• I vigili del fuoco combattono il Bond Fire nel sud della California alla fine dello scorso anno. Mario Tama / Getty Images

I gas serra tornano a salire

I grandi incendi e le emissioni conseguenti sono destinati ad aumentare continuamente nelle regioni boscose del mondo, alimentando un ulteriore riscaldamento e altri incendi a venire.

di James Temple 28-07-21
Gli incendi che infuriano sulla costa occidentale degli Stati Uniti hanno riempito l'aria di anidride carbonica sufficiente a spazzare via più della metà delle riduzioni delle emissioni causate dalla pandemia della regione lo scorso anno. E siamo solo a luglio. I numeri illustrano un preoccupante ciclo di feedback. Il cambiamento climatico crea condizioni più calde e secche che alimentano incendi sempre più frequenti e devastanti, che a loro volta rilasciano gas serra che provocheranno un ulteriore riscaldamento.

Il problema probabilmente peggiorerà nei prossimi decenni in gran parte del mondo. Ciò significa che non solo gli incendi mortali colpiranno le nostre comunità, ma mineranno anche i nostri limitati progressi nell'affrontare il cambiamento climatico. Lo scorso anno, secondo i dati di Carbon Monitor, California, Idaho, Oregon e Washington hanno visto le emissioni di combustibili fossili diminuire di circa 69 milioni di tonnellate di anidride carbonica mentre la pandemia ha ridotto l'inquinamento da trasporto terrestre, aviazione e industria. Ma dal primo al 25 luglio, gli incendi in quegli stati hanno prodotto circa 41 milioni di tonnellate di anidride carbonica, in base ai dati forniti a “MIT Technology Review” dal Copernicus Atmosphere Monitoring Service della Commissione europea.

Siamo molto al di sopra dei livelli normali per questa parte dell'anno e questo dato si aggiunge all'ondata di emissioni dei massicci incendi in tutto l'ovest americano nel 2020. Gli incendi della California da soli hanno prodotto più di 100 milioni di tonnellate di anidride carbonica l'anno scorso, che era già abbastanza per più che annullare i cali annuali delle emissioni dell’intera regione.

"Le riduzioni costanti ma lente dei gas serra impallidiscono rispetto a quelle degli incendi", afferma Oriana Chegwidden, climatologo di CarbonPlan. Enormi incendi che bruciano su milioni di acri in Siberia stanno intasando i cieli della Russia orientale e rilasciando decine di milioni di tonnellate di emissioni, ha riferito Copernicus all'inizio di questo mese. Si prevede che gli incendi e le emissioni forestali aumenteranno in molte regioni del mondo poiché i cambiamenti climatici accelereranno nei prossimi decenni, creando le condizioni calde e spesso secche che trasformano alberi e piante in esca.

Secondo un recente studio dei ricercatori dell'Università dello Utah e di CarbonPlan, il rischio di incendio, definito come la possibilità che un'area subisca un incendio di gravità da moderata a elevata in un dato anno, potrebbe quadruplicare negli Stati Uniti entro il 2090, anche in scenari in cui le emissioni diminuiranno significativamente nei prossimi decenni. Con emissioni non controllate, il rischio di incendio negli Stati Uniti potrebbe essere 14 volte maggiore verso la fine del secolo. Le emissioni degli incendi sono "già preoccupanti e non faranno che peggiorare", afferma Chegwidden, uno degli autori principali dello studio.

Uno scenario molto inquietante

Per periodi più lunghi, le emissioni e gli impatti climatici dell'aumento degli incendi dipenderanno dalla rapidità con cui le foreste ricrescono e riducono il carbonio, ammesso che sia così. Ciò, a sua volta, dipende dagli alberi dominanti, dalla gravità degli incendi e da quanto sono cambiate le condizioni climatiche locali da quando una determinata foresta ha messo radici.

