• Due manifestanti per la morte di George Floyd al Boston Common. Philip Keith
Come porre fine alla brutalità della polizia
Non è la prima volta che i video di testimoni occasionali hanno provocato la creazione di un movimento di protesta, ma ora si apre la possibilità di un cambiamento epocale nelle forze dell’ordine.
di Karen Hao 11-06-20
Di tutti i video dell'omicidio di George Floyd, quello registrato dalla diciassettenne Darnella Frazier sul suo telefono è quello che ha colpito di più. Mostra l'agente Derek Chauvin con il ginocchio sul collo di Floyd, che inutilmente lo supplica: "Per favore, per favore, per favore, non riesco a respirare”. Nella denuncia penale si afferma che Chauvin ha bloccato il collo di Floyd per 8 minuti e 46 secondi, fino a quando Floyd è rimasto privo di conoscenza. Nel filmato, Chauvin guarda verso chi lo riprende mentre si trova sopra Frazier, ormai immobile: un'immagine agghiacciante e devastante.