Seguici
Iscriviti alla nostra newsletter

    Se Twitter fallisce, cosa ne sarà di quasi vent’anni di storia?

    Cosa succede quando la storia del mondo è raccolta sui database di un’azienda privata che potrebbe collassare da un momento all’altro?

    Quasi dal primo tweet pubblicato nel 2006, Twitter ha giocato un ruolo importante negli eventi mondiali. La piattaforma è stata utilizzata per registrare di tutto, dalla primavera araba alla guerra in corso in Ucraina. Per non parlare di anni di dibattito pubblico.

    Ora gli esperti temono che se Elon Musk farà fallire l’azienda, questi ricchi filoni di materiale mediatico e conversazioni potrebbero andare persi per sempre. E dopo che Musk, in una chiamata del 10 novembre, ha ammesso ai dipendenti che il fallimento di Twitter è possibile, il rischio è reale e presente.

    Lo stesso Musk riconosce che Twitter è un forum pubblico, ed è questo fatto che rende la potenziale perdita della piattaforma così significativa. Twitter è diventato parte integrante della civiltà odierna. È un luogo in cui le persone documentano i crimini di guerra, discutono di questioni chiave e comunicano notizie.

    È qui che è stato annunciato per la prima volta il raid statunitense che avrebbe provocato la morte di Osama bin Laden. È dove le persone ricevono aggiornamenti sull’invasione russa dell’Ucraina. È qui che è emersa per la prima volta la notizia dell’abbattimento del volo MH17, un aereo della Malaysia Airlines probabilmente abbattuto dalle forze filo-russe in Ucraina nel 2014.

    È un documento storico vivo e che respira. Il fatto che possa sparire desta vera preoccupazione.

    “Se Twitter dovesse ‘sparire da un momento all’altro’, diciamo, tutto questo — tutte le prove di prima mano di atrocità o potenziali crimini di guerra, e tutte queste potenziali prove—scomparirebbero semplicemente”, dice Ciaran O’Connor, analista senior presso l’Institute for Strategic Dialogue (ISD), un think tank globale. Le informazioni raccolte utilizzando l’intelligence open source, nota come OSINT, sono state utilizzate per sostenere procedimenti penali per crimini di guerra e rivestono il ruolo di prova di eventi avvenuti più duratura della memoria umana.

    Il potenziale collasso di Twitter è reso particolarmente impegnativo dal fatto che la “piazza pubblica digitale” è stata costruita sui server di un’azienda privata, afferma Elise Thomas, collega di O’Connor, analista senior di OSINT presso l’ISD.

    È un problema che dovremo affrontare molte volte nei prossimi decenni, dice: “Questo momento potrebbe non essere che il primo di una lunga serie di test sullo stesso argomento”.

    L’ubiquità di Twitter, la sua adozione da parte di quasi un quarto di miliardo di utenti negli ultimi 16 anni e il suo status di archivio pubblico de facto, rendono la piattaforma una miniera di informazioni, afferma Thomas.

    “In un certo senso, si tratta di un’enorme opportunità per gli storici del futuro: nessuna epoca storica si è mai lasciata alle spalle tanti dati“, spiega. Ma proprio la scala del fenomeno presenta un enorme problema di archiviazione dati.

    Per otto anni, la Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti si è impegnata a mantenere un registro pubblico di tutti i tweet, ma si è fermata nel 2018, quando ha invece cominciato a selezionare solo un piccolo numero di post degli account interessati.

    Non ha mai, mai funzionato“, afferma William Kilbride, direttore esecutivo della Digital Preservation Coalition. I dati che la biblioteca avrebbe dovuto immagazzinare erano troppo vasti, il volume troppo grande. “Consentitemi di contestualizzare: siamo la Library of Congress. Abbiamo alcune delle migliori competenze su questo argomento. Se la Library of Congress non riesce a starci dietro, il dato è significativo”, dice.

    Il fatto è problematico, perché Twitter pullula di contenuti importanti degli ultimi 16 anni che potrebbero aiutare gli storici di domani a comprendere il mondo di oggi.