Mentre lavorava per il suo dottorato nei primi anni 2010, Camille Stevens-Rumann ha trascorso i mesi estivi e primaverili facendo trekking attraverso le foreste alpine nella Frank Church-River of No Return Wilderness dell'Idaho, studiando le conseguenze degli incendi. Ha notato dove e quando le foreste di conifere sono ricomparse, dove non lo hanno fatto e dove specie invasive opportunistiche come il forasacco dei tetti hanno preso il sopravvento sul paesaggio.

In uno studio del 2018 su “Ecology Letters”, Stevens-Rumann e colleghi hanno concluso che gli alberi bruciati sulle Montagne Rocciose hanno avuto molti più problemi a ricrescere, poiché la regione è diventata più calda e più secca, rispetto alla fine del secolo precedente. Le foreste di conifere secche che avevano già vacillato al limite delle condizioni di sopravvivenza avevano molte più probabilità di convertirsi semplicemente in erba e arbusti, che generalmente assorbono e immagazzinano molto meno carbonio.

Questo può essere salutare fino a un certo punto, creando zone tagliafuoco che riducono i danni di futuri incendi, afferma Stevens-Rumann, professore di gestione delle foreste e dei pascoli presso la Colorado State University. Può anche aiutare a riequilibrare l’abitudine statunitense di spegnere in modo aggressivo gli incendi, che ha permesso al carburante di accumularsi in molte foreste, aumentando anche le probabilità di grandi incendi quando se ne accende uno.

Ma le loro scoperte sono "molto inquietanti" dati gli enormi incendi che stiamo già vedendo e le proiezioni per condizioni sempre più calde e secche in tutto il West americano, dice. Altri studi hanno notato che queste pressioni potrebbero iniziare a trasformare radicalmente le foreste degli Stati Uniti occidentali nei prossimi decenni, danneggiando o distruggendo fonti di biodiversità, fonti d’acqua, habitat della fauna selvatica e stoccaggio del carbonio.

Incendi, siccità, infestazioni di insetti e mutevoli condizioni climatiche trasformeranno gran parte delle foreste della California in arbusti, secondo uno studio di modellazione pubblicato su “AGU Advances” la scorsa settimana. Le perdite di alberi potrebbero essere particolarmente elevate nelle fitte foreste di abeti Douglas e sequoie costiere lungo la costa della California settentrionale e ai piedi della catena montuosa della Sierra Nevada.

Tutto sommato, lo stato perderà circa il 9 per cento del carbonio immagazzinato negli alberi e nelle piante entro la fine di questo secolo in uno scenario in cui stabilizzeremo le emissioni e oltre il 16 per cento in un mondo futuro in cui continueranno a salire. Tra gli altri impatti, ciò complicherà chiaramente la dipendenza dello stato dalle sue terre per catturare e immagazzinare carbonio attraverso il suo programma di compensazione forestale e altre iniziative per il clima, osserva lo studio. La California sta cercando di diventare carbon neutral entro il 2045. 

Nel frattempo, gli scenari di emissioni medio-alte creano "una reale probabilità che le foreste di Yellowstone vengano convertite in vegetazione non forestale durante la metà del XXI° secolo", perché incendi sempre più comuni e di grandi dimensioni renderebbero sempre più difficile la ricrescita degli alberi, ha concluso uno studio del 2011 in Proceedings of the National Academy of Sciences.

Il quadro globale

L'effetto netto dei cambiamenti climatici sugli incendi e viceversa è molto più complicato a livello globale. Gli incendi contribuiscono direttamente al cambiamento climatico rilasciando le emissioni degli alberi e il ricco carbonio immagazzinato nei suoli e nelle torbiere. Possono anche produrre carbonio nero che può eventualmente depositarsi su ghiacciai e lastre di ghiaccio. Ciò accelera la perdita di ghiaccio e l'innalzamento del livello degli oceani.

