• Victor Hernandez, a sinistra, e Luis Martinez riempiono le taniche di acqua a Haden Park, a Houston. Brett Coomer / Houston Chronicle via AP

Il governo americano ha deluso i texani

I funzionari del Texas hanno ordinato a 7 milioni di persone di far bollire l'acqua del rubinetto prima di berla dopo alcuni giorni di basse temperature record che hanno danneggiato le infrastrutture e congelato i tubi.

di Tanya Basu 20-02-21
Il giorno di San Valentino, il Texas è precipitato in un vortice polare che non si vedeva dal 1899. Le temperature gelide hanno portato a continue interruzioni di corrente. Le case, abituate al caldo paludoso, hanno mostrato i loro limiti contro il vento e il freddo, con tubi che scoppiavano e soffitti che crollavano. Nei luoghi dove venivano distribuiti acqua, vestiti e cibo, lunghe file di persone serpeggiavano intorno all'isolato. Finora centinaia di persone in Texas sono rimaste senza casa e almeno 30 sono morte.

La risposta ufficiale è stata lenta e inadeguata. Solo due giorni fa il governo federale è intervenuto e ha inviato generatori, acqua e coperte nelle aree colpite, e le municipalità locali hanno lottato per coordinare gli sforzi per liberare le strade e ripristinare l'accesso all'acqua. Ma a poche ore dall'inizio della tempesta, le persone hanno colmato il vuoto lasciato dal governo. 

Con la pandemia e le strade ghiacciate che impedivano loro di andare porta a porta per aiutare i loro vicini, hanno creato documenti Google semplici e condivisibili che sono diventati rapidamente virali su Instagram e Twitter, offrendo ai residenti delle comunità colpite l'accesso immediato a informazioni diverse da quelle delle organizzazioni nazionali. Le pagine Venmo, Cash App e GoFundMe hanno incanalato i fondi direttamente a chi ne aveva bisogno. 

L'aiuto reciproco non è un concetto nuovo ed è fiorente da tempo nelle comunità emarginate. Ma un anno di crisi indotte dalla pandemia ha addestrato questi gruppi a reagire rapidamente: sanno che il primo posto a cui le persone si rivolgono in caso di crisi è Internet.

Mellissa Martinez, una studentessa di 24 anni di Houston, è rimasta senza elettricità o accesso a Internet per 72 ore. Ma durante i momenti di disponibilità del Wi-Fi, è stata in grado di mettere insieme il TX Mutual Aid Directory, che elenca le posizioni dei rifugi e dei rifornimenti di cibo.

Martinez, membro del Sunrise Movement, un comitato di azione politica volto a combattere il cambiamento climatico, afferma che gran parte del lavoro di base per il documento è stato fatto a gennaio dopo l'insurrezione di Capitol Hill. "Volevamo dimostrare che dobbiamo prenderci cura l'uno dell'altro", ella dice.

"L'ho aggiornato ogni volta che ho potuto ricevere un qualsiasi segnale", è riuscita a dirmi Martinez, prima che diventasse irraggiungibile di nuovo. Quando ha richiamato ha aggiunto: "Questo è tutto quello che ho fatto per 72 ore: semplicemente fissare la pagina e aggiornarla senza sosta. 

Christina Tan, una ragazza di 22 anni fa parte di Mutual Aid Houston, un gruppo che si è coordinato in poche ore. "Sapevamo che dovevamo attivarci rapidamente per aiutare le persone che erano intrappolate in appartamenti o case fredde senza modo di guidare su strade ghiacciate", ella spiega. "Sapevamo anche che molte persone avrebbero avuto bisogno di aiuto con bollette elettriche, tubi scoppiati, assistenza medica e altro ancora".

Mutual Aid Houston ha un piano di social media affidabile che è stato attivato immediatamente. “Twitter è interessante perché ci consente di aggiornare le persone che dispongono di risorse, come i ristoranti che donano cibo o i luoghi per raccogliere l'acqua, e ci consente di parlare con le persone one-to-one tramite i messaggi diretti e di identificare rapidamente chi è in difficoltà", afferma Tan. 

"Instagram è per le immagini, utile quando si danno indicazioni sui luoghi alla gente, e in particolare per raccogliere fondi ... Usiamo principalmente Venmo e Cash App per distribuire denaro direttamente alle persone, sebbene stiamo esplorando modi per raggiungere persone senza conti bancari o senza banca digitale". Tan dice che il team di volontari di nove persone collabora costantemente su Slack e Zoom.

Non tutti i volontari hanno sede sul territorio locale. Ivan Sheth, un 37enne di New York, ha assistito alla crisi del Texas e ha creato i gruppi Slack e Telegram all’interno di un documento Google di mutuo soccorso per organizzare le persone in tutto il paese. Sheth, che attualmente è disoccupata, si è sentita impotente. "Ho tempo libero a disposizione e sento un dovere civico verso i miei connazionali e le donne che sono nei guai", ella dice.

Ma non dovrebbe essere così. Tra gli attivisti c'è ancora una notevole rabbia per la lenta risposta del governo. Le tempeste di ghiaccio potrebbero diventare più frequenti a causa del cambiamento climatico e i funzionari governativi sono stati più volte avvertiti che le infrastrutture non erano in grado di reggere l’impatto

"Questa è una crisi che necessitava dell'azione del governo", dice Tan. "I problemi infrastrutturali come la rete elettrica e la sicurezza stradale sono troppo grandi per essere affrontati dai gruppi di base". Martinez esprime una frustrazione simile: “Non abbiamo chi rappresenta i nostri valori. Sono intenzionalmente sordi alle nostre grida, ma ho grandi speranze per il futuro", ella conclude.

(rp)