• A Sarah è stato applicato un impianto cerebrale che rilascia elettricità quando iniziano i suoi sintomi. John Lok / UCSF

Impulsi elettrici per non deprimersi

Un impianto cranico grazie alle stimolazioni elettriche permette di intervenire sulle forme di depressione che non si possono curare con i metodi tradizionali.

di Charlotte Jee 06-10-21
Sarah, una donna di 36 anni che vive in California, ha vissuto per cinque anni con una depressione cronica. Aveva pensieri suicidi più volte durante la giornata e non era in grado di prendere decisioni su domande di base come cosa mangiare. Nessuna cura, inclusa la terapia elettroconvulsivante, era stata d'aiuto.

Poi, nel giugno 2020, le è stato inserito un impianto nel cranio che le distrugge le parti del cervello che causano la sua malattia. I notevoli risultati, pubblicati su “Nature Medicine”, aumentano la prospettiva di trattamenti personalizzati per le persone con gravi malattie mentali che non rispondono alla terapia o ai farmaci. "La mia depressione è stata tenuta a bada e questo mi ha permesso di iniziare a ricostruire una vita degna di essere vissuta", ha detto Sarah in una conferenza stampa. 

L'installazione del dispositivo ha comportato più passaggi. Innanzitutto, il team dell'Università della California, a San Francisco, ha utilizzato 10 elettrodi per mappare l'attività cerebrale di Sarah. Questa fase ha richiesto 10 giorni, durante i quali il team ha scoperto che alti livelli di attività in una parte specifica dell'amigdala di Sarah predicevano l'insorgenza di una grave depressione. 

Hanno anche stabilito che una piccola scarica di elettricità in un'altra regione del cervello, chiamata striato ventrale, ha migliorato significativamente questi sintomi. Successivamente, hanno impiantato un dispositivo di neurostimolazione e l'hanno impostato per attivare un piccolo impulso di elettricità in quell'area quando rileva alti livelli di attività associati ai sintomi della depressione. 

Sarah (nella foto) non percepisce queste esplosioni di elettricità, il che va bene, dato che si verificano fino a 300 volte al giorno e ognuna ha una durata di sei secondi. Il dispositivo non interviene durante la notte perché potrebbe interferire con la capacità di dormire di Sarah. Prima che il dispositivo fosse impiantato, Sarah aveva un punteggio di 36 su 54 sulla Montgomery-Åsberg Depression Rating Scale, un sistema di punteggio comunemente usato per valutare la gravità di questi sintomi. Dopo due settimane, il suo punteggio è sceso a 14. Ora è sotto i 10. 

Sarah dice che il miglioramento della sua salute mentale è stato tanto rapido quanto potente. “Ho provato sensazioni di intensa gioia e la depressione è diventata un lontano incubo", ha detto. "Fondamentalmente, mi ha anche fatto capire che la depressione non è un fallimento personale, ma una malattia curabile".

L'idea di iniezioni terapeutiche di elettricità al cervello non è nuova: la stimolazione cerebrale profonda (DBS) è stata utilizzata come trattamento per decine di migliaia di pazienti con malattia di Parkinson ed epilessia. In effetti, il dispositivo nel cervello di Sarah è approvato dalla FDA per l'epilessia (i suoi medici hanno dovuto ottenere una licenza di esenzione speciale per il processo). 

Tuttavia, è stato difficile farlo funzionare per i pazienti con depressione, perché questo disturbo coinvolge attività in diverse parti del cervello a seconda delle persone. Non esiste un'unica mappa cerebrale per la depressione, e non ci sarà mai.

Ecco perché l'idea di un trattamento personalizzato è così allettante. Questo studio è limitato a un singolo paziente, ma è comunque promettente. “La grande domanda è se si può adattare e ridimensionare questo approccio. Per questo, sono necessari più dati da più pazienti", afferma Helen S. Mayberg, una neurologa che ha trascorso decenni a studiare il potenziale della DBS nel trattamento della depressione. 

Il team di ricerca ha già arruolato altri due pazienti e spera di reclutarne altri nove, ma il team è ancora molto lontano dal cercare l'approvazione della FDA per la terapia. È una procedura invasiva e costosa che richiede settimane di messa a punto e un'intera giornata di intervento chirurgico, quindi è davvero adatta solo a coloro in cui altri trattamenti hanno fallito.

La grande speranza è che un giorno la necessità di un intervento chirurgico possa essere eliminata grazie a nuove tecnologie che consentono la stimolazione cerebrale profonda senza elettrodi impiantati, secondo il neurochirurgo Edward Chang, uno dei coautori dell'articolo. I dispositivi esistenti non sono precisi come un impianto nel cranio, ma alla fine potrebbero diventarlo di più. 

Roi Cohen Kadosh, neuroscienziato cognitivo dell'Università del Surrey nel Regno Unito, sta lavorando esattamente a questa sfida e prevede che alla fine sarà possibile ottenere i benefici dell'impianto di Sarah da un dispositivo che si trova all'esterno del cranio. Il futuro è qui", conclude. 

(rp)