Seguici
Iscriviti alla nostra newsletter

    La ESA vuole pulire l’orbita dai detriti spaziali

    L’agenzia spaziale europea ha annunciato una nuova missione per il 2025 in cui testerà la possibilità di rimuovere i detriti orbitali. Con il nome ClearSpace-1, sarà la prima missione con il compito di rimuovere dall’orbita un frammento di spazzatura spaziale abbandonata.

    di Neel V. Patel 10-12-19

    L’idea della nuova missione nasce dalla startup svizzera ClearSpace, responsabile del progetto di un raccoglitore di rifiuti spaziali che utilizza quattro arti robotici per catturare i detriti. Una volta catturati, i detriti vengono trascinati verso il pianeta in una manovra di deorbitazione che li porta a bruciare tranquillamente nell’atmosfera.

    Per la missione del 2025, ClearSpace-1 prenderà di mira un detrito di circa 120 chilogrammi chiamato VESPA, parte di una missione ESA del 2013. ClearSpace-1 verrà lanciato a quasi 500 chilometri d’altezza per un test dei sistemi e solo allora si dirigerà verso il VESPA per cercare di prenderlo. Se tutto andrà bene, brucerebbero entrambi nell’atmosfera.

    I detriti orbitali rappresentano un vero problema, e la semplice mancanza di regole e leggi per la gestione del traffico spaziale sta peggiorando la situazione. La crisi crescente porta sempre più gruppi a farsi avanti per offrire potenziali soluzioni. Per quanto ClearSpace sarà la prima missione effettiva a rimuovere spazzatura spaziale, non è l’unica che testerà nuove tecnologie a questo scopo. Una missione britannica chiamata RemoveDEBRIS ha dato dimostrazione positiva l’anno scorso di come catturare detriti con un cubesat dotato di una rete. Gli autori di questa tecnologia stanno studiando un arpione spaziale per lo stesso obiettivo.

    Nel frattempo, la società giapponese Astroscale https://astroscale.com/ testerà l’anno prossimo la propria versione di tecnologia per la cattura e lo smaltimento. Altri gruppi si stanno confrontando con progetti che prevedono l’utilizzo di laser capaci di distruggere i detriti e motori a razzo capaci di consumarli.

    (lo)

    Related Posts
    Continua

    Gli orologi atomici di domani

    Misurando con precisione le vibrazioni quantistiche negli atomi e la loro evoluzione nel tempo, i ricercatori possono affinare la precisione dei sensori quantistici per ottenere un mondo in miniatura di informazioni non accessibili nei normali scenari
    Total
    0
    Share