la tribù Yurok o altri proprietari terrieri. Né afferma che qualcuno abbia infranto le regole. "Riconosciamo le ingiustizie subite dalla tribù Yurok, incluso il sequestro delle loro terre storiche da parte del governo degli Stati Uniti e dei suoi cittadini", ha affermato l'associazione senza scopo di lucro. "Riconosciamo anche il legittimo interesse della tribù Yurok nel garantire risorse per riacquistare terre che in precedenza appartenevano alla tribù e alla sua gente". 

Un segreto di Pulcinella

Chris Field, professore di studi ambientali della Stanford University, è stato coautore di una ricerca del 2017 in cui si è scoperto che il programma della California stava aiutando a prevenire le emissioni a conti fatti riducendo il disboscamento. Circa il 64 per cento dei 39 progetti studiati è stato "registrato all'inizio del progetto o prima". Field ha detto che il programma statale è "relativamente ben progettato per affrontare questioni chiave", ma ha detto che può e deve essere migliorato.

Ha aggiunto che ci sono limiti precisi al ruolo che le compensazioni possono svolgere in California. Da ora fino al 2025, gli inquinatori statali possono acquistare solo compensazioni per coprire fino al 4 per cento delle loro emissioni di carbonio; dal 2026 al 2030, il limite sale al 6 per cento.

Ma i numeri sottovalutano il ruolo fondamentale delle compensazioni nel programma cap-and-trade della California, visto da alcuni come un modello per la politica climatica basata sul mercato. In base a questo programma, la California vende permessi, ognuno del valore di una tonnellata metrica di CO2, che consentono a determinate industrie di emettere gas serra. Lo stato inoltre concede regolarmente un certo numero di permessi a varie aziende regolamentate. Il numero totale di permessi, chiamato "limite", diminuisce nel tempo. 

Chi inquina può anche acquistare permessi da altre aziende con extra da spendere, il che costituisce il "commercio". Oppure possono acquistare crediti di compensazione del carbonio, che costano leggermente meno dei permessi. Per partecipare al programma di compensazione, i proprietari terrieri devono assumere tecnici per esaminare gli alberi sulla loro terra, quindi prendere dati come il tipo di albero, l'altezza e il diametro e collegarli alle equazioni per stimare il carbonio immagazzinato per acro. 

La maggior parte dei crediti viene distribuita durante le fasi iniziali di un progetto, il che può aiutare a rimborsare i costi di installazione. I progetti possono anche guadagnare crediti aggiuntivi nel tempo man mano che gli alberi crescono e assorbono CO2, ma questi crediti si accumulano lentamente e sono schiacciati da quelli iniziali dati alle foreste con più carbonio rispetto alla media regionale. 

Il tipo di progetti forestali analizzati da CarbonPlan rappresenta il 68 per cento di tutti i crediti emessi dall'Air Resources Board dal lancio del programma, eclissando di gran lunga, come ha scoperto VarbonPlan, altri tipi di compensazioni come la cattura del metano da aziende lattiero-casearie o miniere di carbone.  Il cap-and-trade è progettato per ridurre l'impronta di carbonio dello stato di 236 milioni di tonnellate di CO2 nel prossimo decennio, circa un terzo delle riduzioni cumulative necessarie per raggiungere gli obiettivi di emissioni dello stato in quel periodo. 

Barbara Haya, che guida il Berkeley Carbon Trading Project dell'UC Berkeley ed è coautrice dello studio di CarbonPlan, ha calcolato che fino alla metà dei tagli alle emissioni cap-and-trade potrebbero derivare da compensazioni. Per Haya le pratiche di selezione sono un segreto di Pulcinella. Lo studio "sta rivelando a tutti quello che molti esperti del settore già sanno", ha concluso. 

Conservazione vs. clima 

I sostenitori degli offset forestali affermano che nessun sistema è perfetto e che concentrarsi esclusivamente sulla matematica del carbonio trascura gli incentivi creati dalle compensazioni per la protezione delle foreste. Field ha affermato che questi sistemi dovrebbero bilanciare due obiettivi: garantire riduzioni reali delle emissioni e creare modi per finanziare la conservazione delle foreste. Se lo studio di CarbonPlan mostra che i progetti gravitano verso foreste ad alto contenuto di carbonio, allora quelli sono esattamente i tipi di alberi che si dovrebbero salvare "se si mette in atto un programma di conservazione", ha spiegato.

