Seguici
Iscriviti alla nostra newsletter

    Cosa mi ha insegnato la nascita di mio figlio

    Negli Stati Uniti il calo della natalità è sempre più accentuato e la pandemia sta rendendo la situazione ancora più difficile.

    di Susie Cagle

    La mattina in cui è nato il mio primo figlio, pensavo soprattutto alla morte. Era la settimana prima del Ringraziamento quando io e mio marito insieme al nostro figlio appena nato a Berkeley, in California, abbiamo appreso che gli ospedali, come quello in cui eravamo noi, sarebbero stati presto invasi da pazienti con il covid-19.

    Avevo saputo di essere incinta a marzo, solo una settimana prima che la California emettesse il suo lockdown per frenare la diffusione del coronavirus. L’attività di mio marito era stata chiusa a tempo indeterminato. Ho perso il lavoro come giornalista esperta di questioni climatiche pochi mesi dopo, appena prima della peggiore stagione degli incendi del nostro stato nella storia. Il nostro mondo era in crisi nello stesso momento in cui le nostre vite venivano gioiosamente sconvolte.

    Abbiamo aspettato anni per il momento perfetto per avere un bambino, fino a quando non abbiamo avuto una casa, un reddito e un’assistenza sanitaria stabili. Come altri millennial, abbiamo aspettato molto più a lungo di quanto avessero fatto i nostri genitori prima di noi. Se ci sono motivazioni per questo cambiamento sociale, sembrano avere più a che fare con la necessità che con la scelta. 

    Siamo entrati nella Grande Recessione, gravati dal debito e ricompensati con salari stagnanti, e abbiamo sopportato la crescita economica più lenta affrontata da qualsiasi generazione nella storia degli Stati Uniti. I millennial controllano meno del 6 per centodella ricchezza degli Stati Uniti. Alla stessa età, i baby boomer controllavano più del 20 per cento. 

    La promessa del capitalismo americano – che i membri di ogni generazione possono lavorare sodo e aspettarsi di dare ai propri figli una vita migliore della propria – è stata infranta. Da questo punto di vista, il progresso si è fermato con la nostra generazione. E a causa almeno in parte di questi oneri economici, milioni di millennial in meno stanno partorendo e quelli che hanno figli hanno posticipato il momento di averne altri. 

    A quasi un anno dall’inizio di questa pandemia, il baby bust, ossia la fase di forte calo della fecondità, sta solo peggiorando. Gli stress psicologici ed economici della pandemia sembrano spingere le famiglie nella direzione opposta poiché i giovani hanno sopportato il peso di un’economia chiusaIn un sondaggio della società Modern Fertility, il 30 per cento degli intervistati ha affermato di aver cambiato le proprie decisioni di pianificazione familiare a causa del covid-19. Di questi, circa tre quarti hanno affermato che avrebbero ritardato di avere figli o che avrebbero riconsiderato di averli del tutto. 

    La Brookings Institution ha previsto che la pandemia potrebbe comportare da 300.000 a 500.000 nascite in meno nel 2021, un calo del 10 per cento o più. Ciò che è meno chiaro è se questo calo rifletta le ansie di aspiranti genitori in difficoltà, le loro preoccupazioni per le prospettive future dei loro potenziali figli, o entrambe le cose.

    Il baby bust senza dubbio deprimerà ulteriormente il tasso di natalità degli Stati Uniti, già il più basso degli ultimi tre decenni. E secondo molte misurazioni tradizionali del progresso, un tasso di natalità in calo è un indicatore di fallimento. Il nostro è stato uno degli ultimi bambini concepiti nella promettente ingenuità dell’inizio del 2020, prima che sapessi di cosa ci avrebbe atteso nei mesi a venire. Ma dopo anni passati a documentare il collasso degli ecosistemi per mano dell’uomo, ho potuto percepire i contorni di ciò che mi attendeva. 

    Anno dopo anno, i miei vicini della California hanno visto bruciare le loro case da incendi sempre più grandi e veloci e hanno ricostruito negli stessi luoghi. Anche di fronte al caos, la nostra disponibilità collettiva al cambiamento sembra oscillare. 

    Così tanti miei coetanei hanno deciso di non affidare un’altra giovane vita a una prospettiva incerta e non posso dire che si sbagliano. Scegliere di avere figli è un atto intrinsecamente ottimistico, o perché si ha già speranza nel mondo o perché ci si prende cura di una nuova vita. 

    La mattina in cui è nato il mio primo figlio, ho pensato che avevo scelto il momento meno adatto. Ho pensato alle future pandemie che avrebbe sopportato, insieme agli incendi e ai crolli economici. Tuttavia, in qualche modo, sono fiduciosa che supererà le difficoltà. Il compito che ha davanti, insieme a tutti gli altri bambini figli della pandemia, sarà quello di ridefinire il progresso in un’epoca di crisi, come quella che ha segnato i loro primissimi giorni.

    Immagine:Nhung Le

    Related Posts
    Total
    0
    Share