Seguici
Iscriviti alla nostra newsletter

    Proteina ottenuta dal cordone ombelicale ringiovanisce i cervelli di topi anziani

    Ma non sappiamo ancora come faccia il sangue giovane ad invertire il processo dell’invecchiamento.

    di Jamie Condliffe

    Ricercatori della Stanford hanno dimostrato che una proteina, di cui il sangue del cordone ombelicale dei bambini umani è particolarmente ricco, migliora le capacità cognitive dei topi anziani. La scoperta non è che un altro tassello della teoria secondo cui il sangue giovane conterrebbe un segreto capace di portare a trattamenti contro gli effetti dell’invecchiamento—se solo riuscissimo a comprendere i meccanismi coinvolti.

    Il nuovo studio, pubblicato su Nature, dimostra che i vecchi topi, progettati per resistere alla trasfusione di sangue umano, hanno beneficiato di miglioramenti a livello cognitivo ricevendo iniezioni regolari di plasma ottenuto dai cordoni ombelicali di bambini umani. Gli effetti benefici erano meno pronunciati quando il sangue iniettato originava da giovani umani.

    La squadra della Stanford ha notato nel cervello dei topi, subito dopo le iniezioni, la presenza di una proteina chiamata TIMP2—più concentrata nel sangue ombelicale che in sangue meno giovane. Esperimenti condotti con sangue ombelicale da cui la TIMP2 era stata rimossa non hanno dato gli stessi risultati ringiovanenti, mentre iniezioni di TIMP2 hanno portato a miglioramenti cognitivi.

    Altri ricercatori hanno dimostrato che un’altra proteina, chiamata GDF11, è in grado di invertire il processo d’invecchiamento di muscoli e cervello—per quanto controversa la teoria.

    Un altro studio recente ha rivelato che una terza proteina, chiamata osteopontina, sarebbe in grado di ringiovanire le cellule sanguigne invecchiate. È chiaro che il sangue giovane contiene una combinazione di fattori dall’effetto positivo sulle creature anziane. Manca ancora un’idea precisa di quanti e quali siano, nonché quale sia la combinazione più efficace e come in effetti operino sul corpo e sul cervello.

    Nel frattempo, come riportato da Science, la Stanford non ha perso tempo a brevettare l’utilizzo della TIMP2 per applicazioni anti-invecchiamento, e la californiana Alkahest sta già progettando un prodotto in cui figura.

    Già la Ambrosia offre per 8000 dollari iniezioni di 2 litri di sangue giovane.
    Ma per ora, ogni trattamento simile è solo un salto nel buio.

    (LO)

    Related Posts
    Total
    0
    Share