Cody Desautel, presidente dell'Intertribal Timber Council, un consorzio senza scopo di lucro di tribù native con sede a Portland, ha affermato che i programmi di compensazione hanno fornito flessibilità finanziaria fondamentale per le tribù di nativi. Hanno permesso loro di riacquistare terreni storici, costruire le infrastrutture necessarie, creare posti di lavoro per i membri o semplicemente risparmiare denaro per la sicurezza finanziaria. Ma soprattutto, hanno creato incentivi per gestire le foreste in modo sostenibile, ha detto.

"Le tribù sono molto attente alla conservazione", ha detto Desautel, che è anche il direttore delle risorse naturali per la Confederated Tribes of the Colville Reservation di Washington, che gestisce un progetto di compensazioni in linea con il sistema della California. “Le loro pratiche si basano in gran parte su ciò che è meglio per l'ecosistema, non su ciò che ha più senso dal punto di vista economico. "Se non c'è alcun valore nel possedere terreni forestali”, ha aggiunto, “probabilmente non rimarranno terreni forestali a lungo nel futuro".

"La nostra partnership con New Forests fornirà alla tribù i mezzi per incrementare la biodiversità, accelerare il ripristino dei bacini idrografici e aumentare l'abbondanza di importanti risorse culturali come ghiande, mirtilli e centinaia di piante medicinali che prosperano in un ecosistema forestale pienamente funzionante", ha sostenuto qualche tempo fa Thomas P. O'Rourke Sr., allora presidente del Consiglio tribale Yurok.

Ma se l'obiettivo sociale è preservare le foreste, sarebbe più semplice ed efficace finanziarle direttamente, ha affermato Haya, l'esperta della UC Berkeley. Non appena queste foreste vengono vincolate in un programma di compensazione, la matematica del carbonio conta, perché ogni tonnellata in più presumibilmente conservata sugli alberi consente agli inquinatori di acquistare il diritto di generare una tonnellata aggiuntiva di CO2. Le compensazioni forestali attraggono il pubblico in parte a causa di ciò che gli accademici chiamano "charismatic carbon", vale a dire una storia di benefici ambientale e sociale del carbonio.

"Qualsiasi buon sostenitore della conservazione direbbe che c'è un disperato bisogno di maggiori finanziamenti, e siamo completamente d'accordo", ha detto Cullenward di CarbonPlan in una e-mail. Il "problema non è che la conservazione è un male, ma che il sistema di compensazione del carbonio incanala questi bisogni reali e le speranze sincere in un sistema che macina tutto e sputa spazzatura dall'altra parte".

Il miglior rapporto qualità-prezzo

L'Air Resources Board della California ha approvato le regole ufficiali del programma di compensazione forestale nel 2011, dopo anni di discussioni con dozzine di esperti, inclusi scienziati governativi e personale di gruppi di conservazione. Nell'adottarle, l'agenzia ha fatto molto affidamento sulla Climate Action Reserve, un'organizzazione no profit che ha creato programmi con crediti compensativi volontari. L'organizzazione no profit, che continua a fornire consulenza all'agenzia, ha calcolato le medie regionali di carbonio come parte di un'iniziativa per aggiornare le sue regole di compensazione volontaria. 

Per fare ciò, l'organizzazione non profit ha utilizzato i dati dell’US Forest Service, che esamina decine di migliaia di appezzamenti forestali a livello nazionale, e ha raggruppato i dati di diverse specie di alberi, combinando i dati di varie zone geografiche in aree regionali più ampie chiamate supersezioni. Questa semplificazione ha permesso alla Climate Action Reserve di creare una serie di valori di riferimento comuni che stimavano la quantità di carbonio immagazzinata nelle tradizionali foreste di proprietà privata. Le linee di base tengono conto di tali usi della foresta come registrazione.

