Un video per migliorare le interazioni con gli utenti

ST presenta TouchGFX 4.18, studiato per favorire l'utilizzo di video e rendere più semplice la collaborazione tra collaboratori. Parola chiave: interagire.

di Fonte ST 26-10-21
TouchGFX 4.18: Interagire con gli utenti attraverso i video

Utilizzare video nelle interfacce utente per sistemi incorporati
Il desiderio di distribuire video tra più interfacce utente è una conseguenza naturale della crescente popolarità dei display sui sistemi embedded. Man mano che sempre più prodotti vengono muniti di schermo, le aziende desiderano utilizzarli per interagire meglio con i propri utenti.

In molti casi, mostrare un video ha la meglio su qualsiasi altra forma di interazione. Ad esempio, una clip su come pulire una macchina da caffè ha un impatto molto maggiore di una descrizione scritta di tutti i passaggi, così come una breve animazione su come sbloccare una stampante risulta molto più utile di un'immagine di avvertimento.

Finora, utilizzare il widget per video del TouchGFX 4.18 obbligava gli sviluppatori a gestire da soli tutti gli aspetti del processo. Gli sviluppatori dovevano, per esempio, implementare un buffer video, capire quale codec avrebbe funzionato meglio sul proprio microcontrollore e determinare come sfruttare un'eventuale accelerazione hardware. Non pochi utenti hanno richiesto una semplificazione della procedura.

Grazie al nuovo widget, l'inserimento di un video all'interno di un'interfaccia utente richiede ora solo tre passaggi di base. Prima di tutto, gli sviluppatori possono scegliere la dimensione e la posizione del video, nonché le sue proprietà fondamentali.



In seconda battuta, il STM32CubeMX consente ai ricercatori di configurare il proprio buffer video. È possibile omettere completamente il buffer, oppure utilizzare uno o due buffer video. Uno è sufficiente per sovrapporre un pulsante e due offrono le migliori prestazioni ma richiedono anche la maggior quantità di RAM.

In terzo luogo, Quando si USA il widget per inserire il video, la prototipazione è resa più semplice dal fatto che TouchGFX Designer carica il file con le altre risorse grafiche.



Un altro aspetto che il widget video TouchGFX 4.18 semplifica è il flusso di lavoro di elaborazione video. Molti sviluppatori faticano a trovare il codec, la velocità dati e la risoluzione migliori per i loro sistemi embedded. In effetti, i vincoli inerenti ai microcontrollori significano che è impossibile prendere un video da uno smartphone o da una fotocamera e riprodurlo. Tuttavia, con il lancio del nuovo widget, i team della ST hanno aggiornato la documentazione di TouchGFX per fornire riferimenti critici. Una delle specifiche principali è che il video deve utilizzare il codec Motion JPEG in un contenitore AVI e, sebbene ci siano molti strumenti diversi per ottenere un file di questo tipo, ecco un esempio di flusso di lavoro.

1- Scaricare un file di prova.
2- Convertire il ​​file in MJPEG e usa un contenitore AVI. Per fare ciò, si utilizza l'applicazione gratuita FFmpeg. Chi lo volesse, trova QUI la guida per installarla. In alternativa, è disponibile il file demo convertito di ST.
3- Carica il file video in TouchGFX Designer 4.1. L'ultimo passaggio consiste nell'utilizzare il widget video all'interno di TouchGFX Designer 4.18 e inserire il nuovo video.

TouchGFX 4.18, Interagire con gli sviluppatori attraverso una migliore collaborazione

Per migliorare le interazioni tra gli sviluppatori, TouchGFX 4.18 ottimizza la collaborazione sul testo. Tradizionalmente, tutto il testo viene archiviato in un file Excel che i team possono esportare. Il formato semplifica il lavoro con vari traduttori in tutto il mondo.

Tuttavia, la gestione delle modifiche può essere un problema. In effetti, invece di utilizzare sistemi di controllo della versione, come Git, i team devono gestire manualmente le modifiche e assicurarsi che nessuno sovrascriva inavvertitamente il lavoro di qualcun altro.

Per risolvere questo problema, TouchGFX 4.18 ora memorizza tutto il testo in un file XML. Il nuovo formato semplificherà notevolmente le operazioni di fusione e la risoluzione dei conflitti. TouchGFX 4.18 include anche un convertitore da XML a Excel per assicurare agli sviluppatori la possibilità di passare liberamente da Excel ad XML.

Migliorare la collaborazione tra gli sviluppatori significa anche aggiornare il testo monouso. Tradizionalmente, TouchGFX Designer memorizza il testo in un database che assegna un ID di riferimento a un contenuto specifico. Di conseguenza, quando gli sviluppatori vogliono chiamare un particolare testo, usano il suo ID. Tuttavia, quando un testo ha un unico scopo, memorizzarlo nel database è uno spreco. TouchGFX assegna quindi al testo monouso un "ID speciale" casuale che impedisce la creazione di due ID di testo monouso identici.

TouchGFX 4.18 ha 2 nuove schede di espansione display

Per celebrare il lancio di TouchGFX 4.18, ST sta rilasciando due nuove schede di espansione del display. L'X-NUCLEO-GFX01M2 è il discendente dell'X-NUCLEO-GFX01M1 lanciato con TouchGFX 4.15. Entrambi hanno ancora un display QVGA SPI da 2,2 pollici (320 x 240) e supportano il flash SPI, ed entrambi hanno come obiettivo una distinta base di circa cinque dollari.

Tuttavia, mentre X-NUCLEO-GFX01M1 supporta solo kit Nucleo a 64 pin selezionati, X-NUCLEO-GFX01M2 è compatibile con una gamma più ampia di sistemi a 64 pin. Di conseguenza, il nuovo sistema supporta schede di sviluppo come NUCLEO-WB55RG, che semplifica lo sviluppo di applicazioni Bluetooth. L'X-NUCLEO-GFX01M2 sarà disponibile per l'ordine durante la settimana 48.

La ST lancia anche X-NUCLEO-GFX02Z1, la prima scheda di espansione del display a supportare un'interfaccia parallela, flash QSPI e schede Nucleo con 144 pin. La piattaforma si rivolge ai microcontrollori con più potenza, il che spiega la compatibilità con le interfacce che offrono larghezze di banda maggiori.

Gli sviluppatori possono utilizzare l'X-NUCLEO-GFX02Z1 con il NUCLEO-U575ZI-Q uscito con i primi STM32U5. Consente quindi agli ingegneri di sfruttare il miglior rapporto prestazioni-per-watt del nuovo MCU per creare interfacce utente che non erano possibili sulle precedenti generazioni di STM32. Inoltre, stiamo aggiornando il pacchetto software di espansione X-CUBE-DISPLAY, che consente l'utilizzo delle nostre schede di espansione display senza necessariamente utilizzare TouchGFX.


(lo)