Le mosse da fare per un vaccino
I programmi per un vaccino contro il covid-19 stanno avanzando più velocemente di quanto chiunque potesse sperare: già quattro vaccini sperimentali hanno dimostrato di proteggere le scimmie e tre di questi sono già state somministrati a volontari umani.
di Antonio Regalado 26-05-20

L'obiettivo è arrivare a un vaccino entro gennaio e i soldi non sono un problema. Il 21 maggio, gli Stati Uniti hanno dichiarato che avrebbero finanziato con 1,2 miliardi di dollari un tentativo dell'Università di Oxford e AstraZeneca, per sostenere quella che il presidente Donald Trump ha definito "Operation Warp Speed".

 

Sono tutte buone notizie e molti scienziati credono alle probabilità di riuscita del vaccino. Ma il prossimo ostacolo è il più grande: dimostrare che un candidato al vaccino funziona davvero. All'inizio dell'estate, i ricercatori saranno pronti a lanciare numerosi studi di efficacia che coinvolgono migliaia di volontari. Questa sarà la parte più costosa del test e anche la più difficile da accelerare, in quanto i ricercatori dovranno aspettare che le persone coinvolte nello studio vengano contagiate accidentalmente dal virus, per poi controllare successivamente con che frequenza si ammalano coloro che sono stati vaccinati.

 

"È sempre stata la fase più costosa dello sviluppo del vaccino e la più lunga", afferma Stanley Plotkin, ex responsabile del settore dei vaccini a Sanofi Pasteur. Più che altro, egli spiega, il lasso di tempo "dipende dall'incidenza della malattia". Le forze messe in campo a livello globale per creare un vaccino con un preavviso così breve non hanno precedenti. La nuova tecnologia ha portato i produttori di farmaci a muoversi rapidamente e gli enti regolatori non hanno mai accelerato le procedure così velocemente. Ma con il covid-19 che retrocede in città come New York, dove i nuovi casi sono passati da più di 6.000 al giorno a meno di 600, i tentativi riusciti di arginare il contagio potrebbero rendere più difficile la ricerca convinta di un vaccino.

 

La preoccupazione è reale. Parlando con gli analisti di Wall Street durante una teleconferenza questa settimana, Tal Zaks, Chief Medical Officer di Moderna, il cui vaccino contro il virus è stato il primo a entrare nella fase degli studi sull'uomo a marzo, ha dichiarato: “La sfida è  rappresentata dal numero in diminuzione dei casi. Vaccinare molte persone diventa poco significativo se il virus non è circolante".

 

L'aspetto paradossale è che la ricerca si muoverà più rapidamente se il contagio di covid-19 continuerà a divampare. Inoltre, i ricercatori sui vaccini dovranno coinvolgere nei loro studi infermieri, medici e altri gruppi a rischio, quindi c'è una maggiore possibilità che qualcuno sviluppi l’infezione. La speranza, che non può essere ufficialmente espressa in alcun modo, è che qualcuno si ammali. Come dice Arthur Caplan, un bioeticista della NYU Langone Health di New York, "la capacità  di tenere sotto controllo il contagio, che va perseguita, compromette la capacità di studiare un vaccino".

 

I tempi vanno velocizzati

 

Negli Stati Uniti, le aziende hanno bisogno dell'approvazione della Food and Drug Administration, che ha già detto che si aspetta di vedere studi randomizzati in doppio cieco, il passaggio essenziale per dimostrare che una terapia funziona davvero. Ciò significa che a partire da questa estate, alcune persone riceveranno il vero vaccino e ad altre sarà somministrato un placebo. Quindi i ricercatori cercheranno di vedere quanti in ciascun gruppo si infettano o sviluppano covid-19.

 

Secondo Clinton Hermes, un avvocato di Bass, Berry & Sims e un consulente esterno della Coalition for Epidemic Preparedness Innovation, è necessario un "braccio placebo" per tenere al buio scienziati e soggetti dello studio. "Sapere chi ha ricevuto il vaccino può influenzare il ricercatore a livello inconscio nel modo in cui raccoglie i dati e influenzare anche il comportamento della persona a cui è stato somministrato", afferma Hermes. "Se alle persone viene detto che hanno ricevuto un vaccino, è più probabile che si espongano a un virus rispetto a quando si trovano in una condizione di incertezza. È nella natura umana adottare comportamenti più rischiosi se pensano di essere stati vaccinati”.