Ma l'uso di queste ampie medie ha oscurato le differenze reali sul terreno. Alcuni addetti ai lavori e ricercatori del settore hanno iniziato a notare che i proprietari terrieri e gli sviluppatori posizionavano abitualmente i loro progetti in aree in cui il tratto specifico di foresta differiva notevolmente dalle medie regionali.

Zack Parisa, amministratore delegato dell’azienda di compensazione del carbonio SilviaTerra, consulente per sviluppatori di progetti e proprietari terrieri che iscrivono foreste nel sistema della California, ha detto che ha poco senso incolpare i proprietari terrieri o gli sviluppatori di progetti, che agiscono per interesse personale razionale. "Se qualcuno si presenta e offre un contratto per l'acquisto di carbonio e non richiede loro di cambiare nulla su come gestiscono le foreste, è denaro gratuito e sarebbero stupidi a non prenderlo", ha spiegato. 

Secondo CarbonPlan, oltre a New Forests, altri sviluppatori hanno lavorato a progetti in cui confini favorevoli e tipi di foresta aumentavano i crediti che potevano essere guadagnati. Questi includono Bluesource e Finite Carbon, di cui BP ha acquistato una quota di maggioranza alla fine dello scorso anno. I ricercatori hanno scoperto che i progetti di questi due sviluppatori di progetti, presi insieme, hanno generato fino a 24 milioni di crediti che non rappresentano riduzioni effettive di carbonio.

Finite Carbon ha rifiutato di rispondere a domande dettagliate, ma ha sottolineato che l'Air Resources Board e un revisore indipendente hanno riscontrato che i loro progetti erano conformi alle regole. In una dichiarazione, l’azienda ha affermato che c'erano "domande senza risposta" sulla metodologia dello studio di CarbonPlan, aggiungendo, "tuttavia non possiamo commentare ulteriormente in quanto i dati grezzi sottostanti non sono attualmente disponibili per una revisione pubblica". 

Emily Six, responsabile del marketing e della comunicazione di Bluesource, ha negato che l’azienda avesse in qualche modo violato le regole. In un'e-mail, Six ha affermato che il programma della California sottostima effettivamente il carbonio preservato attraverso i progetti, non accreditando la quantità immagazzinata in altre parti della foresta come suolo, arbusti e fogliame. Ha anche sottolineato che senza compensazioni, alcuni proprietari terrieri avrebbero potuto portare le loro foreste a livelli di carbonio ben al di sotto della media regionale.

Gli esperti che hanno scritto le regole originali per le compensazioni si basavano sull'unico set di dati forestali nazionali disponibile del Forest Inventory and Analysis Program dell’US Forest Service, ha affermato Constance Best, cofondatrice del Pacific Forest Trust. L'organizzazione no profit per la conservazione è stata strettamente coinvolta nella creazione del primo programma e vi ha partecipato anche successivamente.

Best ha affermato che era necessario creare medie di carbonio per regioni e tipi di foreste più grandi perché non c'erano dati a grana fine sufficienti per garantire l'accuratezza a livelli locali. Ha contestato l'affermazione di CarbonPlan secondo cui i suoi ricercatori avevano creato un modo migliore per calcolare le medie regionali, poiché il loro metodo richiedeva di fare affidamento su un numero inferiore di appezzamenti forestali. ”La loro soluzione crea più problemi ed esagera deliberatamente ciò che essi presentano come progetti che hanno ricevuto troppi crediti", afferma Best.

In una dichiarazione inviata tramite posta elettronica, CarbonPlan ha riconosciuto che l'utilizzo di un minor numero di appezzamenti forestali comporta una certa incertezza. Ma i ricercatori hanno sostenuto di averne chiaramente fornito conto e di aver considerato il mix specifico di specie di alberi in ciascun progetto. CarbonPlan ha anche ribattuto l'accusa di parzialità: "Avendo svolto il nostro lavoro sulla base di ampi registri di programmi pubblici e con metodi, dati e codice completamente riproducibili, siamo fiduciosi che altri ricercatori siano in grado di giudicare il nostro articolo in base a contenuti".
 
