• Ms Tech / Pexels

Verso nuovi record nel consumo globale di carne

Il problema climatico appare pressante e la soluzione non potrà essere dire alle persone di smettere di mangiare carne, ma offrire fonti proteiche alternative e nuovi sistemi di allevamento.

Bill Gates ha fatto notizia all'inizio di quest'anno per aver affermato che "tutti i paesi ricchi dovrebbero passare al manzo sintetico al 100 per cento" in un'intervista con “MIT Technology Review” in merito all'uscita del suo nuovo libro, How to Avoid a Climate Disaster. Sebbene abbia riconosciuto la difficoltà politica di dire agli americani che non possono più mangiare carne rossa, Gates ha affermato di vedere un reale potenziale nelle alternative a base vegetale di aziende come Beyond Meat e Impossible Foods.

Tuttavia, nel 2021 il mondo dovrebbe mangiare più carne che mai. L'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura prevede che il consumo globale di carne aumenterà di oltre l'1 per cento quest'anno. La crescita più rapida si verificherà nei paesi con redditi medi e bassi in costante aumento. (Si veda grafico a lato)

Ciò genererà un incremento dei gas serra. Si prevede che le emissioni globali derivanti dalla produzione alimentare subiranno un rialzo del 60 per cento entro il 2050, in gran parte a causa della maggiore produzione di bestiame.

Tuttavia, è improbabile che il tentativo di allontanare le persone dalla carne possa invertire questa tendenza. Dopo decenni di campagne per la salute pubblica negli Stati Uniti, il consumo pro capite di carne bovina è diminuito notevolmente, ma rimane comunque superiore a quasi tutti gli altri paesi.

Invece, i responsabili politici e i gruppi ambientalisti dovrebbero sostenere gli sforzi per sviluppare fonti proteiche alternative e metodi di allevamento animale a basso impatto. L'innovazione in entrambe queste aree ci darà la possibilità di ridurre rapidamente l'impatto ambientale dell'agricoltura, consentendo comunque alle persone di tutto il mondo di mangiare ciò che vogliono.

Solo i sostituti della carne possono portarci lontano

Gates ha ragione quando sostiene che le carni alternative possono alleviare alcuni dei problemi che derivano dall'allevamento del bestiame. L'impronta di carbonio delle carni vegetali è inferiore a quella di manzo e maiale e paragonabile a quella di pollo e altro pollame.

L'impronta di carbonio della carne coltivata in cellule (indicata anche come carne pulita, coltivata in vitro in laboratorio o basata su cellule) non è ancora chiara, ma le prime prove suggeriscono che questa fonte di cibo sarà meno ad alta intensità di carbonio della carne di manzo e potrebbe essere paragonabile al pollo se prodotta con energia pulita.

Ci sono anche altri vantaggi. Le carni alternative, in generale, riducono l'uso del suolo e la deforestazione, proteggono la biodiversità, producono meno inquinamento atmosferico e idrico, mitigano i rischi di resistenza agli antibiotici e pandemie zoonotiche, riducono gli oneri per la salute pubblica associati al consumo di carne rossa e riducono le preoccupazioni per il benessere degli animali.

Tuttavia, carni alternative come Beyond Sausage e Impossible Burger possono ridurre solo moderatamente la produzione zootecnica. Semplicemente non ci sono sostituti vegetali o cellulari che abbiano un sapore, un aspetto e provochino una sensazione simili ai tagli di carne intera come le costolette di maiale o il controfiletto. E questi tagli interi costituiscono una quota importante del consumo di carne. Negli Stati Uniti, ad esempio, i tagli interi rappresentano circa il 40 per cento del consumo di carne bovina e la maggior parte del pollo che le persone mangiano.

Gli investimenti del settore pubblico e privato in carni alternative potrebbero stimolare lo sviluppo di alternative al taglio intero. Paesi come Canada, Singapore e Israele hanno già destinato fondi governativi a tale ricerca. Sebbene le proteine alternative siano ancora piuttosto nuove, il loro successo iniziale suggerisce che potrebbero avere un impatto positivo a lungo termine, soprattutto perché i progressi tecnologici riducono i prezzi e migliorano la qualità.

Allevamenti rispettosi del clima

Tuttavia, investire in carni alternative è solo una parte della soluzione. Capire come allevare il bestiame senza generare maggiori emissioni è un altro pezzo fondamentale del puzzle.

Si prevede che carni alternative, latte di origine vegetale e altre proteine alternative conquisteranno meno del 25 per cento del mercato globale delle proteine entro il 2035. Anche negli scenari più ottimistici per l'adozione di carni alternative, l'aumento della domanda globale di carne e altre forme di proteine significa che la produzione di bestiame rimarrà probabilmente vicina ai livelli attuali. I metodi a basso impatto contribuiranno comunque a ridurre l'inquinamento e a migliorare la salute umana.

