Seguici
Iscriviti alla nostra newsletter

    Dopo 40 anni di viaggi, la Voyager 2 entra nello spazio interstellare

    Dopo la Voyager 1 nel 2012, la sonda Voyager 2 è il secondo oggetto creato dall’uomo ad aver raggiunto questa distanza.

    di Erin Winick

    Il lungo viaggio: Dal suo lancio, effettuato il 20 agosto 1977, la sonda ha percorso 11 miliardi di miglia per raggiungere lo spazio interstellare. Pur essendo partita prima della Voyager 1, la rotta fissata per raggiungere questo obiettivo era più lunga.

    Il risultato? La sonda Voyager 2 on ha lasciato il sistema solare. Il nostro sistema è enorme e si spinge oltre il suo ultimo pianeta. Di fatto, la sonda ha lasciato l’eliosfera, la bolla di particelle e campi magnetici creati dalla nostra stella pi vicina. Il vento solare e le particelle di plasma rilasciati dal sole sono responsabili della creazione di questa bolla.

    La notizia: La NASA ha annunciato che il 5 novembre i suoi ricercatori hanno riscontrato un vertiginoso calo nella velocità dei venti solari attorno alla sonda. In questo momento, il vascello si trova nello spazio interstellare.

    Un lungo addio: Si stima che serviranno 30.000 anni perché la Voyager 2 lasci il sistema solare superando la Nube di Ooort, una nube sferica di comete che circonda il Sole, ben oltre i pianeti più lontani del nostro sistema solare. Purtroppo, la sonda non trasmetterà più dati a quel punto. In questo momento occorrono 16,5 ore per ricevere i dati sulla Terra, e alla Voyager 2 restano dai 5 ai 10 anni di vita. Fino ad allora trasmetterà informazioni sulle nuove condizioni dello spazio in cui naviga.

    (MO)

    Related Posts
    Continua

    Gli orologi atomici di domani

    Misurando con precisione le vibrazioni quantistiche negli atomi e la loro evoluzione nel tempo, i ricercatori possono affinare la precisione dei sensori quantistici per ottenere un mondo in miniatura di informazioni non accessibili nei normali scenari
    Total
    0
    Share