Sebbene il board abbia aggiornato le medie regionali sulla base di dati forestali più recenti, i critici affermano che i tentativi di affrontare problemi di fondo sono stati vanificati. I ricercatori e gli attivisti si preoccupano anche degli stretti legami tra l'Air Resources Board e i gruppi che ora traggono profitto dal programma. Per esempio, ogni volta che un proprietario terriero vuole iscrivere un tratto forestale al programma della California, apre un conto presso la Climate Action Reserve o altre due organizzazioni non profit che hanno ricevuto la benedizione del board per esaminare i documenti. 

Se il progetto supera la revisione della Climate Action Reserve e un successivo audit da parte del consiglio di stato, l'organizzazione no profit addebita 19 centesimi per ogni credito emesso. Per uno dei più grandi progetti del programma si sarebbe arrivati a più di 1 milione di dollari. "Mi colpisce l’enorme conflitto di interessi determinato da questo coinvolgimento finanziario ai progetti", dice in un’e-mail David Victor, professore dell'Università della California, a San Diego, che ha studiato da vicino i sistemi di compensazioni internazionali (Victor è coautore del libro Making Climate Policy Work con Cullenward).

La Climate Action Reserve non ha risposto a molteplici richieste di commento.

Troppo bello per essere vero

Legni teneri resistenti alla siccità come ginepri e pini pinyon dominano nel paesaggio caldo e secco del New Mexico centrale, con un'infarinatura di abeti Douglas e abeti rossi più alti nelle parti più fresche e più alte delle montagne. Ma secondo le regole iniziali del programma della California, queste foreste sono considerate carbon free.

L'errore deriva dal fatto che non c'erano dati disponibili del servizio forestale in quella parte del New Mexico quando la Climate Action Reserve ha calcolato le medie regionali, ha detto Olaf Kuegler, uno statistico del servizio forestale che ha fornito assistenza tecnica all'organizzazione no profit per il database federale.

Di conseguenza, l’agenzia ha fissato a zero la media regionale per un'area che si estende per quasi 54.000 km quadrati, il che significava che chiunque possedesse poche dozzine di alberi poteva guadagnare crediti di carbonio. Kuegler ha detto di non essere stato a conoscenza dell'errore fino all'inizio o alla metà del 2014, quando Barbara Bamberger, dipendente dell'Air Resources Board, gli ha chiesto di parlarne. 

Bamberger, che guida il lavoro del consiglio di amministrazione sugli offset forestali, in seguito ha evidenziato l'errore durante un webinar dell'ottobre 2014 sulle compensazioni. Durante la sua presentazione, Bamberger ha detto che il consiglio stava aggiornando le medie regionali in modo da portare a grandi cambiamenti in alcune aree.  "Ciò può essere dovuto al fatto che non esistevano dati per alcuni anni nel periodo originale dal 2002 al 2006", ha spiegato. "Per esempio, nel New Mexico i dati non sono stati raccolti fino alla fine di quel periodo”.

Quasi un anno esatto dopo la presentazione di Bamberger, un’affiliata di New Forests ha presentato i documenti per un progetto di quasi 222.000 acri nel New Mexico, che si estende attraverso la riserva di quasi mezzo milione di acri della Mescalero Apache Tribe a circa 90 minuti a ovest di Roswell. Secondo quanto scritto nel progetto, più di un terzo degli alberi erano abeti Douglas ricchi di carbonio. Shillinglaw ha firmato i moduli.

L’erroneo calcolo del basso tenore di carbonio ha permesso a chi ha presentato il progetto di affermare che avrebbero potuto intervenire pesantemente sulla foresta, aumentando la quantità di crediti. Il progetto ha realizzato 3,7 milioni di crediti per il suo primo anno, per un valore di oltre 50 milioni di dollari.

Quando le regole aggiornate del board della California sono entrate in vigore due settimane dopo, è stata stabilita una media regionale molto più alta per la maggior parte dell'area del progetto. Se il nuovo standard fosse stato applicato prima, avrebbe eliminato quasi tutti i crediti guadagnati dal progetto, spiega CarbonPlan. Il progetto ha generato più crediti fantasma di qualsiasi altro nello studio dell'organizzazione no profit, sulla base dei suoi calcoli più conservativi delle medie regionali di carbonio.

