Le fabbriche in Cina producono sostanze illegali
Uno studio di Nature colloca in Cina la produzione di sostanze messe al bando da anni per cercare di permettere allo strato di ozono di riformarsi.
di James Temple 26-06-18
Uno studio pubblicato il mese scorso ha rivelato che le concentrazioni di clorofluorocarburi nell’atmosfera sono ancora inaspettatamente elevate, alimentando un mistero scientifico sul possibile responsabile. I clorofluorocarburi danneggiano l’ozono e, pertanto, la loro produzione è proibita ormai da diversi anni.