 

Per condurre i loro studi, è probabile che i produttori di vaccini cerchino volontari tra le popolazioni ad alto rischio in grandi città popolose, secondo Cynthia Dukes, vice presidente per i servizi di sviluppo di farmaci presso Icon Clinical Research, che sta coordinando numerosi vaccini e studi sui farmaci. La maggior parte delle persone da vaccinare saranno probabilmente i primi soccorritori, gli operatori sanitari o i membri della Guardia Nazionale, ella afferma. “È un buon campione per ottenere una risposta. E’ necessario che siano esposti, altrimenti, se rimangono nelle loro case, non funzionerà".

 

Dukes afferma di aver visto progetti per studi sui vaccini che hanno coinvolto da 6.000 a 10.000 volontari, in cui i ricercatori hanno stimato che ben il 3,7 per cento dei volontari sarebbe stato esposto al contagio del virus. Ciò significa che si aspettano da 100 a 150 infezioni nel braccio placebo e meno, o idealmente nessuna, tra coloro che vengono vaccinati. Sarebbe una prova statistica che il prodotto è valido. Durante il periodo di prova, le persone saranno regolarmente monitorate per vedere se sono infette. "In uno studio clinico, al primo sintomo di raffreddore si viene immediatamente controllati", spiega Dukes.

 

A suo parere, è possibile accelerare gli studi alzando il numero di volontari, che peraltro hanno risposto a migliaia. Questo è ciò che il Dipartimento della salute e dei servizi umani ha in programma di fare con la sperimentazione di AstraZeneca, che dovrebbe coinvolgere 30.000 persone negli Stati Uniti.

 

Come una corsa di cavalli, con l'Operazione Warp Speed ​​il numero complessivo di volontari necessari potrebbe salire a oltre 150.000, ha riferito “Reuters”. Ma è tutt'altro che chiaro se il virus sarà ancora vitale. Adrian Hill, lo scienziato dell'Università di Oxford che ha ispirato il trial di AstraZeneca, ha parlato di una probabilità del 50 per cento di non ottenere risultati. "È una corsa contro il virus che sta scomparendo", ha detto Hill a “The Telegraph”.

 

L’azienda farmaceutica britannica si è impegnata a preparare 300 milioni di dosi entro ottobre, ma alcuni dichiarano il loro scetticismo. "Gli esperti continuano a dire che avremo un vaccino in autunno, ma a quella scadenza non ci saranno ancora dati disponibili", afferma Caplan, che aggiunge che sarebbe "eticamente impossibile" distribuire un vaccino prima di avere la prova che sia sicuro. “Le persone non lo prenderebbero. Inoltre, normalmente si definisce raro un evento avverso su 25.000, ma se stai vaccinando un miliardo di persone, allora gli eventi relativamente rari diventeranno quasi comuni".

 

Anthony Fauci, a capo del National Institutes of Allergy and Infectious Diseases, ha previsto che ci vorranno almeno quattro o cinque mesi per generare prove sufficienti del funzionamento di un vaccino. "Se avremo successo, speriamo di saperlo nel tardo autunno o all'inizio dell'inverno", ha detto durante un'audizione al Senato a maggio.

 

Hermes, un avvocato favorevole al vaccino, concorda sul fatto che "non sarà distribuito alla popolazione senza prove convincenti della sua efficacia", anche se ritiene che i governi probabilmente permetteranno l'uso urgente di un vaccino, non garantito al 100 per cento, per i lavoratori impegnati in prima linea. "Se un vaccino ha un buon profilo di sicurezza si correrà il rischio", egli afferma.

 

Immunità correlata

 

Man mano che arriva qualche dato, il mondo intero si lega alla speranza che un vaccino porrà fine alla crisi. Il 18 maggio, Moderna Pharmaceuticals ha fatto salire l'intero mercato azionario degli Stati Uniti di quasi il 4 per cento dopo aver detto che i volontari a cui era stato somministrato il suo vaccino in una prova di sicurezza avevano prodotti anticorpi a livelli simili ai pazienti convalescenti per il covid-19, lasciando intendere che il suo vaccino potrebbe essere efficace.

