Ricerca traslazionale: trasporre i risultati della ricerca in applicazioni pratiche
La ricerca traslazionale significa cose diverse per persone diverse, ma è importante per tutti.
di Alessandro Ovi 29-03-19
I National Institutes of Health (NIH), l'agenzia di ricerca sanitaria del governo statunitense, hanno reso prioritaria la ricerca traslazionale, formando centri ad essa dedicati presso i propri istituti e lanciando nel 2006 il programma CTSA (Clinical and Translational Science Award).
Ora, con più di 50 centri accademici finanziati dal CTSA già avviati, altre università si stanno trasformando per competere per le prossime borse della CTSA. Entro il 2020, il NIH prevede di finanziare oltre 60 centri di questo tipo con un budget di $500 milioni all'anno. Ai centri accademici, anche fondazioni, enti industriali, organizzazioni legate alla malattia, singoli ospedali e sistemi sanitari hanno stabilito programmi di ricerca traslazionale ed esistono già riviste specializzate (Translational Medicine e Journal of Translational Medicine) dedicate all'argomento.

Secondo alcuni resoconti, la ricerca traslazionale è diventata un punto centrale del budget da 6 miliardi di euro della Commissione Europea per la ricerca relativa alla salute e il solo Regno Unito ha investito 450 milioni di sterline in 5 anni per istituire centri di ricerca traslazionale.

La ricerca traslazionale applica i risultati della scienza di base per migliorare la salute e il benessere umano. In un contesto di ricerca medica, mira a "tradurre" i risultati della ricerca fondamentale sulla pratica medica e sui risultati significativi per la salute. La ricerca traslazionale implementa un approccio "bench-to-bedside", che traspone i risultati direttamente dagli esperimenti di laboratorio, attraverso studi clinici, alle applicazioni sui pazienti, sfruttando le conoscenze delle scienze di base per produrre nuovi farmaci, dispositivi e opzioni di trattamento.
Il punto finale della ricerca traslazionale è la produzione di nuovi trattamenti che possano essere utilizzati con applicazioni pratiche, in ambito clinico o che possano essere commercializzati.

Trattandosi di una disciplina di ricerca relativamente nuova, la ricerca traslazionale incorpora aspetti sia della scienza di base che della ricerca clinica, richiedendo competenze e risorse che non sono facilmente disponibili in un laboratorio di base o in un ambiente clinico isolato. È per queste ragioni che la ricerca traslazionale è più efficace in dipartimenti scientifici universitari ad essa dedicati. Dal 2009, il settore ha meritato riviste specializzate come l'American Journal of Translational Research e Translational Research dedicati alla ricerca traslazionale.

La ricerca traslazionale si suddivide in diverse stadi, tra cui un modello a due stadi (T1 e T2), a quattro stadi (T1, T2, T3 e T4) e cinque stadi (T1, T2, T3, T4 e T5). In un modello a due stadi, la ricerca T1 fa riferimento all'impresa "da banco a letto" che traduce la conoscenza dalle scienze di base nello sviluppo di nuovi trattamenti mentre la ricerca T2 si riferisce alla trasposizione dei risultati delle sperimentazioni cliniche nella pratica quotidiana.
In uno schema a cinque stadi, T1 riguarda la ricerca di base, il T2 riguarda la ricerca preclinica, T3 si occupa della ricerca clinica, il T4 comporta l'implementazione clinica e il T5 implica l'implementazione nella sfera della salute pubblica.
Waldman et al. propongono uno schema che va da T0 a T5 dove T0 è una ricerca di laboratorio (prima che sull’uomo). Nella fase T1, le nuove scoperte di laboratorio vengono prima tradotte in applicazioni umane, che comprendono studi clinici di fase I e II. Nella fase T2, le applicazioni per la salute dei candidati avanzano attraverso lo sviluppo clinico per generare la base di prove per l'integrazione nelle linee guida della pratica clinica. Questo include studi clinici di fase III. Nella fase T3 si ha la diffusione nelle pratiche comuni. La fase T4 mira a far avanzare le conoscenze scientifiche verso i paradigmi della prevenzione delle malattie e spostare le pratiche sanitarie stabilite nel T3 nell'impatto sulla salute della popolazione. Infine, la fase T5 si concentra sul miglioramento del benessere delle popolazioni attraverso la riforma di strutture sociali subottimali.

