Seguici
Iscriviti alla nostra newsletter

    Facebook può proteggere i vostri dati, in cambio delle vostre foto più riservate

    Facebook presenta un nuovo programma per la lotta al revenge porn che, però, chiede proprio di condividere con i suoi revisori i contenuti che non vorreste mai vedere condivisi.

    di Erin Winick

    Il nuovo programma pilota di Facebook mira a prevenire le azioni di revenge porn, a patto che condividiate con il social network le vostre immagini compromettenti.

    Il programma: Qualora le vostre immagini intime venissero condivise su Facebook senza il vostro permesso, potreste contattare la società per farle rimuovere. Facebook creerebbe quindi un algoritmo identificativo in grado di impedire alla stessa immagine di comparire nuovamente.

    La nuova strategia: La società sostiene ora di poter garantire che le vostre immagini compromettenti non vengano condivise senza il vostro consenso. A una condizione: andranno fornite direttamente a Facebook. Così facendo, il membro di un gruppo composto da cinque revisori esaminerà ciascuna immagine e vi assegnerà una impronta riconoscibile.

    Perché conta: Questa nuova strategia potrebbe rappresentare un importante passo per la lotta al revenge porn. Allo stesso tempo, però, comporta una richiesta di fiducia da parte di una società che, recentemente, ha fatto ben poco per guadagnarsi il rispetto dei suoi utenti. Ci ricorda inoltre che l’intervento umano resta ancora un elemento alquanto importante per il controllo dei contenuti che vengono condivisi in rete.

    (MO)

    Related Posts
    Total
    0
    Share