Log In
Non hai un account? Registrati
I dati inseriti non sono corretti.
Usa un account esistente:
Il segno di Zohr
Cosa cambia nel Mediterraneo
Di Luca Longo il 19-09-15
Era ancora sulle prime pagine la notizia della scoperta del giacimento gigante di gas individuato da Eni nell'offshore egiziano a fine agosto, che l’amministratore delegato Claudio Descalzi - in una audizione davanti alle commissioni riunite Attività produttive della Camera e Industria del Senato tenutasi il 9 settembre - ha rilanciato annunciando che la maxi scoperta potrebbe riservare altre sorprese.

I primi dati hanno dimostrato che il pozzo Zohr IX - dove è stato trovato il giacimento di classe supergiant più grande del Mare Mediterraneo e forse uno dei più grandi al mondo - offre un potenziale stimato in 850 miliardi di metri cubi di gas (pari 5,5 miliardi di barili di olio equivalente) e un'estensione di circa 100 chilometri quadrati. Il giacimento sembra avere caratteristiche definite “incredibili” dall’AD En nella sua audizione: “non c’è anidride carbonica, non c’è zolfo, è praticamente metano puro che non richiede particolari purificazioni”. Inoltre, si trova già “ad alta pressione, a una temperatura relativamente bassa” e si trova solo a poche decine di km dal centro Eni di Al Gamil per il trattamento del gas. Ma i tecnici Eni hanno trovato indizi che dimostrerebbero come proprio sotto questo giacimento, risalente al Miocene Inferiore, se ne possa trovare un secondo risalente al Cretaceo e di dimensioni ancora non definite.

Il primo obiettivo di Eni sarà verificare e quantificare questa possibilità: la nave esplorativa Saipem 10000 sta avviando nuove perforazioni in quell’area proprio a questo scopo. Ma non meno importante è la definizione di un piano di sviluppo serratissimo che permetta il rapido sfruttamento del giacimento scoperto e la sua integrazione nella rete di infrastrutture esistenti per l’estrazione, il trattamento e la distribuzione del gas. Eni non si è sbilanciata in stime sul ritorno economico dell’investimento, ma analisti esterni ipotizzano che si possano ricavare da 3 a 5 miliardi di euro, in funzione dell’estrema volatilità attuale del prezzo di vendita degli idrocarburi. Descalzi prevede che già a dicembre saranno ultimate le procedure di richiesta di sfruttamento della concessione e si sarà insediato il board che gestirà l’investimento. Il cronoprogramma sarà comunque strettissimo su richiesta delle stesse autorità egiziane che vogliono poter raggiungere l’emancipazione energetica nel più breve tempo possibile.
Gentile utente per visualizzare l'articolo completo, accedi o registrati per far parte degli insider di Technology Review Italia.
Advertisement