Seguici
Iscriviti alla nostra newsletter

    Gli incendi in Australia hanno pompato più emissioni di 100 nazioni messe insieme

    Le fiamme che imperversano lungo la costa orientale dell’Australia hanno già immesso nell’atmosfera circa 400 milioni di tonnellate di anidride carbonica, alimentando ulteriormente il cambiamento climatico che ha portato ad esasperare la virulenza degli incendi. 

    di James Temple

    Si tratta delle emissioni annuali complessive dei 116 paesi con la produzione più bassa di gas serra e nove volte la quantità prodotta durante la stagione degli incendi record del 2018 in California. La nuova immissione di carbonio nell’atmosfera vanifica la riduzione dello 0,1 per cento rispetto all’anno scorso dovuto alla siccità e alla crescita delle energie rinnovabili. 

    Eppure, 400 milioni di tonnellate non sono una quantità senza precedenti a livello nazionale in questo momento dell’anno in Australia, dove gli incendi boschivi estivi sono comuni e la stagione degli incendi si estende per un periodo sempre più lungo dell’anno e il numero di giorni di “altissimo pericolo d’incendio” è in costante crescita.

    Secondo il servizio di monitoraggio dell’atmosfera Copernicus dell’Unione europea, le emissioni legate a incendi hanno superato le 600 milioni di tonnellate da settembre ai primi di gennaio durante le disastrose stagioni degli incendi del 2011 e 2012.

    Ma le emissioni sono nettamente superiori ai livelli tipici nel Nuovo Galles del Sud, dove si sono concentrati gli incendi di quest’anno. Secondo le dichiarazioni del NSW Rural Fire Service, dal primo luglio, oltre 5,2 milioni di ettari sono bruciati in tutto lo stato sud-orientale.

    I cambiamenti climatici non provocano incendi, ma l’aumento delle temperature e la diminuzione delle precipitazioni prosciugano alberi, piante e suolo, convertendoli in carburante che può amplificare gli incendi quando scoppiano. 

    Un rapporto del 2018 dell’agenzia scientifica nazionale australiana e del Bureau of Meteorology conclude che il cambiamento climatico ha contribuito al peggioramento delle condizioni di rischio di incendi a livello nazionale, rilevando che le temperature medie sono aumentate di oltre 1 ° C. 

    A loro volta, questi enormi incendi stanno accelerando i cambiamenti climatici. Mentre gli alberi e le piante bruciano, rilasciano il carbonio immagazzinato nei loro tronchi, foglie, rami e radici. Il meccanismo crea un circolo vizioso, impedendo di affrontare il problema con politiche preventive.

    Emissioni di incendi da settembre a inizio gennaio, a livello nazionale e nel Nuovo Galles del Sud. Copernicus Atmosphere Monitoring Service Emissioni di incendi da settembre a inizio gennaio, a livello nazionale e nel Nuovo Galles del Sud. Copernicus Atmosphere Monitoring Service

    Gli incendi hanno avuto effetti devastanti sul terreno in Australia:

    “Probabilmente è abbastanza noto che l’Australia ha il più alto tasso di estinzione al mondo per i mammiferi”, ha dichiarato Chris Dickman, professore di ecologia terrestre, in un’intervista con la National Public Radio. “Sono eventi come questo che possono accelerare il processo di estinzione per una serie di altre specie. Quindi siamo di fronte a un evento disastroso”.

    La situazione è diventata più pericolosa negli ultimi giorni, con il ritorno del caldo e del vento. Due incendi giganti si sono fusi in un megaincendio a cavallo tra il Nuovo Galles del Sud e Victoria, coprendo un’area di circa 600.000 ettari.

    Foto: Fumo prodotto dagli incendi sull’isola dei Canguri, in Australia. Immagine dell’osservatorio terrestre della NASA. Lauren Dauphin / US Geological Survey

    Related Posts
    Continua

    La CO2 va fermata alla fonte

    La rimozione del carbonio dall’aria e il suo stoccaggio negli oceani sono essenziali, ma non possono sostituire gli interventi immediati sull’inquinamento climatico per impedire che il riscaldamento vada fuori controllo
    Total
    0
    Share