 

In alcuni volontari, gli anticorpi si sono "neutralizzati", il che significa che hanno contrastato il virus quando il loro plasma è stato testato in una capsula di Petri. L’azienda è stata subito attaccata per l’utilizzo del comunicato stampa per diffondere informazioni scientifiche, ma Fauci, che coordina gli scienziati al lavoro sul vaccino di Moderna, afferma che ci sono buone ragioni per credere al suo funzionamento. 

 

"Non sto affermando che sia il colpo decisivo", ha detto al senatore Mitt Romney durante l'udienza del Senato. "Questo è un virus che induce una risposta immunitaria, e le persone guariscono ... il fatto stesso che l’organismo sia in grado di sconfiggere spontaneamente il virus mi dice che almeno da un punto di vista concettuale, possiamo stimolare l'organismo con un vaccino per indurre una risposta simile".

 

Si tratta di una situazione molto diversa dall'HIV, una malattia in cui, salvo rare eccezioni, le persone non sconfiggono mai naturalmente il virus. Con il covid-19, al contrario, circa 99 persone su 100 sopravvivono e sembrano aver avuto la meglio sul virus. I primi dati della sperimentazione di Moderna sono un esempio di ciò che i produttori di vaccini chiamano "correlati immunologici". 

 

Un correlato è qualcosa che si può misurare, come i livelli di anticorpi, e che può essere incrementato con un vaccino. Ciò che si deve dimostrare ora, nella prova di efficacia, è se questi fattori possono prevedere o effettivamente causare una vera protezione contro il virus. "Esistono molti tipi di risposte immunitarie. Quindi, quale di queste si sta creando e che protezione garantisce, ammessa che lo faccia? Questa è la domanda ", afferma Plotkin. "Gli anticorpi neutralizzanti non sono sempre sufficienti, ma rappresentano una ottima base di partenza. Per molte malattie è la chiave della protezione, ma non è sempre così".

 

Cosa potrebbe andare storto

 

La cosa straordinaria ora è che i vaccini covid-19 stanno avanzando su più fronti, anche se gli studi scientifici paralleli per comprendere la nostra risposta immunitaria al coronavirus rimangono alle fasi iniziali. Zaks, il direttore medico di Moderna, ha paragonato il processo al "volo di un aereo" ancora in costruzione.

 

Alcune voci si stanno alzando per avvertire che Operation Warp Speed ​​potrebbe schiantarsi al decollo. “Normalmente, ci vogliono fino a 10 anni per fare un vaccino”, ha detto il 14 maggio al Congresso Rick Bright, l'ex capo della agenzia statunitense responsabile per la promozione del vaccino. “Già un arco di tempo che va dai 12 ai 18 mesi rappresenta una previsione improntata all’ ottimismo”.

 

Quindi cosa può andare storto? Dukes, che conduce studi per conto di aziende, afferma che nella sua esperienza di solito i problemi sorgono in ambito manifatturiero. Visto il gran numero di dosi necessarie, il processo potrebbe subire una grave battuta d'arresto, dal momento che si basa su un prodotto unico. Da parte sua, Plotkin afferma che un altro problema è legato al fatto che i ricercatori scelgono la parte sbagliata del virus da includere nel vaccino o non riescono a iniettare una quantità sufficiente di sostanza. Altre volte il problema è la struttura biologica del virus, come nel caso dell'HIV, un multiforme che attacca il sistema immunitario.

 

È anche noto che un vaccino perfettamente efficace può non fare la differenza per una ragione molto più banale: le persone non si vaccinano. Succede più spesso di quanto si pensi. Molte persone non si affidano ai vaccini antinfluenzali, i movimenti anti-vaccino stanno seminando paura e ci sono regioni del mondo in cui non vengono distribuiti per le malattie prevenibili.

 

Con covid-19, tutti questi problemi rimangono all'orizzonte. C'è anche il non trascurabile fatto che sarà difficile produrre vaccini per tutti. "Nel contesto di una pandemia, prevediamo che la domanda supererà di gran lunga l'offerta", ha detto Zaks di Moderna. Durante un incontro con gli analisti azionari, il suo capo, Stéphane Bancel, CEO dell’azienda, ha concordato: "Credetemi, non era parte del nostro piano aziendale produrre un miliardo di dosi".