• Octavio Passos / Getty Images

Non solo vaccini, ma anche cure per il covid-19

Abbiamo a disposizione una grande quantità di vaccini e altri ancora in arrivo, ma anche i farmaci che curano la malattia sono vitali se si vogliono mantenere in vita le persone e tenere sotto controllo la pandemia.

di Cassandra Willyard 04-07-21
Le iniziative globali per sviluppare vaccini contro il covid-19 sono state un trionfo scientifico. La ricerca di nuove terapie, invece, è rimasta al palo. A più di un anno e mezzo dall'inizio della pandemia, esistono poche opzioni di trattamento per il covid-19 e quelle disponibili sembrano avere solo un impatto modesto sul decorso della malattia. I tassi di vaccinazione possono essere abbastanza alti in alcuni paesi ricchi da mettere in moto l'immunità di gregge, ma la necessità di nuove terapie è ancora urgente. 

Il virus sta imperversando in alcuni paesi con accesso limitato ai vaccini. E anche nei luoghi in cui sono ampiamente disponibili, rimangono sacche di persone non vaccinate. "La necessità di farmaci per tutte le fasi della malattia è, infatti, più pronunciata che mai", afferma Rachel Cohen, direttore esecutivo per il nordamerica della Drugs for Neglected Diseases Initiative (DNDi), un programma volto a sviluppare nuovi farmaci per le malattie storicamente ignorate dalle aziende farmaceutiche. “Mai nella storia del controllo delle malattie infettive ci siamo accontentati di un solo set di strumenti”.

Nuovi farmaci potrebbero aiutare le persone con casi precoci di covid-19 a evitare il ricovero in ospedale, "soprattutto in luoghi in cui la capacità di terapia intensiva e di ricovero è molto limitata", afferma Cohen. Potrebbero anche impedire a coloro che sono ricoverati in ospedale di morire. Nuove terapie potrebbero anche giocare un ruolo cruciale se SARS-CoV2 muta abbastanza da eludere la risposta immunitaria nelle persone vaccinate. 

C'è anche un altro motivo per continuare a cercare nuovi farmaci. SARS-CoV2 è il terzo coronavirus a fare il salto dagli animali all'uomo negli ultimi 20 anni. "Questo potrebbe non essere l'ultimo coronavirus che vediamo", afferma Michael Diamond, virologo presso la Washington University School of Medicine. 

L'amministrazione Biden spera di aiutare a rifornire l'armadietto dei medicinali. A metà giugno, i funzionari hanno annunciato che il governo federale avrebbe investito 3,2 miliardi di dollari per la scoperta e lo sviluppo di farmaci antivirali per trattamenti mirati al covid-19 e ai futuri virus pandemici. È solo una frazione degli oltre 10 miliardi di dollari che l'amministrazione Trump ha speso per lo sviluppo di vaccini con l'operazione Warp Speed, ma è comunque una cifra "enorme", afferma Cohen. Sono in corso anche una serie di altre iniziative per sostenere lo sviluppo degli antivirali. 

Un arsenale scarso

Esistono solo una manciata di terapie per curare il covid-19. Per i pazienti più gravi, gli studi hanno dimostrato che lo steroide  desametasone riduce di  un terzo il rischio di morte, contrastando la risposta infiammatoria incontrollata. Altre terapie prendono di mira il virus stesso. Alcune aziende hanno ricevuto l'autorizzazione all'uso di emergenza per gli anticorpi monoclonali. 

Questi anticorpi prodotti in laboratorio funzionano come quelli naturali: si legano al virus e gli impediscono di infettare le cellule. Se somministrati precocemente, gli anticorpi monoclonali o le combinazioni di queste terapie hanno ridotto l'ospedalizzazione o la morte dal 70 all'87 per cento nei soggetti ad alto rischio di sintomi gravi o di ospedalizzazione. Questi farmaci funzionano meglio nei pazienti che non sono ancora gravemente malati. 

Tuttavia, la combinazione di anticorpi di Regeneron, la terapia ricevuta dall'ex presidente Donald Trump, sembra aiutare anche le persone che sono già ricoverate in ospedale, ma non hanno generato i propri anticorpi. A metà giugno, i ricercatori hanno annunciato che in uno studio su 9.000 persone, in questo gruppo sono stati ridotti i decessi del 20 per cento. Tale beneficio non si estendeva alle persone che avevano anticorpi naturali.

Ma le terapie anticorpali hanno degli svantaggi. Sono costose e devono essere somministrate tramite infusione o iniezione. Ciò li rende opzioni complesse per molti paesi a basso e medio reddito. E potrebbero non funzionare altrettanto bene contro alcune varianti circolanti. In effetti, il 25 giugno la FDA ha sospeso la distribuzione del cocktail di anticorpi di Lilly a livello nazionale a causa della crescente prevalenza di due varianti che non sembrano rispondere ai farmaci. 

