• Questo grafico si basa sul lavoro del laboratorio di Nancy Kanwisher e Katharina Dobs del McGovern Institute del MIT, che hanno presentato una delle attuali teorie su come riconosciamo il volto.

Cosa succede quando si vede chi si ama

Nel momento in cui riconosciamo il volto di una persona amata, accadono molte cose tutte in una volta, anche se non siamo ancora in grado di definirle tutte.

di Tate Ryan-Mosley 07-09-21
Adam sta arrivando. 

Il mio appartamento non ha il citofono, quindi Adam chiama sempre quando è a due minuti di distanza. Non chiarisce mai a che distanza si trova, ma dice che è già alla mia porta, perché sa che cerco sempre di finire qualcosa prima di aprire.

Oltre il rumore della doccia, sento il mio telefono ronzare. Raggiungo la tenda di plastica. Sono le 18:31.

"Ciao, sono qui", dice.

Merda.

Salgo giù per le scale tenendo il nido di asciugamani in cima alla mia testa. Riesco a vedere la forma del suo viso attraverso la finestra. Adam assomiglia a un vichingo che lavora nella finanza. Vedo l'inizio di un sorriso (0 millisecondi). 

Riconosco l'abbronzatura, l’aspetto trasandato e fanciullesco (40 millisecondi). Registro la forma del suo viso, i suoi piccoli occhi luminosi a mandorla, il suo overbite tra i denti (che trovo adorabile) e la sua attaccatura dei capelli (50 millisecondi). La pelle sul bordo degli occhi sta iniziando a raggrinzirsi in piccole pieghe e la sua fronte prominente suggerisce una mascolinità aggressiva che è in contrasto con la sua personalità (70 millisecondi). So che è Adam già da lontano (90 millisecondi).

So che i suoi capelli stanno iniziando a diradarsi perché ricordo il nostro primissimo litigio quando gli ho chiesto se fosse calvo. Riconosco quasi l'odore del patchouli del suo olio da barba, che lascia a casa mia ogni due settimane, attraverso la porta. Mi ricorda le nostre mattine insieme prima di andare nei nostri rispettivi uffici (400 millisecondi).

Ci scambiamo sorrisi mentre apro la coppia di porte che ci separano. Ci baciamo sulla guancia. Ci abbracciamo. 

 "Da quanto tempo stai aspettando?" Chiedo.

“Oh, sono appena arrivato. Ho chiamato da due isolati di distanza". 

0 millisecondi
La luce riflessa dal viso di Adam viene assorbita dalla mia retina, che invia segnali lungo il nervo ottico verso un centro di trasmissione chiamato nucleo genicolato laterale (LGN). Qui, le informazioni visive vengono trasmesse ad altre parti del cervello. Il LGN è ospitato nel talamo, una piccola regione sopra il tronco cerebrale che invia informazioni sensoriali alla corteccia cerebrale, il principale centro di controllo del cervello.

40 millisecondi
Il LGN inizia a costruire una rappresentazione di ciò che sto guardando per la corteccia visiva combinando le informazioni di entrambi gli occhi.

50 millisecondi
La corteccia visiva registra ciò che vedo fuori dalla mia porta.

70 millisecondi
Le strutture nella parte posteriore del mio lobo temporale, chiamate cerotti facciali—l'area della faccia occipitale (OFA), l'area della faccia fusiforme (FFA) e il solco temporale superiore (STS)—mi dicono che sto guardando una faccia e comincio per classificare il sesso e l'età.

90 millisecondi
Le diverse parti del viso mi dicono che il volto appartiene a una singola persona e quindi lo confrontano con quelli che ho visto prima.

400 millisecondi
Ormai, il mio cervello ha reclutato porzioni dei lobi frontale, parietale e temporale che immagazzinano memoria ed emozione per discernere se il volto di Adam è familiare. Anche l'amigdala, dove si trova la maggior parte dei sistemi di controllo emotivo, è coinvolta. Insieme, queste aree mi aiutano a ricordare le informazioni fondamentali su di lui.

(rp)