Seguici
Iscriviti alla nostra newsletter

    In giro tra i campi per capire il valore dei raccolti

    Il Dipartimento dell’Agricoltura americano monitora i raccolti per capire non solo la loro qualità e resa, ma anche come varia la produttività lungo la catena di approvvigionamento alimentare.

    di Joyce Helle

    Questa storia fa parte di una serie di articoli su come le innovazioni “nascoste” influenzano i cibi che mangiamo e il loro costo. Krithika Varagur ha condensato il racconto di Joyce Helle.

    Il National Agricultural Statistics Service viene utilizzato per stabilire stime a livello nazionale dei prodotti agricoli. Abbiamo 12 regioni in tutto il paese e la nostra èquella del Missouri e Illinois. Io e circa 3.000 persone in tutto il paese andiamo a raccogliere i dati per il sondaggio e incontriamo gli agricoltori faccia a faccia, o li chiamiamo, o qualunque altra cosa serva per ottenere quanto è richiesto. Siamo le truppe di terra che aiutano a stimare le dimensioni e la portata della produzione agricola nel paese. 

    Joyce Helle, enumeratore del National Association of State Departments of Agriculture, nel West Central Illinois.

    Fondamentalmente, diciamo al mondo intero qual è la capacità di produzione alimentare negli Stati Uniti. Si tratta di un modo per monitorare continuamente la catena di approvvigionamento alimentare in modo che non ci siano enormi fluttuazioni di prezzo come, per esempio, nel caso della benzina.

    La nostra attività giornaliera si svolge nel seguente modo. In Illinois avevano una volta miniere di carbone, che sono state bonificate per riportare la terra al suo stato originale. Ora in quelle zone si piantano mais, fagioli o si coltiva fieno, e i raccolti devono collocarsi nella media della contea. Oggi, per esempio ho testato due di questi campi di grano e ho raccolto 10 campioni per campo. 

    Per il mais, preleviamo campioni da un filare di 5 metri, in punti designati in ciascun campo, e li pesiamo. Quindi  prendiamo la terza e la quarta spiga dal campione e le  inviamo al laboratorio di St. Louis per stabilirne la resa. La stessa procedura si applica ai semi di soia, tranne per il fatto che si raccolgono i fagioli da una sezione di un metro e i campioni vengono inviati direttamente al laboratorio.

    La resa oggettiva è uno dei numerosi indicatori che ci aiutano a stabilire stime sulla produzione. Per questo, misuriamo il peso del grano, il contenuto di umidità, la lunghezza e la larghezza di una spiga di grano.  I dati sono inseriti in un modello statistico, che poi fornisce un’indicazione su quale sia il rendimento per acro. In un altro sondaggio che facciamo, chiediamo semplicemente agli agricoltori: “Che raccolto pensa di avere quest’anno, se ci saranno condizioni meteorologiche normali da ora fino al momento del raccolto?” 

    Il cambiamento più grande che la tecnologia ha apportato al mio lavoro è stato quando ci hanno dato gli iPad, a partire dal 2013. Ora abbiamo due o tre giorni in più in ogni periodo di indagine, perché non dipendiamo dalla posta o dall’UPS per inviare fisicamente i nostri dati alle sedi in tempo utile. Un altro vantaggio dell’iPad è che molte volte se un enumeratore inserisce i dati in modo sbagliato, invia una piccola bandiera rossa e dice: “Ehi, hai commesso un errore”. Anche questo sistema di allarme ci ha aiutato molto.

    Immagine: Ping Zhu

    Related Posts
    Total
    0
    Share