Gli studi tecnologici vanno aperti a tutti

Concentrarsi solo sui risultati in termini di successo lavorativo non risolverà i problemi di diversità e inclusione del mondo tecnologico.

L'anno scorso, in risposta a Black Lives Matter, molte organizzazioni statunitensi hanno pubblicato dichiarazioni sulla diversità e hanno fatto affermazioni coraggiose sulla promozione del cambiamento sociale. Come studiosi neri di informatica, abbiamo visto queste affermazioni e promesse come reazionarie e in gran parte inefficaci.

L'America ha promesso 50 miliardi di dollari per affrontare la giustizia razziale, ma ha destinato solo una frazione dell'1 per cento di quei fondi a sovvenzioni dirette, il modo migliore per realizzare un cambiamento sistemico. Nel frattempo, almeno 230 istituti universitari hanno rilasciato dichiarazioni entro due settimane dall'omicidio di George Floyd. Molti hanno menzionato solidarietà, uguaglianza e maggiore inclusione, ma solo uno su 10 ha incluso azioni concrete per affrontare le questioni razziali.

Il track record di queste istituzioni non genera fiducia sul fatto che manterranno le promesse fatte. C'è poca assunzione di responsabilità e nessun modo per valutare se questi impegni hanno effettivamente migliorato le vite e i mezzi di sussistenza dei neri. La diversità e l'inclusione (soprattutto dei neri) possono migliorare lo sviluppo del prodotto, stimolare l'innovazione, la creatività e l'imprenditorialità, tutte cose che guidano l'economia della nazione. La ricerca mostra che i team più diversificati sono più innovativi e generano maggiori entrate. 

Spesso sentiamo descrivere l'affermazione in una carriera tecnologica come il passaggio in un canale prefissato. La maggior parte dei tentativi di favorire la diversità nel nostro campo si sono concentrati sull'inserimento di più persone di diversa estrazione all'interno di pacchetti formativi già predisposti. Eppure l'articolazione rappresentativa resta ostinatamente bassa. Tra il 2014 e il 2020, la percentuale di professionisti della tecnologia neri e ispanici su Facebook è aumentata di meno di due punti percentuali.

Come mai? I canali prefissati ignorano le realtà di razzismo, classismo e sessismo affrontate da coloro che sono storicamente esclusi dalle carriere tecnologiche. Questo tipo di lettura lascia intendere che il problema sono le persone e non il sistema. Un'alternativa può essere legata al modello del "percorso". 

I sostenitori di questa alternativa cercano di creare più punti di ingresso che possono indirizzare chiunque a una carriera tecnologica. L'idea è che le persone affluiranno da altri campi, come l'ingegneria, le arti, la matematica e persino le discipline umanistiche. Un modo per promuovere questo flusso è che le scuole della durata di due e quattro anni rendano facile per le persone partire da un programma e finire in un altro.

In ogni caso, anche quando i percorsi forniscono più punti di ingresso, il loro superamento rimane impegnativo, in particolare per le minoranze in America. Bisogna avere familiarità con le opportunità di successo accademico e di preparazione alla carriera ed essere consapevoli delle barriere che ci si possono trovare davanti. Gli ostacoli variano tra le scuole e persino tra i dipartimenti all'interno della stessa struttura scolastica. E gli studenti devono anche essere in grado di applicare tale conoscenza per districarsi. 

La domanda è: cosa sarebbe meglio? A nostro parere, la risposta potrebbe essere un approccio ecosistemico in cui molte organizzazioni lavorano insieme per affrontare la scarsa rappresentatività delle diverse soggettività. L'ecosistema tecnologico dovrebbe coinvolgere scuole primarie e secondarie, istituti di istruzione superiore, aziende, organizzazioni non profit, agenzie governative e venture capitalist. I partenariati pubblico-privato potrebbero aiutare a progettare ambienti che siano inclusivi dal momento in cui le persone iniziano la loro istruzione fino al giorno in cui terminano la loro carriera.

Ciò potrebbe richiederci di rivedere sistemi come i test d'ingresso matematici che gli studenti devono superare per continuare il loro programma di studi e l’impossibilità per uno studente di iscriversi alle lezioni fino a quando le tasse scolastiche non sono completamente pagate. Questi sistemi diminuiscono le opportunità degli studenti. 

Le università e le aziende tecnologiche potrebbero offrire occasioni di sviluppo professionale agli studenti di gruppi sottorappresentati. Ma queste organizzazioni dovrebbero prima cambiare il proprio modo di essere per migliorare la loro inclusività. Ciò significa reinventare le pratiche di reclutamento, che in genere si basano su reti professionali e si traducono in un pool omogeneo di candidati, e affrontare il problema dei pregiudizi algoritmici, come gli screener automatici dei curriculum che selezionano i candidati su base etnica.

Le organizzazioni e i campi di studio che adottano questo approccio favoriranno l'eccellenza, l'innovazione e la creatività. La Georgia State University è un buon modello. L'università ha eliminato le lacune nei risultati introducendo un curricolo trasversale che gli studenti selezionano al momento dell'iscrizione. Un laureato in biologia che sceglie l’indirizzo STEM prende lezioni insieme a studenti che stanno perseguendo carriere in altri campi STEM, come medicina o matematica. Oggi, gli studenti afroamericani e ispanici della Georgia State si laureano allo stesso ritmo degli studenti bianchi

Gli ecosistemi dipendono sia dalle università che dalle aziende per andare oltre le sole dichiarazioni sulla diversità. Ciò di cui abbiamo bisogno è un cambiamento sostenibile e intenzionale. Donare denaro a una causa può aiutare, ma deve essere abbinato a politiche che possono rendere la tecnologia più equa. 

Ancora più importante, dobbiamo responsabilizzare i leader di oggi implementando politiche e procedure che enfatizzano la trasparenza, il rispetto e la tutela. Il modo migliore per intervenire sui sistemi che avvantaggiano alcuni ed escludono altri è andare oltre le scelte individuali,  affrontando il problema strutturale.


Fay Cobb Payton insegna alla North Carolina State UniversityLynette Yarger è professore associato della Pennsylvania State UniversityVictor Mbarika è Stallings Distinguished Scholar della East Carolina University.

(rp)