Seguici
Iscriviti alla nostra newsletter

    Chang’e 5 è sulla Luna

    Si prevede che il lander inizi molto presto le operazioni di perforazione per raccogliere il materiale lunare.

    di Neel V. Patel 02-12-20

    La Cina ha lanciato Chang’e 5 il 23 novembre. Mentre si trovava nell’orbita lunare, il lander si è separato in due parti: un orbiter e una capsula di ritorno che sarebbero rimasti in orbita lunare, e un lander e uno stadio di ascesa che sarebbero arrivati sulla superficie lunare un paio di giorni dopo. Il veicolo è atterrato con successo in un sito vicino a Mons Rümker, una formazione vulcanica nella regione dell’Oceanus Procellarum sul bordo occidentale del lato più vicino della Luna. 

    Si pensa che questa zona sia la sede di rocce lunari un paio di miliardi di anni più giovani di quelle riportate a Terra dal programma Apollo. Si prevede che Chang’e 5 inizi a perforare il terreno lunare per i campioni del sottosuolo quasi immediatamente. L’obiettivo è raccogliere almeno 2 kg di materiale dalla Luna. Un quarto proverrà da campioni sotterranei (circa 2 metri di profondità) e gli altri tre quarti da materiale di superficie. 

    A differenza del precedente rover lunare, Chang’e 5 non è dotato di alcuna unità di riscaldamento per proteggere i suoi componenti più sensibili dalle temperature gelide della notte lunare. Ciò significa che la missione ha solo 14 giorni (la lunghezza del giorno lunare) per raccogliere correttamente i campioni prima che la situazione diventi insostenibile.  

    In circa 48 ore, il veicolo di risalita trasporterà i campioni lunari per un rendezvous con l’orbiter, che poi posizionerà i campioni nella capsula di ritorno e tornerà sulla Terra diversi giorni dopo. Quando sarà in vicinanza della Terra, l’orbiter lancerà la capsula di ritorno, che dovrebbe atterrare nella Mongolia interna entro il 17 dicembre.

    La Cina ormai entra di diritto nella storia delle missioni lunari. Il paese ha portato a termine con successo quattro missioni robotiche sulla Luna, incluso il rilascio di due rover in superficie. Chang’e 5 è il terzo atterraggio lunare per il paese, ma la prima missione per il paese che prevede il ritorno di campioni. 

    Finora, solo gli Stati Uniti e l’ex Unione Sovietica hanno mai riportato le rocce lunari sulla Terra. In caso di successo, questa sarà la prima volta in 44 anni (dalla missione Lunar 24 dell’Unione Sovietica) che qualcuno ha portato a termine una missione di ritorno di un campione lunare.

    Chang’e 6 è una missione di ritorno di un campione lunare di follow-up che dovrebbe essere lanciata nel 2023. Sebbene sia apparentemente un backup di Chang’e 5, la sua meta sarebbe il polo sud lunare per i campioni invece di tornare a Mons Rümker, sempre che Chang’e 5 abbia successo.

    (rp)

    Related Posts
    Continua

    Gli orologi atomici di domani

    Misurando con precisione le vibrazioni quantistiche negli atomi e la loro evoluzione nel tempo, i ricercatori possono affinare la precisione dei sensori quantistici per ottenere un mondo in miniatura di informazioni non accessibili nei normali scenari
    Total
    0
    Share