Seguici
Iscriviti alla nostra newsletter

    I prezzi stellari dei tour spaziali

    Il volo suborbitale commerciale si è andato affermando nel corso degli ultimi anni. Ma i prezzi sono ancora inaccessibili per il cittadino medio e i vantaggi scientifici appaiono limitati

    di Adam Mann

    I privati cittadini si sono fatti strada nei cieli negli ultimi decenni. Negli anni 1980, Douglas Charles Walker, un ingegnere della McDonnell, è diventato il primo cittadino a volare nello spazio quando la sua azienda gli ha riservato un posto in tre missioni dello space shuttle della NASA. Nel 2001, l’imprenditore americano Dennis Tito ha sborsato 20 milioni di dollari per arrivare su un razzo russo Soyuz alla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) e trascorrere otto giorni fluttuando in microgravità. 

    Ma al di là di questi pochi voli, non è successo molto. Almeno non fino all’anno scorso. Dopo decenni di sviluppo e diversi gravi incidenti, tre aziende – SpaceX, Blue Origin e Virgin Galactic – hanno lanciato i loro primi voli turistici nel 2021. A ottobre, William Shatner ha guidato un veicolo di Blue Origin fino ai confini dello spazio. Michael Strahan, l’ex star della NFL e conduttore di Good Morning America, ha replicato lo stesso giro a dicembre. Persino la NASA, che un tempo era ostile al turismo spaziale, ha rilasciato una politica dei prezzi per le missioni di astronauti privati, offrendo di portare qualcuno in orbita per circa 55 milioni di dollari.

    Cosa significano queste incursioni celesti? Si tratta solo di una nuova moda per gli ultraricchi? Quasi tutti i viaggi spaziali del 2021 sono legati all’impegno di tre miliardari: Elon Musk, Jeff Bezos e Richard Branson. “Il turismo spaziale è riserva di caccia per i più ricchi“, afferma Linda Billings, una consulente della NASA. “Siamo ancora lontani dal rendere questa possibilità alla portata del cittadino medio”.

    Ogni tour suborbitale della Virgin, il modo più economico per raggiungere lo spazio al momento, costerà almeno 450.000 dollari. Un singolo posto sul lancio suborbitale iniziale di Blue Origin è stato venduto all’asta per 28 milioni di dollari e il prezzo non rivelato della missione tutta civile di SpaceX Inspiration4, che ha trascorso tre giorni in orbita prima di schiantarsi al largo delle coste della Florida, è stato stimato in 50 milioni di dollari per passeggero

    Non solo tali voli sono ridicolmente lontani dalla portata finanziaria per la persona media, dice Billings, ma non stanno raggiungendo alcun obiettivo reale, esasperando il contrasto con gli attuali problemi che affrontiamo quotidianamente: disuguaglianza, collasso ambientale e pandemia globale. “Non sembra esserci una consapevolezza della priorità dei problemi da affrontare in chi è impegnato in queste missioni di turismo spaziale”, spiega Billings.

    Laura Forczyk, proprietaria della società di consulenza spaziale Astralytical, pensa che sia fuorviante concentrarsi esclusivamente sull’aspetto economico. “La narrazione finora ha riguardato i miliardari nello spazio, ma è molto di più”, afferma Forczyk, autrice di Becoming Off-Worldly, un libro con interviste a rappresentanti governativi e astronauti privati sul motivo per cui si compiono questi viaggi nello spazio.

    Forczyk vede i voli come grandi opportunità per condurre esperimenti scientifici. Tutte e tre le aziende turistiche commerciali hanno condotto progetti di ricerca in passato, studiando la dinamica dei fluidi, la genetica delle piante e la reazione del corpo umano alla microgravità. Il pubblico, inoltre, a bordo non si trovavano solo ricchi. I passeggeri di Inspiration4 di SpaceX includevano l’artista e scienziato Sian Proctor e l’ingegnere di dati Chris Sembroski, che hanno vinto i loro biglietti attraverso concorsi, così come Hayley Arceneaux, l’ambasciatore del St. Jude Children’s Research Hospital Hayley che grazie al tour spaziale ha raccolto 200 milioni di dollari in donazioni per l’ospedale. 

    Blue Origin ha offerto viaggi gratuiti a Wally Funk, una pioniera dele settore dell’aviazione a cui era stato impedito, in quanto donna, di partecipare alla missione dell’Apollo, e alla figlia dell’astronauta della NASA Alan Shepard, Laura. Forczyk cita anche il turista spaziale iraniano Anousheh Ansari, che è volato sulla ISS nel 2006. 

    Billings pensa che il valore di tali testimonianze abbia un peso relativo. “Tutte queste persone stanno parlando alla stampa di quanto sia stata meravigliosa l’esperienza”, dice. “Ma ascoltare qualcun altro che ti racconta quanto sia stato emozionante scalare l’Everest non trasmette l’esperienza reale”. Come con un viaggio sull’Everest, c’è il rischio di poter morire da considerare. Storicamente, il volo spaziale ha avuto un tasso di mortalità di poco inferiore al 4 per cento, circa 266.000 volte maggiore rispetto agli aerei commerciali. 

    Virgin ha subito due gravi disastri durante i test, con un totale di quattro dipendenti morti e quattro feriti. “Un incidente di alto profilo appare inevitabile,” dice Forczyk. Ma anche un evento negativo, prevede, non porrà fine al turismo spaziale. Si continua a scalare l’Everest, osserva, nonostante il pericolo.

    Un’altra domanda è come il turismo spaziale potrebbe influenzare il pianeta. Una gita di 90 minuti sullo spazioplano suborbitale della Virgin Galactic è più inquinante di un volo transatlantico di 10 ore. Altri calcoli suggeriscono che un lancio di un razzo può produrre da 50 a 75 tonnellate di anidride carbonica per passeggero, rispetto a poche tonnellate per passeggero di un aereo commerciale. Gli esperti avvertono che anche il New Shepard di Blue Origin, che brucia idrogeno e ossigeno ed emette principalmente acqua, potrebbe influenzare il clima poiché i suoi prodotti di combustione vengono iniettati in alto nella stratosfera, dove il loro impatto finale deve ancora essere compreso

    La Federal Aviation Administration sovrintende a tutti i voli spaziali negli Stati Uniti e potrebbe rafforzare le normative sulla sicurezza e sull’ambiente. L’agenzia ha attualmente una moratoria sui nuovi regolamenti fino al 2023, progettata per dare al nascente settore il tempo di svilupparsi prima che i legislatori lo limitassero con la burocrazia. Ma pochi legislatori o cittadini chiedono a gran voce una maggiore regolamentazione. 

    Ci sono molte altre cose di cui le persone devono preoccuparsi oltre al fatto che solo i miliardari possano volare nello spazio“, afferma Marcia Smith, fondatrice ed editrice del sito web di notizie SpacePolicyOnline.com, che copre i programmi spaziali in tutto il mondo. Nessuno ha ancora articolato completamente una ragione convincente per spendere enormi somme per il volo spaziale privato. Il valore per la scienza appare incidentale e il senso di trascendenza è riservato solo a un modesto numero di persone.

    Adam Mann è un giornalista freelance che si occupa fisica e spazio.

    (rp)

    Related Posts
    Continua

    Gli orologi atomici di domani

    Misurando con precisione le vibrazioni quantistiche negli atomi e la loro evoluzione nel tempo, i ricercatori possono affinare la precisione dei sensori quantistici per ottenere un mondo in miniatura di informazioni non accessibili nei normali scenari
    Total
    0
    Share