    “In un certo senso, Twitter è diventato una sorta di aggregatore di informazioni“, afferma Eliot Higgins, fondatore degli investigatori open source Bellingcat, che ha contribuito a consegnare alla giustizia i responsabili dell’abbattimento del MH17. “Molto del materiale che arriva dall’Ucraina, per esempio: le riprese provengono dai canali di Telegram che altre persone stanno seguendo, ma le condividono su Twitter.”

    Twitter ha reso più facile classificare e consumare contenuti da quasi tutte le nicchie del mondo, attingendo a un feed di notizie in tempo reale di informazioni rilevanti sia da grandi organizzazioni che da piccole voci indipendenti. La sua assenza sarebbe molto sentita.

    La scomparsa di enormi volumi di informazioni da Internet non è un problema nuovo. Nel 2017, YouTube è stato accusato di danneggiare la capacità degli investigatori di individuare presunti crimini contro l’umanità in Siria eliminando definitivamente gli account che pubblicavano video dalle città siriane. Alla fine la società è tornata sui propri passi, avendo consapevolizzato l’importanza del proprio ruolo di raccolta di innumerevoli informazioni storiche.

    “Non credo che succederà con Elon Musk”, dice Higgins. Musk non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento che chiedeva se avrebbe assicurato o assistito nella memorizzazione permanente della cronologia dei post di Twitter in caso di bancarotta. Twitter, come ora è stato ampiamente riportato, non ha più un team di comunicazione dopo la messa licenziamenti.

    Non sono solo i ricercatori OSINT a essere preoccupati. La preoccupazione delle agenzie pubbliche statunitensi per la perdita del proprio bollino blu verificato evidenzia il fatto che molte dichiarazioni ufficiali di governi ed enti pubblici vengono ora rilasciate prima su Twitter. “Non c’è alcuna indicazione che quei registri formali delle agenzie governative siano mai stati archiviati, o addirittura come avrebbero potuto farlo”, afferma Kilbride.

    Molti utenti si sono presi la responsabilità di eseguire autonomamente il backup dei propri dati, mentre Internet Archive può essere utilizzato per archiviare in modo permanente istantanee delle pagine Web di Twitter in un luogo più affidabile rispetto ai server di Twitter.

    Ma entrambi i metodi presentano problemi: i contenuti multimediali spesso non vengono archiviati insieme, cosa che influenzerebbe il vasto numero di account che pubblicano immagini e video della rivoluzione iraniana o documentano l’invasione russa su Twitter, mentre accedono al le informazioni richiedono facilmente di conoscere l’URL esatto di un determinato tweet. “Potresti avere difficoltà a trovarlo se non è già stato conservato in qualche modo da qualche altra parte su Internet”, afferma Higgins.

    Alcuni utenti si affidano a servizi di terze parti solitamente utilizzati per rendere più decifrabili lunghi thread di Twitter, come Thread Reader, ma nemmeno cercare di trasformarli in strumenti di archiviazione è una soluzione ideale. “Le aziende dietro a questi servizi sono quasi certamente più piccole e più transitorie di Twitter stesso, e non c’è motivo reale di pensare che il contenuto sarà preservato per sempre anche lì, soprattutto perché una volta che Twitter se ne sarà andato, lo stesso avverrà per il modello di business dell’azienda, ” dice Tommaso.

    C’è modo e modo di chiudere“, supplica Kilbride, secondo cui, in caso di fallimento di Twitter, Musk potrebbe concedere un margine di tempo prima di staccare per sempre la spina. “Una chiusura gestita e strutturata del servizio sarebbe preferibile al caos che abbiamo ora”, afferma.

    Thomas non ha una soluzione ottimale al problema e, come per gan parte di ciò che riguarda Twitter al momento, le prospettive non sono esattamente rosee, dice. “Perderemo così tanta storia digitale nel caso in cui Twitter finisse male senza preavviso.”

    Related Posts
    Total
    0
    Share