Seguici
Iscriviti alla nostra newsletter

    Con un po’ di intelligenza (artificiale), l’Apple Watch potrebbe rilevare complicazioni cardiache

    Il cardiofrequenzimetro dell’orologio di Apple è ben lontano dal raggiungere le prestazioni di un dispositivo medico, ma un software intelligente potrebbe migliorarne le capacità.

    di Michael Reilly

    L’Apple Watch non è un dispositivo medico. Certo, a grandi linee permette di controllare i principali cambiamenti nella vostra frequenza cardiaca e, quindi, avere un resoconto dell’intensità del vostro allenamento. Qualunque altra richiesta, però, risulterà fuori dalla sua portata.

    Giovedì scorso è emerso uno studio secondo il quale le letture di un Apple Watch permetterebbero di rilevare la fibrillazione atriale – una grave condizione cardiaca che, in caso di mancata identificazione, può portare a notevoli sintomi sui pazienti.

    Il sistema descritto all’interno di questo studio, condotto da Greg Marcus e un team di ricercatori dell’Università della California San Francisco assieme ad una startup di nome Cardiogram, si basa su un software di intelligenza artificiale progettato per estrapolare informazioni dalle letture di un Apple Watch.

    I ricercatori hanno raccolto dati da 166 persone che rispondevano a diversi requisiti: indossavano un Apple Watch, soffrivano di fibrillazione atriale e possedevano un dispositivo AliveCor, un elettrocardiogramma (EKG) approvato dalla FDA che si connette ad un iPhone (la società sta anche sviluppando un cinturino che può essere montato sugli Apple Watch; questo, però, non è ancora stato approvato dalla FDA).

    Ciascun utente ha permesso di raccogliere simultaneamente due flussi di dati distinti; uno dall’orologio, l’altro dall’EKG, che è anche riuscito a illustrare con precisione quando il cuore di un utente andava in fibrillazione. Utilizzando entrambi i flussi di dati, il team è riuscito a istruire un algoritmo di apprendimento automatico su come riconoscere la fibrillazione ricorrendo ai soli dati raccolti dall’Apple Watch. Un test condotto sulle letture di all’incirca 50 persone avrebbe portato a segnalazioni con una precisione del 97 percento.

    Pur trattandosi di un risultato incoraggiante, restano ancora alcuni limiti da sormontare. I soggetti esaminati nel test, ad esempio, erano dovuti rimanere immobili per permettere al dispositivo di effettuare misurazioni sufficientemente accurate.

    Secondo Buzzfeed, Cardiogram, che ha raccolto $2 milioni da investitori come Andreessen Horowitz, starebbe entrando in un settore tormentato da problemi. Basti domandare alle persone dietro Quanttus, una startup che ha ricevuto una dura lezione sulle difficoltà nell’effettuare letture biologiche accurate partendo da un braccialetto.

    Si tratta anche di un settore fortemente competitivo. Verily, la società di Alphabet che si occupa di tecnologie per la salute, sta realizzando quello che descrive come un “Monitor per il cuore e le attività” che, con molte probabilità, include un elettrocardiogramma. L’anno scorso, quando ho avuto modo di osservare un prototipo, le sue funzioni sembravano pensate appositamente attorno alla salute della persona. Aveva un aspetto semplice ed un display e-ink per prolungare la durata della batteria, così da poter essere indossato più a lungo di un Apple Watch che, d’altronde, è un semplice gadget.

    Related Posts
    Total
    0
    Share