Seguici
Iscriviti alla nostra newsletter

    Una piattaforma per lo sviluppo industriale sostenibile

    Open-es: la piattaforma digitale per condividere i dati delle filiere produttive aperta a tutte le realtà impegnate nel percorso di transizione energetica.

    di Luca Longo

    Uno spazio di confronto nuovo per aziende virtuose, Open-es è una piattaforma digitale per la condivisione di dati relativi alla sostenibilità delle filiere produttive nata dalla partnership tra Eni, Boston Consulting Group (BCG) e Google Cloud. Si tratta di uno strumento innovativo, inclusivo e aperto a tutte le aziende impegnate nel percorso di transizione energetica, che intendono crescere e migliorare le loro performance economiche seguendo i principi della sostenibilità.  

    La transizione energetica è un percorso di continua trasformazione in cui la collaborazione tra le imprese lungo le filiere produttive riveste un ruolo fondamentale. Accedendo al sito www.openes.io, l’azienda, sia essa una PMI o un grande player industriale, entra a far parte di una vera community che promuove lo sviluppo di processi collaborativi e non competitivi con l’obiettivo di scrivere un futuro basato su 4 pilastri fondamentali: Pianeta, Persone, Prosperità economica e Principi di Governance aziendale. Questi sono alla base delle metriche ambientali, sociali e di governance (ESG) “Stakeholder Capitalism Metrics”, definite dal World Economic Forum e dall’International Business Council (IBC).

    Al momento della messa online, Open-es conta circa 1.000 società, mentre altre aziende “capo-settore” dei principali ambiti industriali si stanno unendo alla community coinvolgendo i propri fornitori e le filiere produttive.

    Nella nuova piattaforma è possibile condividere dati sulle performance aziendali riguardanti la sostenibilità in modo semplice e flessibile. Come JUST, iniziativa interna a Eni rivolta ai propri fornitori, anche Open-es punta a diventare uno strumento concreto di procurement sostenibile, un vero e proprio benchmark capace di influenzare in maniera trasversale aziende leader di settori industriali differenti da quello energetico.

    Attraverso Open-es, i partecipanti alla community potranno:
    Misurare le proprie performance di sostenibilità e confrontarsi con i benchmark di settore attraverso un percorso guidato
    Acquisire consapevolezza sui propri punti di forza e aree di miglioramento sulle diverse dimensioni ESG, in modo da costruire un percorso di sviluppo, suggerimenti e soluzioni che li aiuteranno a colmare i gap e valorizzare i punti di forza
    Coinvolgere i propri fornitori, invitandoli ad entrare su Open-es, migliorando quindi i processi di procurement sostenibile e accedendo a statistiche, analisi di dettaglio e strumenti di collaborazione con la filiera
    Accedere ad un’area di collaborazione dove poter condividere esperienze, dare visibilità alle proprie best practice di sostenibilità ambientale, sociale ed economica e chiedere e offrire supporto

    Open-es accoglie i principi e le indicazioni dell’iniziativa “Stakeholder Capitalism Metrics” con cui il World Economic Forum e l’International Business Council (IBC) definiscono una serie di metriche ambientali, sociali e di governance (ESG) con l’obiettivo di misurare la creazione di valore aziendale nel lungo termine per tutti gli stakeholder.

    A gennaio 2021, in occasione del World Economic Forum tenutosi a Ginevra, i leader di 61 aziende globali, tra cui Eni, hanno sottoscritto un accordo per un futuro energetico sostenibile impegnandosi a:

    Adeguare la propria reportistica dedicata agli investitori e agli altri stakeholder (come il rapporto annuale, il rapporto di sostenibilità, le dichiarazioni di delega) alle metriche fondamentali, presentando le informazioni più rilevanti per il business o spiegando brevemente le motivazioni che sottendono la scelta di un determinato approccio
    Supportare pubblicamente questo strumento e incoraggiare i business partner a fare altrettanto
    Promuovere ulteriormente la convergenza degli standard e dei principi ESG esistenti verso metriche comuni, in modo da favorire la progressione verso una soluzione globalmente accettata per il reporting non finanziario

    Le metriche, derivate da disclosure e standard esistenti, offrono un set centrale di ventuno indicatori comuni e comparabili incentrati su Persone, Pianeta, Prosperità e Principi di Governance, aspetti che sono considerati centrali per il business, la società e il Pianeta, e che le aziende possono rendicontare indipendentemente dal settore o dalla regione.

    Come azienda leader del processo di transizione energetica, abbiamo deciso di dare nuovo valore alla nostra esperienza industriale e al percorso di sviluppo sostenibile intrapreso da tempo mettendo il nostro know-how al servizio dell’intera filiera energetica e degli altri settori industriali al fine di promuovere lo sviluppo di un ecosistema virtuoso.

    (lo)

    Related Posts
    Continua

    L’innovazione parla italiano

    Il convegno “Le vie italiane all’innovazione” proposto la Mit Technology Review Italia al Tecnopolo di Reggio Emilia. Con la presenza dei protagonisti del management industriale italiano. E uno studio sulle aziende che si sono distinte nel cercare, e trovare, nuove strade
    Total
    0
    Share