Seguici
Iscriviti alla nostra newsletter

    LA FDA mette sotto torchio il medico pioniere che ha creato il bambini con tre genitori

    L’agenzia sta usando le maniere forti contro una controversa tecnica per la fertilità che opera con embrioni geneticamente modificati.

    di Emily Mullin

    La U.S. Food and Drug Administration ha vietato al medico di New York che ha aiutato una coppia ad avere un figlio componendo il DNA di tre persone, di procedere con i test clinici che avrebbero dovuto provare la validità della tecnica.

    L’anno scorso, John Zhang, fondatore del New Hope Fertility Center, si è fatto pioniere di un nuovo tipo di fertilizzazione in vitro che prevede il trasferimento di DNA dall’ovulo della madre ad un ovulo donato da una donna più giovane e svuotato del proprio nucleo.

    Poiché questo tipo di operazione viola le leggi federali che proibiscono l’impianto in utero di embrioni geneticamente modificati, Zhang, una volta fertilizzato l’ovulo con lo sperma del padre, è andato in Messico per concludere la fertilizzazione della madre.

    Nell’aprile del 2016 è nato un bambino sano. La FDA ha inviato a Zhang una lettera con l’ordine di interrompere la commercializzazione della tecnica negli U.S.A., segnalando così l’intenzione del governo federale di opporsi allo sviluppo di tecnologie capaci di creare bambini geneticamente alterati. Per promuovere la propria procedura, Zhang ha fondato la Darwin Life, indirizzando il proprio messaggio a donne affette da determinate malattie genetiche e donne mature che fanno fatica a concepire.

    Manipolare geneticamente embrioni in laboratorio non è illegale secondo la legge statunitense, fintanto che non si faccia uso di fondi federali per farlo e, secondo la lettera della FDA, Zheng non avrebbe avuto nemmeno il permesso di esportare l’embrione.

    Nel dicembre 2015, il congresso statunitense ha vietato alla FDA di accettare ricerche su embrioni umani “creati o modificati ad includere una modifica genetica ereditabile.” La tecnica di Zhang, chiamata “spindle nuclear transfer,” ha visto nascere più di una dozzina di bambini con tre genitori da che una sua prima versione fece la sua comparsa negli anni 90. Il trattamento non venne mai approvato.

    Secondo alcuni studi, uno dei motivi per cui le donne faticano a concepire con l’avanzare dell’età sarebbe la perdita di funzionalità dei mitocondri,motivo per cui Zhang sceglie di usare ovuli di donne giovani. La Gran Bretagna ha recentemente approvato l’utilizzo della tecnica per coppie i cui figli correrebbero un alto rischio di contrarre malattie genetiche.

    Secondo Leigh Turner, esperto di bioetica della University of Minnesota, questo tipo di proibizioni induce solo gli scienziati meno scrupolosi a cercare luoghi sottoposti a regolamenti meno severi.

    Naomi Cahn, professoressa della George Washington University Law School, è invece preoccupata che le restrizioni imposte dalla FDA possano far perdere terreno agli U.S.A. nel campo della ricerca medica e scientifica.

    Immagine: Spindle nuclear transfer: la tecnica prevede la rimozione del nucleo da un ovulo per poi inserirvi il DNA di un’altra donna

    (LO)

    Related Posts
    Total
    0
    Share