Le aziende stanno già lavorando ad alcuni modi promettenti per i produttori di carne di ridurre le emissioni. Aziende come la svizzera Mootral stanno sviluppando additivi per mangimi da fonti che vanno dalla citronella all'alga rossa che possono far ruttare le mucche con una produzione minore di metano (un potente gas serra), e aziende come Burger King hanno pubblicizzato il loro sostegno per tali metodi.

Alcuni critici hanno accusato queste aziende di ecologismo di facciata. Sostengono, correttamente, che dare al bestiame alimenti diversi o garantire che siano "nutriti con erba" non può azzerare le emissioni in quanto le mucche nutrite con erba sono in genere associate a emissioni più elevate di quelle alimentate con cereali. E queste opzioni certamente non possono risolvere altri problemi, come la deforestazione o la sofferenza degli animali.

Tuttavia, tali iniziative sono necessarie anche per decarbonizzare rapidamente l'agricoltura. Gli additivi per mangimi come i prodotti di Mootral o le alghe rosse potrebbero ridurre immediatamente le emissioni di metano dei bovini, così come potrebbe far incorporare più grassi e proteine nella loro dieta. E intensificare la produzione di bestiame, per esempio fornendo mangimi a base di colture e aumentando la produttività dei pascoli, è una delle nostre più importanti opportunità per ridurre l'uso e le emissioni dei terreni agricoli globali.

Migliorare l'alimentazione del bestiame, intensificarne la produzione ed esplorare altri modi per ridurne gli impatti climatici richiederanno investimenti governativi per avere successo. Molte di queste opzioni rimangono oggi proibitive in termini di costi o sono scarsamente studiate e poco comprese nella produzione zootecnica.

In alcuni paesi come gli Stati Uniti, le agenzie governative finanziano la maggior parte della ricerca sul bestiame. Chi gestisce tali finanziamenti, che svolgono già un ruolo chiave nell'aiutare gli agricoltori ad allevare bovini più sani e produttivi, dovrebbe anche sostenere la ricerca e l'allevamento di bovini che emettono basso contenuto di metano.

Gli investimenti federali che mirano ai progressi nelle pratiche di mitigazione del clima dal lato dell'offerta, come il miglioramento degli additivi per mangimi, integrerebbero i cambiamenti sul lato della domanda dalla carne convenzionale. Come primo passo, l'aumento dei finanziamenti complessivi per i programmi di ricerca, estensione e istruzione del Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti favorirebbe il lato dell'offerta senza tagliare risorse alla ricerca in altri importanti settori agricoli.

L'amministrazione Biden, anche se ha appena cominciato a discutere della riduzione delle emissioni di bestiame, si è impegnata ad aumentare i finanziamenti per la ricerca e lo sviluppo nel settore agricolo di 647 milioni di dollari, il più grande aumento annuale dell’ultimo trentennio. Questo investimento dovrebbe essere accompagnato da finanziamenti per programmi che incoraggino gli agricoltori ad adottare tecnologie di allevamento rispettose del clima, sia espandendo il programma di incentivi per la qualità ambientale sia creando la "banca del carbonio" proposta dal segretario all'Agricoltura degli Stati Uniti Tom Vilsack.

Fare di più con meno

Guida di meno, vola di meno, mangia meno carne: gli ambientalisti hanno da tempo proposto cambiamenti comportamentali per affrontare le sfide climatiche. Sebbene molti di questi cambiamenti siano più che auspicabili, ignorano le tendenze globali in gran parte fuori dal nostro controllo.

Mangiare meno carne, in particolare manzo e agnello, è sicuramente un cambiamento che molte persone possono adottare per ridurre la propria impronta di carbonio. Ma non dobbiamo riporre le nostre speranze nella prospettiva che miliardi di persone cambino abitudini. Piuttosto, dovremmo usare tutti gli strumenti a nostra disposizione. Ciò significa sostenere cambiamenti nella dieta, proteine alternative, bestiame a basso impatto e altri approcci per ridurre gli svantaggi della produzione di carne e darci opzioni alimentari più sostenibili.

Dan Blaustein-Rejto è direttore dell'alimentazione e dell'agricoltura presso il Breakthrough Institute, un centro di ricerca ambientale a Oakland, in California. Alex Smith è un esperto di ricerca alimentare e agricola presso il Breakthrough Institute, dove studia l'innovazione agricola, il futuro della produzione e del consumo di carne e le proteine alternative. Possiede azioni in Beyond Meat.

(rp)