Seguici
Iscriviti alla nostra newsletter

    I teorici del complotto sul covid-19 dilagano su YouTube

    Nell’ultimo anno, l’azienda ha cercato di controbilanciare la disinformazione sulla salute, per esempio aggiungendo note informative ad alcuni video e rimuovendo quelli che violano le sue linee guida, ma la diffusione di messaggi pericolosi ha reso la ricerca di soluzioni efficaci più pressante.

    di Abby Ohlheisper

    Quando, nel 2018, il famigerato teorico della cospirazione Alex Jones è stato bannato da YouTube e Facebook, la lezione doveva essere quella di espellere i contenuti dalle piattaforme. Senza accesso ai suoi milioni di follower sui social media tradizionali, Jones è diventato un fantasma online, portando avanti la sua attività di disinformazione con un pubblico molto più limitato.

    Ma la situazione non è sotto controllo. La scorsa settimana Patrick Bet-David, un popolare YouTuber nel settore finanziario con oltre 2,2 milioni di abbonati, ha concesso a Robert F. Kennedy Jr., uno dei sostenitori di più alto profilo della teoria, ormai pubblicamente riconosciuta come falsa, secondo cui i vaccini causano l’autismo, un’intervista di due ore sul suo canale. 

    All’inizio, Bet-David ha chiesto: “Perché ha accettato di fare un’intervista fiume?”. La risposta era ovvia per Kennedy, uno dei tanti leader anti-vaccinazione che stava cercando di acquistare la maggiore visibilità possibile durante la pandemia di covid-19. “Voglio parlare al tuo pubblico”, ha risposto.

    Kennedy ha detto a Bet-David di credere che i suoi account sui social media siano stati ingiustamente censurati e che apparire sulla piattaforma popolare di qualcun altro sia la risposta migliore. Bet-David ha definito l’intervista “esclusiva”, come promesso dall’esplosivo titolo: Robert Kennedy Jr. distrugge Big Pharma, Fauci & Pro-Vaccine Movement. In due giorni, il video ha superato mezzo milione di visualizzazioni.

    Già qualche giorno prima di andare in onda, gli annunci pubblicitari sono stati riprodotti da YouTube prima dei video. Altre due interviste, in cui i sostenitori delle teorie anti-vaccino hanno diffuso diverse affermazioni scettiche rispetto al coronavirus e ai vaccini (in gran parte non contestate da Bet-David), hanno trasmesso questa pubblicità. Bet-David ha dichiarato in un’intervista che YouTube aveva annunci limitati su tutti e tre i video, il che significa che il guadagno era parziale.

    Pochi giorni fa, YouTube ha cancellato uno dei tre video (un’intervista con la teorico della cospirazione anti-vaccino Judy Mikovits) per violazione delle politiche di disinformazione medica di YouTube. Prima di essere eliminato, il video ha raccolto più di 1 milione di visualizzazioni.

    YouTube ha affermato che gli altri due video erano “al limite”, il che significa che YouTube ha deciso di non bannarli, ma non sarebbero più stati inseriti in primo piano nei risultati di ricerca. Secondo le stesse regole di YouTube, i video contenenti “disinformazione medica” su covid-19 sono contrari alle linee guida degli inserzionisti e violano gli standard della community della piattaforma che regolano i contenuti consentiti su YouTube. Nel loro insieme, i tre video hanno raccolto oltre 3 milioni di visualizzazioni in meno di una settimana.

    Man mano che la pandemia prendeva piede, YouTube ha introdotto politiche specifiche che vietano i video che mettono in discussione la trasmissione o l’esistenza della malattia, promuovono cure non comprovate o incoraggiano le persone a ignorare le linee guida ufficiali.

    Gli esperti hanno affermato che le mosse delle piattaforme di social media per stabilire la priorità delle informazioni affidabili, limitare i guadagni o rimuovere del tutto i contenuti disinformativi possono contribuire ad arginarne la diffusione. Ma le piattaforme devono lottare per un’applicazione efficace. La disinformazione sanitaria pone le sue sfide e le teorie cospirative esistenti e le false affermazioni si stanno adattando e diffondendo nell’attuale pandemia più velocemente di quanto i fact-checkers riescano a intervenire.