Ma gli incendi possono anche generare feedback negativi sul clima. Il fumo degli incendi a occidente che hanno raggiunto la costa orientale negli ultimi giorni, oltre a essere terribile per la salute umana, trasporta nello spazio aerosol che riflettono un certo livello di calore. Allo stesso modo, gli incendi nelle foreste boreali in Canada, Alaska e Russia possono dare spazio alla neve che è molto più riflettente rispetto alle foreste che hanno sostituito, compensando l'effetto di riscaldamento delle emissioni rilasciate.

Il cambiamento climatico sta peggiorando gli incendi nella maggior parte delle aree boschive del globo, afferma James Randerson, professore di scienze del sistema terrestre dell'Università della California, a Irvine, e coautore del documento AGU. Ma l'area totale bruciata dagli incendi in tutto il mondo sta effettivamente diminuendo, principalmente grazie al loro calo nelle savane e nelle praterie dei tropici. Tra gli altri fattori, le fattorie e le strade tentacolari stanno frammentando il paesaggio nelle zone in via di sviluppo dell'Africa, dell'Asia e del Sud America, bloccando questi incendi. Nel frattempo, mandrie di bestiame in crescita stanno divorando combustibili.

Nel complesso, le emissioni globali degli incendi si attestano a circa un quinto rispetto ai livelli dei combustibili fossili, malgrado non stiano ancora aumentando bruscamente. Ma le emissioni totali delle foreste sono chiaramente aumentate se si includono gli incendi, la deforestazione e il disboscamento. Sono cresciute da meno di 5 miliardi di tonnellate nel 2001 a più di 10 miliardi nel 2019, secondo un documento apparso su “Nature Climate Change” di gennaio.

Meno carburante da bruciare

Poiché il riscaldamento continuerà nei decenni a venire, il cambiamento climatico stesso influenzerà diverse aree in modi differenti. Mentre molte regioni diventeranno più calde, più secche e più suscettibili agli incendi, alcune parti più fredde del globo diventeranno più ospitali per la crescita delle foreste, come le alte montagne e parti della tundra artica, afferma Randerson.

Il riscaldamento globale potrebbe anche raggiungere un punto in cui inizia effettivamente a ridurre anche alcuni rischi. Se Yellowstone, la Sierra Nevada della California e altre aree perdono grandi porzioni delle loro foreste, come suggeriscono gli studi, gli incendi in quelle aree potrebbero diminuire. Questo perché ci sarà semplicemente meno carburante da bruciare.

I livelli di incendio in tutto il mondo in futuro dipenderanno in ultima analisi sia dal tasso di cambiamento climatico che dall'attività umana, che è la principale fonte di incendio, afferma Doug Morton, capo del laboratorio di scienze della biosfera del Goddard Space Flight Center della NASA.

La buona notizia è che significa che abbiamo un certo controllo su queste forze. Le nazioni possono intensificare gli sforzi per ridurre le emissioni di gas serra il più rapidamente possibile. Possono diventare più attente nel fermare il disboscamento, l'agricoltura taglia e brucia e altre forme di deforestazione, promuovendo al contempo campagne di rimboschimento. E i governi possono affrontare direttamente i pericoli di incendio attraverso migliori pratiche di gestione delle foreste, incluso l'uso di motoseghe, bulldozer e fuochi prescritti per aggiungere sistemi tagliafuoco e rimuovere il combustibile.

Matthew Hurteau, professore di biologia all'Università del New Mexico, è stato l'autore principale di un articolo su “Nature” del 2019 che ha scoperto che il cambiamento climatico e gli incendi potrebbero trasformare drasticamente la Sierra Nevada in scenari ad alte emissioni. Alla domanda su cosa ciò potrebbe significare per aree preziose della catena montuosa come i parchi nazionali di Yosemite, Sequoia e Kings Canyon, Hurteau ha affermato che dipenderà in gran parte dalla rapidità con cui riduciamo le emissioni e dall'aggressività con cui gestiamo i nostri rischi di incendio.

"Dipende ancora, in gran parte, da noi", ha concluso.

(rp)
  • Il Kings Canyon National Park, nella catena montuosa della Sierra Nevada in California, dopo un recente incendio boschivo. Getty