• Un'illustrazione del lander lunare Starship con alcuni astronauti della NASA. SpaceX

La NASA ha scelto SpaceX

Entro la fine di questo decennio, dopo tanti anni gli astronauti della NASA atterreranno sulla superficie lunare all'interno del veicolo Starship di SpaceX.

di Neel V. Patel 17-04-21
La notizia dell'assegnazione da parte della NASA di un contratto da 2,9 miliardi di dollari per la costruzione di un'astronave, riportata per la prima volta dal “Washington Post” il 16 aprile e successivamente confermata dalla agenzia spaziale, è un enorme traguardo per la compagnia spaziale fondata e gestita dal miliardario Elon Musk, nonché un duro colpo per le speranze dei suoi rivali. 

SpaceX definisce Starship un veicolo spaziale di nuova generazione destinato a portare gli esseri umani sulla Luna e, un giorno, su Marte. Misurando circa 50 metri in altezza e 9 di diametro, Starship è un veicolo riutilizzabile progettato per decollare e atterrare a terra verticalmente. Il piano è che venga lanciato separatamente e rimanga in orbita lunare fino all'arrivo degli astronauti della NASA a bordo della capsula dell'equipaggio di Orion. L'astronave dovrebbe semplicemente traghettare gli astronauti sulla superficie della luna e riportarli indietro.

L'anno scorso, la NASA ha assegnato a tre diversi gruppi contratti per sviluppare ulteriormente le proprie proposte per i lander lunari: 135 milioni di dollari a SpaceX, 253 milioni di dollari all’azienda della difesa Dynetics (che stava lavorando con Sierra Nevada Corporation) e 579 milioni di dollari a quattro team aziendale guidato da Blue Origin (che lavora con Northrop Grumman, Lockheed Martin e Draper). 

SpaceX non ha solo ricevuto la minima quantità di denaro, ma la sua proposta ha anche ottenuto le peggiori valutazioni tecniche e gestionali. L'amministratore associato della NASA (ora ad interim) Steve Jurczyk ha scritto che il sistema di propulsione di Starship era "notevolmente complesso e composto da sottosistemi individuali altrettanto complessi che devono ancora essere sviluppati, testati e certificati con un margine di programmazione minimo per far fronte ai ritardi". Le incertezze sono state solo aggravate dallo storico scarso rispetto delle scadenze da parte di SpaceX.

Da allora, SpaceX ha superato una serie di diversi test di volo di diversi prototipi di astronave su vasta scala, tra cui uno ad alta quota di 10 km e un atterraggio sicuro a marzo (In due casi il volo è terminato con l’esplosione). Secondo il “Washington Post”, i documenti suggeriscono che la NASA era innamorata della capacità di Starship di trasportare grandi quantità di merci sulla luna (fino a 100 tonnellate), per non parlare della sua offerta di 2,9 miliardi di dollari per il contratto, che era molto inferiore a quello dei suoi rivali. 

"Questo innovativo sistema di atterraggio umano sarà un segno distintivo nella storia del volo spaziale", afferma Lisa Watson-Morgan, responsabile del programma della NASA per il sistema di atterraggio lunare. "Siamo fiduciosi nella partnership della NASA con SpaceX".

Per i rivali di SpaceX, è un colpo devastante, specialmente per Blue Origin. L’azienda, fondata da Jeff Bezos, ha presentato il suo lander Blue Moon nel 2019 e ha fatto una campagna pubblica per farlo selezionare dalla NASA per future missioni lunari. Blue Moon è stata probabilmente la più apprezzata delle tre proposte quando la NASA ha assegnato il suo primo round di contratti.

Per SpaceX, è una grande iniezione di fiducia in Starship come elemento tecnologico cruciale per la prossima generazione di esplorazione spaziale. Questo evento si verifica meno di un anno dopo che il veicolo Crew Dragon dell'azienda è stato certificato come l’unico veicolo spaziale americano in grado di portare gli astronauti della NASA nello spazio e sembra confermare che SpaceX è ora il più grande partner privato della NASA, soppiantando aziende veterane come Northrop Grumman e spostando quelle più recenti come Blue Origin ulteriormente ai margini. 

Tuttavia, c'è almeno un grosso ostacolo: Starship deve essere lanciata utilizzando un razzo Super Heavy, un booster che SpaceX deve ancora far volare. Per la NASA, la più grande implicazione è che i veicoli di SpaceX continueranno a svolgere un ruolo importante per Artemis, il programma di esplorazione lunare pubblicizzato come il successore di Apollo. 

La direttiva dell'ex presidente Donald Trump per la NASA di riportare gli astronauti sulla luna entro il 2024 non sembrava praticabile, ma la selezione di un singolo lander con equipaggio suggerisce che la NASA potrebbe non allontanarsi molto da quella scadenza. Le prime missioni Artemis utilizzeranno Orion e il razzo Space Launch System, a lungo ritardato, dovrebbe essere pronto presto. 

(rp)