    Il portavoce dell’azienda, Farshad Shadloo, ha dichiarato in una e-mail che YouTube lavora per “rimuovere rapidamente i contenuti segnalati che violano la politica aziendale”. La piattaforma ha “rigide norme che regolano il tipo di video a cui consentire la visualizzazione degli annunci”, ha aggiunto, e queste norme vengono applicate “con vigore”.

    Ma l’intervista con Bet-David e una serie di altre attività legate alla teoria dei complotti su YouTube mostrano che in effetti chi sostiene queste posizioni sta usando con successo il sistema, applicando le stesse tecniche che molti YouTuber hanno usato per diventare famosi.

    Cospirazione: un filone che funziona

    Su YouTube, ci sono reali incentivi per i creatori di contenuti a cercare un nuovo pubblico, collaborare o capitalizzare su controversie, sia che riguardino prodotti di bellezza, giochi o informazione. La collaborazione con nomi celebri e rispettati o la demagogia sono metodi abbastanza affidabile per qualsiasi YouTuber per ottenere visualizzazioni e abbonati. 

    Prima di essere bannato da YouTube, per esempio, Alex Jones ha ripetutamente cercato senza successo di avere un’intervista con PewDiePie, il primo youtuber a raggiungere i 10 miliardi di visualizzazioni. Ma la diffusione di un’odiosa disinformazione rivolta ai gruppi più emarginati porta a molestie, minacce e violenza

    La disinformazione sanitaria può indurre le persone a ignorare i provvedimenti di salute pubblica salvavita o indurle a provare terapie miracolose. Anthony Fauci, che insieme a Bill Gates è diventato un bersaglio dei i teorici della cospirazione del coronavirus, ha dovuto aumentare le misure di sicurezza personale dopo un’ondata di minacce di morte.

    Gli attivisti anti-vaccino sono particolarmente bravi a essere presenti su qualsiasi app sociale, afferma Renee DiResta, un ricercatore dell’Internet Observatory di Stanford che lavora per combattere questo tipo di disinformazione. “Sono su ogni singola piattaforma sociale, anche su TikTok”, egli spiega. 

    Il rapporto tra le posizioni più radicali e la maggior parte degli YouTuber può essere simbiotico, secondo Alice Marwick, una docente di comunicazione presso l’Università della Carolina del Nord, Chapel Hill. “Entrambi cercano di trarre beneficio dalla contrapposizione”, ella sostiene. YouTube vieta la pubblicazione dei contenuti a chi infrange le regole troppe volte di seguito, quindi alcuni teorici della cospirazione stanno usando collaborazioni o interviste come soluzione alternativa, facendo sì che altri YouTuber li ospitino o ne parlino sui loro canali.

    I recenti video di Bet-David ne sono un esempio. Il suo canale ufficiale, Valuetainment, fa parte del filone imprenditoriale di YouTube, che ospita “esperti” che offrono le chiavi del successo finanziario o creativo. Fino a poco tempo fa, Valuetainment non era il luogo ideale per i teorici della cospirazione, anche se Bet-David, che ha dichiarato di vaccinare i suoi figli, aveva intervistato Jones una volta. I suoi archivi mostrano video motivazionali, consigli per il business e interviste con personalità conservatrici e personaggi sportivi tradizionali. 

    Ma, alcune settimane fa, ha detto Bet-David, ha iniziato a ricevere e-mail dai fan che gli chiedevano di intervistare David Icke, un teorico della cospirazione il cui canale è stato recentemente rimosso da YouTube per aver violato ripetutamente le linee guida della piattaforma sulla disinformazione sul covid-19.

