Seguici
Iscriviti alla nostra newsletter

    Transgender web

    Molti motori di ricerca e piattaforme non prevedono generi che non siano i classici maschio/femmina. Appunti per una rete finalmente inclusiva

    Le persone transgender e non binarie come me si sentono escluse in una società organizzata in soli “maschi” e “femmine”. Ed è qualcosa che accade spesso, soprattutto online. Prendi Gmail. Ci sono tre opzioni di genere al momento della registrazione. Se scegli “altro”, puoi scrivere con qualsiasi identità di genere. Ma prima devi scegliere come desideri che Google si riferisca a te: “maschio”, “femmina” o “altro”.

    Perché qualcosa di così disumanizzante come “altro”? Anche una scelta tra i tre più popolari – “lui”, “lei” e “loro” – sarebbe ragionevole. Dal punto di vista della codifica, sarebbe abbastanza semplice aggiornare la lingua del menù.

    Non dovrebbe essere difficile per le aziende migliorare l’inclusione di genere nei modelli esistenti. Fornire opzioni aggiuntive spesso richiede solo la modifica o l’aggiunta di alcune righe di codice.
    Naturalmente, non tutti i software sono facili da aggiornare. Per prima cosa, i database che limitano le informazioni che possono essere archiviate nel campo del genere potrebbero richiedere ampie revisioni per accogliere più scelte. Ecco perché è importante che gli sviluppatori creino un programma inclusivo durante la fase di progettazione, in modo che gli utenti di genere diverso possano sentirsi i benvenuti al momento del lancio.

    Sebbene siano una minoranza, le persone trans sono ancora una fascia demografica importante per i produttori di software e le piattaforme. Secondo le stime, negli Stati Uniti ci sono oltre 1,4 milioni di adulti transgender, circa il doppio della popolazione dell’Alaska. Com’è possibile che accettiamo uno degli stati meno popolati come seconda opzione in un menu alfabetico di dozzine di opzioni, ma troviamo scomodo aggiungere qualche altro genere?

    “Femmina” e “maschio” dovrebbero essere in cima alla lista; Il 99,5% della popolazione non dovrebbe dover scorrere eccessivamente per trovare il proprio genere. Come persona trans, sto semplicemente chiedendo agli sviluppatori di includere opzioni per tutti coloro che utilizzano il loro software. Come sviluppatore, so che non è una domanda troppo grande.

    Image by Gerd Altmann from Pixabay

    Related Posts
    Continua

    Come e perché imparare dalle api

    La cosiddetta "intelligenza di sciame” è applicabile anche alle comunità umane? Gli esperti Paola Scarpa, Andrea Pietrini, Federico Frattini a confronto su un tema affascinante per le società presenti e future
    Total
    1
    Share