In uno schema a due fasi, la ricerca traslazionale comprende due aree di trasposizione. Uno è il processo di applicazione delle scoperte generate durante la ricerca in laboratorio e in studi preclinici allo sviluppo di prove e studi sull'uomo. La seconda area di trasposizione riguarda la ricerca volta a migliorare l'adozione delle migliori pratiche nella comunità. L'efficacia in termini di costo delle strategie di prevenzione e trattamento è anche una parte importante della scienza traslazionale.

Dalla ricerca di base a quella applicata
La ricerca di base è lo studio sistematico diretto verso una maggiore conoscenza o comprensione degli aspetti fondamentali dei fenomeni e viene eseguito senza pensare a fini pratici. Risulta in una generale conoscenza e comprensione della natura e delle sue leggi.
La ricerca applicata è una forma di indagine sistematica che implica l'applicazione pratica della scienza. Accede e utilizza le teorie, le conoscenze, i metodi e le tecniche accumulate dalle comunità di ricerca per uno scopo specifico, spesso statale, aziendale o basato sui clienti.
In medicina, la ricerca traslazionale è sempre più un campo di ricerca a sè stante. Un esempio di connessione tra gli aspetti applicati e fondamentali nella ricerca sul cancro ha fatto al sua comparsa intorno al 2000.

I critici della ricerca traslazionale puntano il dito ad esempi di importanti farmaci nati da scoperte fortuite nel corso di ricerche di base come la penicillina e le benzodiazepine a sostegno dell'importanza della ricerca di base per approfondire la nostra comprensione dei dati biologici di base (ad esempio funzione e struttura del DNA) che continuano a trasformare la ricerca medica applicata .
Esempi di ricerche traslazionali fallite nell'industria farmaceutica includono il caso del delle terapie anti-beta amiloide studiate per la cura del morbo di Alzheimer. Altri problemi nascono dalla diffusa irriproducibilità che si crede caratterizzi la letteratura di ricerca traslazionale.


Strutture nel mondo
Negli Stati Uniti, i National Institutes of Health hanno implementato un'importante iniziativa nazionale per sfruttare l'infrastruttura del centro sanitario accademico esistente attraverso premi per la scienza clinica e traslazionale. Il Centro nazionale per l'avanzamento delle scienze della traduzione (NCATS) è stato istituito il 23 dicembre 2011.

Sebbene la ricerca traslazionale sia relativamente nuova, viene riconosciuta e abbracciata a livello globale. Alcuni dei principali centri per la ricerca traslazionale includono:
• Quasi 60 hub del programma Clinical and Translational Science Awards.
Translational Research Institute (Australia), Brisbane, Queensland, Australia.
Stanford University Medical Center, Stanford, California, Stati Uniti.
Translational Genomics Research Institute, Phoenix, Arizona, Stati Uniti.
Maine Medical Center di Portland, nel Maine, negli Stati Uniti ha un istituto di ricerca traslazionale dedicato .
Scripps Research Institute, Florida, Stati Uniti, ha un istituto di ricerca traslazionale dedicato.
UC Davis, Sacramento, California

La ricerca traslazionale è ora riconosciuta anche da alcune università come un campo di studio per dottorato di ricerca o un certificato di laurea in contesto medico. Attualmente questi istituti includono la Monash University a Victoria, in Australia, il Diamantina Institute dell'Università del Queensland, a Brisbane, in Australia, la Duke University  di Durham, North Carolina, USA, la Creighton University di Omaha, Nebraska, la Emory University di Atlanta, in Georgia.

L'industria e le interazioni accademiche per promuovere le iniziative di traslazione scientifica sono state guidate da centri globali come la Commissione Europea, multinazionali ocme la GlaxoSmithKline e l'Istituto Novartis.

Degni di nota il Center for Clinical and Translational Science (CcaTS) della Mayo Clinic, il Centro per la Medicina Traslazionale dell’Istituto Pasteur, il TTEC Tranlational Tissue Engineering Center della Jhons Hopkins University.