    A marzo, un altro canale legato all’imprenditore ha concesso un’intervista “accomodante” ad Icke ed è stato premiato con milioni di visualizzazioni e un gran numero di abbonati. Le successive interviste di Bet-David con Kennedy e altri importanti teorici della cospirazione anti-vaccino sono state in gran parte deferenti, a volte permettendo loro di parlare ininterrottamente e senza contraddittorio per diversi minuti alla volta. 

    L’intervista più popolare di Bet-David su YouTube titola: “Buttar accusa Fauci, Gates e i media di guidare l’agenda nascosta sul Covid-19”. Rashid Buttar è un attivista anti-vaccino che sul suo piccolo canale ha affermato, tra le altre cose, che il coronavirus è un’arma biologica

    Nel video, Buttar dichiara a Bet-David che il numero di morti per covid-19 viene gonfiato artificialmente, che i medici e le infermiere che parlano ai media sono “attori pagati”, che i cadaveri visti in TV e nelle notizie sono “manichini” e che covid-19 non è altro che una “normale influenza”. 

    Invita inoltre gli spettatori a “uscire e dimostrare” che la pandemia è una bufala. Queste dichiarazioni sono contrarie alle regole di YouTube, ma i vantaggi per Buttar sono evidenti: come riportato da SocialBlade, un sito di analisi di terze parti che studia gli influencer, in poco più di un mese Buttar è passato da 4.200 abbonati a 250.000.

    Un’intervista simile, ora cancellata, di Bet-David con Judy Mikovits, una delle più importanti personalità del movimento anti-vaccinista e tra le menti del documentario-bufala «Plandemics», parlava della presunta corruzione del dottor Fauci da parte delle aziende farmaceutiche”.

    Sul canale di Bet-David, la dottoressa no-vax ha ripetutamente affermato che un vaccino antinfluenzale della metà del 2010 sta “guidando la pandemia”, che indossare una maschera “attiverà” il virus nel corpo, e che Anthony Fauci dovrebbe essere accusato di “tradimento”.

    Bet-David dice di dare credito a Mikovits, Kennedy e Buttar perché sono medici o avvocati. In realtà, molte affermazioni dei teorici della cospirazione sono già screditate, osserva DiResta. I video anti-vaccino sono “un mix di gergo pseudoscientifico che spesso è già stato demistificato e i grandi numeri vengono presentati per spaventare le persone”, spiega DiResta. “Il pubblico che non conosce il contesto e non ha familiarità con i giochi retorici anti-vaccino, pensa di trovarsi di fronte a qualcosa di scandaloso”.

    Ho chiesto a Bet-David se si sentisse responsabile di diffondere queste opinioni sul suo canale, in particolare affermazioni potenzialmente dannose da parte dei suoi ospiti, che potrebbero spingere gli spettatori a ignorare le raccomandazioni sulla salute pubblica. “Io no”, ha risposto. “Sono responsabile solo di ciò che dico io, non di quello che viene detto da altri”.

    Tutti i contenuti che attirano l’attenzione, gli consentono di guadagnare denaro da pubblicità, merchandising, concerti e workshop. “Spetta al pubblico prendere la decisione da soli”, egli afferma. Inoltre, ora dichiara di non voler più intervistare gli attivisti anti-vaccino e sta cercando di concedere spazio a qualche “grande nome” di esperti “pro-vaccino”.

    Ma gli attivisti anti-vaccino potrebbero non aver più bisogno di accedere al canale di Bet-David. All’inizio di questa settimana, Mikovits ha affermato di aver saputo che il presidente Trump ha visto un’intervista che lei ha concesso a un altro canale YouTube. Quel video, che è ancora disponibile per la visione, ha avuto oltre 600.000 visualizzazioni.

    (rp)

    Related Posts
    Continua

    Come e perché imparare dalle api

    La cosiddetta "intelligenza di sciame” è applicabile anche alle comunità umane? Gli esperti Paola Scarpa, Andrea Pietrini, Federico Frattini a confronto su un tema affascinante per le società presenti e future
    Total
    0
    Share