Il presidente della riserva degli Apache Mescalero all'epoca, Danny Breuninger Sr., disse che la tribù accoglieva con favore il progetto. "Nessuno di noi aveva sentito parlare del programma di credito di carbonio”, commentò, “ma è stato un ottimo affare".  In una dichiarazione, l'Air Resources Board ha affermato che il progetto ha soddisfatto tutti i requisiti del programma previsti in quel momento. Il fatto che il consiglio fosse in procinto di sviluppare nuove medie regionali utilizzando dati che non esistevano in precedenza non ha reso le cifre precedenti "non valide o errate", ha aggiunto. 

Una seconda ondata di colonizzazione
 
I crediti fantasma sono importanti perché consentono ad altre aziende di acquistare il diritto di continuare a emettere gas serra reali. Secondo gli ultimi dati disponibili, i crediti del progetto della riserva degli Apache Mescalero sono stati venduti a PG&E, Chevron e un’azienda che trivella per il petrolio nella contea di Kern, in California. 

Il progetto di 7.660 acri della tribù Yurok ha generato crediti ottenuti da una varietà di aziende operanti nel settore energetico, come Calpine, PG&E e Shell.  Alcuni membri della tribù sono profondamente a disagio all'idea di vendere compensazioni, anche se legittime, ad aziende che traggono profitto dall'inquinamento. 

Le compensazioni, per definizione, consentono alle aziende californiane di continuare a produrre più CO2  di quanto altrimenti consentito - così come gli inquinanti tossici come fuliggine e metalli pesanti che spesso accompagnano tali emissioni - spesso vicino a quartieri poveri. Le comunità vicine a raffinerie, forni per cemento e centrali elettriche si sono spesso opposte ai programmi di compensazione. 

Thomas Joseph, un attivista e membro della tribù della Hoopa Valley in California, ha detto che chi sviluppa i progetti si interessa alle riserve perché le tribù hanno "un disperato bisogno di entrate" e possiedono vasti tratti di foresta per lo più intatta. Ha detto che la sua tribù ha resistito a diverse proposte da parte degli ideatori dei progetti. "Consentire alle aziende di continuare a inquinare", ha detto, "va contro i nostri valori culturali". A mio parere si tratta di una seconda ondata di colonizzazione.

Desautel, presidente dell'Intertribal Timber Council, la vede diversamente. “Chi inquina con il cap-and-trade deve pagare lo stato per il permesso di inquinare, o i proprietari terrieri attraverso la compensazione del carbonio. È solo una questione di dove vanno a finire i soldi", spiega. Parisa di SilviaTerra ha affermato che i proprietari terrieri e gli sviluppatori di progetti continueranno ad approfittare delle lacune nel programma fino a quando non si interverrà. "Abbiamo bisogno di regole migliori e di assicurarci che i dollari spesi cambino effettivamente le cose”, conclude.

(rp)
  • La media regionale di CO2 per le foreste miste di conifere nella regione interna è molto inferiore alla media per foreste simili nella regione costiera. Fonte: California Air Resources Board, Forest Inventory and Analysis Program Credito: Lucas Waldron, ProPublica
  • La regione interna è stata creata combinando tre diverse regioni ecologiche, come definito dal servizio forestale degli Stati Uniti, alcune delle quali hanno livelli di carbonio molto più elevati di altre. Fonte: California Air Resources Board, Forest Inventory and Analysis Program Credito: Lucas Waldron, ProPublica
  • La maggior parte dei progetti di compensazione della California settentrionale sono raggruppati lungo il confine occidentale della regione interna, dove è più probabile che i progetti beneficino di crediti gonfiati. Fonte: California Air Resources Board, Forest Inventory and Analysis Program Credito: Lucas Waldron, ProPublica
  • Fonte: California Air Resources Board, CarbonPlan Credito: Lucas Waldron, ProPublica