Seguici
Iscriviti alla nostra newsletter

    Facebook offre la possibilità di non vedere annunci politici

    L’azienda ha annunciato che darà a un piccolo gruppo di utenti la possibilità di nascondere annunci pubblicitari di candidati o comitati di azione politica nei loro feed di Facebook o Instagram prima di espandere nelle prossime settimane la funzionalità a tutti gli utenti statunitensi e in molti altri paesi.

    di Charlotte Jee

    In un op-ed su “Usa Today”, Mark Zuckerberg, cofondatore e CEO di Facebook, ha affermato che agli utenti verrà ricordato costantemente di andare a votare e che Facebook intende aiutare 4 milioni di persone a registrarsi. “Credo che l’azienda abbia la responsabilità non solo di prevenire l’assenteismo degli elettori – che riguarda in modo sproporzionato le persone di colore – ma anche di sostenere attivamente l’impegno, le modalità di registrazione e l’affluenza degli elettori ben informati”, ha scritto Zuckerberg.

    Facebook sta cercando di rispondere a una delle maggiori critiche che ha affrontato negli ultimi anni, portata avanti con costanza dalla campagna presidenziale di Biden, vale a dire quella di aver lasciato fuori le pubblicità politiche dal suo programma di controllo dei fatti, permettendo che i politici mentano senza conseguenze. La possibilità per gli utenti di non vedere questi annunci, di fatto non modifica la situazione.

    Il cambiamento non riguarda anche un’altra critica diffusa sugli annunci politici online, secondo cui il micro-targeting degli elettori per area, età o genere non è salutare per la democrazia, riducendo la responsabilità e lasciando che la disinformazione si diffonda rapidamente. 

    Le aziende di social media si sono divise su questo tema. Twitter ha smesso di accettare propaganda politica l’anno scorso. Il suo cofondatore e CEO Jack Dorsey ha dichiarato: “Riteniamo che la validità del messaggio politico dovrebbe essere legata ai contenuti, non acquistata su un social”.

    (rp)

    Related Posts
    Continua

    Come e perché imparare dalle api

    La cosiddetta "intelligenza di sciame” è applicabile anche alle comunità umane? Gli esperti Paola Scarpa, Andrea Pietrini, Federico Frattini a confronto su un tema affascinante per le società presenti e future
    Total
    0
    Share