Quando si tratta di farmaci antivirali, che interrompono la capacità del virus di replicarsi, sono disponibili ancora meno opzioni. Remdesivir è l'unico farmaco approvato per il trattamento del covid-19, in gran parte perché era uno dei pochi candidati che era stato testato per la sicurezza sugli esseri umani quando la pandemia ha colpito. Ma quanto bene funzioni è ancora una domanda aperta. Alcuni studi hanno scoperto che riduce la durata della malattia, mentre altri suggeriscono che ha un impatto minimo. L'Organizzazione Mondiale della Sanità ne sconsiglia l'uso. 

Terapie complicate

Lo sviluppo degli antivirali è in ritardo per una serie di motivi. Fino al covid-19, le aziende non avevano molti incentivi finanziari per produrre questi farmaci. Gli antivirali che esistono prendono di mira solo 10 virus e la metà di essi cura l'HIV. Le infezioni croniche richiedono trattamenti più lunghi e quindi richiedono più investimenti. "Se non c'è un mercato stabile per una terapia, allora in generale, non si sviluppano quei tipi di terapie", afferma John Bamforth, direttore esecutivo ad interim di READDI, una partnership pubblico-privata dell'Università del Nord Carolina a Chapel Hill fondata per sviluppare nuovi antivirali.

Ci sono anche una serie di ostacoli scientifici. Per inibire la replicazione, un farmaco si lega ad alcune proteine o enzimi virali essenziali e ne blocca l'attività senza danneggiare la cellula ospite. Ma a differenza dei batteri, i virus si affidano al macchinario all'interno delle cellule che li ospitano per copiare se stessi, quindi hanno poche proteine proprie. Perciò, anche quando i ricercatori si imbattono in un composto che funziona, la sua efficacia tende ad essere di breve durata perché i virus sono in continua evoluzione.

Alcuni ricercatori, compresi quelli di READDI, stanno lavorando su farmaci che prendono di mira le proteine cellulari cruciali per la replicazione virale. La maggior parte degli antivirali funziona su un solo virus. La speranza è che questi composti siano efficaci contro intere famiglie di loro, evitando in parte di alimentare fenomeni di resistenza. 

Ma le nuove terapie richiedono più tempo per lo sviluppo. Ecco perché il modo più rapido per ottenere farmaci sugli scaffali è riutilizzare i composti che sono già stati approvati. Sono stati testati per la sicurezza e ci sono meno ostacoli normativi per ottenere l'approvazione di un nuovo uso per un farmaco esistente. 

DNDi sta analizzando una varietà di composti esistenti in uno studio clinico chiamato ANTI-COV. L'ultimo studio esamina il medicinale antiparassitario nitazoxanide combinato con uno steroide per via inalatoria. “Sta emergendo la necessità di un forte antivirale o di una combinazione di antivirali con diversi meccanismi d'azione, combinati con un qualche tipo di antinfiammatorio", afferma Cohen. 

Il programma antivirale per le pandemie di Biden mira ad accelerare i test di 19 antivirali che sono già in fase di sviluppo. Fornirà inoltre circa un miliardo di dollari per creare un programma di scoperta di farmaci per la ricerca di composti in grado di intervenire non solo su SARS-CoV-2, ma anche su altri virus.

L'amministrazione ha anche annunciato che acquisterà fino a 1,7 milioni di dosi di molnupiravir antivirale di Merck per 1,2 miliardi di dollari, in attesa dell'autorizzazione normativa. I ricercatori una volta pensavano a questo farmaco come a una terapia per l'influenza, ma quando la pandemia ha colpito, hanno dovuto cambiare rotta. Il composto ha già superato i test di fase 2 per il covid-19. 

Più di 20 aziende biotecnologiche e farmaceutiche si sono unite per formare l'alleanza INTREPID per fornire 25 nuovi farmaci candidati in fase avanzata che prendono di mira i patogeni virali che rappresentano i maggiori rischi di pandemia, compresi i coronavirus. Il Covid Moonshot è un consorzio internazionale di scienziati del mondo accademico, biotecnologico e farmaceutico che lavorano pro bono o a pagamento per sviluppare farmaci per inibire un particolare enzima nella SARS-CoV-2. 

Il progetto si basa su crowdfunding e crowdsourcing. Chiunque può inviare un progetto di farmaco e visualizzare quelli che sono già stati inviati. Al 28 giugno, il progetto aveva raccolto 17.976 progetti di molecole e ne aveva sintetizzati e testati quasi 1.500. 

Accesso ineguale

Nel lancio dei vaccini contro il covid-19 sono emerse enormi disuguaglianze. Negli Stati Uniti e nel Regno Unito è vaccinato oltre il 45 per cento della popolazione mentre nella Repubblica Democratica del Congo e in Ciad, meno dello 0,1 per cento. Dove la copertura vaccinale è bassa, il virus può diffondersi. "Stiamo assistendo a crisi a spirale nel subcontinente indiano, in America Latina e nelle ultime settimane in Africa", afferma Cohen. Questi sono i luoghi che hanno un disperato bisogno di nuove terapie.

È qualcosa a cui READDI ha pensato. "Se dovessimo concedere in licenza un farmaco, probabilmente inseriremmo nel contratto una clausola sull'accesso globale", afferma Bamforth. “Dobbiamo fare in modo che questi farmaci siano accessibili a tutti i Paesi del mondo, non solo al Primo Mondo che se li può permettere” .

(rp)