Seguici
Iscriviti alla nostra newsletter

    La vita nel paese più bombardato da droni al mondo

    La guerra più lunga d’America ha raggiunto ormai i 18 anni di durata e ha trasformato l’Afghanistan in un banco di prova della tecnologia militare.

    di Ali M. Latifi

    Khalid ricorda ancora la prima volta che ha sentito parlare di droni. Aveva 10 anni ed era seduto nella sua classe a Khogyani, un quartiere vicino alla Linea Durand, il confine che separa Afghanistan e Pakistan. Un gruppo di suoi amici discuteva animatamente della recente morte di un uomo del posto.

    “Poi è arrivato il drone”, stava dicendo uno di loro, imitando il rumore sibilante di un aereo senza pilota, “e lo ha ucciso”.

    Khalid non capiva di cosa si parlasse. Era come se fosse l’unico a cui non veniva rivelato un segreto. Alla fine decise di chiedere al suo insegnante. Cosa intendevano gli altri ragazzi? Cos’era un drone?

    La risposta dell’insegnante fu al tempo stesso minacciosa e premonitrice. “È qualcosa che, una volta che ti si è avvicinato, ti toglie la vita”, disse a Khalid.

    Era il 2007. Khalid ora ha 22 anni, un giovane uomo. Il coinvolgimento militare americano in Afghanistan – innescato dagli attacchi di Al Qaeda dell’11 settembre 2001 – era già in corso da sei anni quando ha saputo dei droni, ma gli attacchi sono partiti quasi da subito.

    La prima notizia di un drone che uccide civili in Afghanistan risale al 2002, quando un uomo di nome Daraz Khan è stato colpito da un missile Hellfire lanciato da un drone Predator nella provincia orientale di Khost. Gli Stati Uniti sospettavano che fosse Osama bin Laden; i residenti sostengono che Khan era semplicemente alla ricerca di rottami.

    Da allora, la provincia di Nangarhar di Khalid è diventata un centro di raccolta per gruppi armati – prima i talebani, e successivamente le forze che rivendicano fedeltà all’ISIS – e ha ospitato un sostenuto traffico di droga. È anche diventata una delle province più bombardate da droni nel paese più bombardato da droni al mondo.

    L’opinione pubblica americana, tuttavia, ha ampiamente dimenticato questa realtà. La guerra in Afghanistan è in corso da 18 anni, rendendolo il conflitto più lungo della storia americana (ha superato la precedente pietra miliare, stabilita dalla guerra del Vietnam, nel febbraio 2019). Nel corso degli anni, la copertura della stampa è diminuita drasticamente.

    Secondo il Pew Research Center for Journalism and the Media, l’Afghanistan rappresentava l’1 per cento di tutta la copertura mediatica negli Stati Uniti nel 2007 e poco meno del 4 per cento nel 2010, quando il Pentagono dispiegò 100.000 militari e lanciò 5.101 bombe sul paese. Oggi, è un argomento che non viene più affrontato.

    In effetti, l’attività militare in Afghanistan è di nuovo in aumento. Il numero di truppe statunitensi è ricominciato a salire sotto l’amministrazione Trump; ora ci sono 15.000 militari americani impiegati ufficialmente nel paese. Secondo il Comando centrale delle forze aeree statunitensi, gli attacchi aerei sono a un livello record: nel 2018 sono state sganciate 7.362 bombe dalle forze statunitensi in Afghanistan.

    Al 31 agosto di quest’anno, il Bureau of Investigative Journalism aveva documentato almeno 4.251 attacchi aerei in Afghanistan nel 2019, più del doppio del totale di tutto il 2018. Si dice che la maggior parte di questi siano effettuati da droni.

    Questi attacchi hanno imposto un tributo crescente di vite al popolo afgano. Quest’anno, secondo le Nazioni Unite, per la prima volta le forze della coalizione straniera sono state responsabili di più morti civili rispetto ai talebani o alle forze alleate dell’ISIS da quando la loro missione in Afghanistan ha iniziato a registrare vittime civili nel 2009. Tra il primo gennaio e il 30 giugno, le forze armate internazionali sono state responsabili dell’89 per cento delle 519 vittime civili – 363 morti e 156 feriti – causate da operazioni aeree.

    Tuttavia, non è solo la guerra dei droni che si è diffusa notevolmente. L’esercito americano ha usato la guerra per testare e migliorare anche altre tattiche.

    Guerra d’informazione

    Nel 2007, le forze americane hanno iniziato a scattare fotografie, prendere impronte digitali ed effettuare scansioni dell’iride di quasi tutti gli afgani che hanno incontrato. Nel 2011, quasi due milioni di persone – oltre il 5 per cento della popolazione – hanno avuto i loro dettagli biometrici registrati dai militari statunitensi. Nella maggior parte dei casi si è sostenuto che i controlli riguardavano sospetti militanti o possibili collaboratori delle forze di sicurezza governative, ma la pratica è generalizzata.

    Il Pentagono ha affermato che la strategia, il cosiddetto “dominio dell’identità”, era intesa a individuare gli insorti e prevenire le infiltrazioni. Ma si ritiene che la US Navy Seals abbia usato il suo sistema di identità per confermare di aver trovato Osama bin Laden durante il raid in Pakistan nel 2011. E in Iraq, dove gli Stati Uniti avevano precedentemente sperimentato la raccolta di dati biometrici, il controllo dell’identità era usato per controllare i movimenti delle persone, specialmente nelle aree ad alto conflitto come Falluja.

    Non sorprende, allora, che la paura dei sistemi di sorveglianza sia diffusa nei comuni afgani. Circolano voci su nuove tecniche utilizzate per spiare le persone: Khalid e il suo amico Naimatullah raccontano storie su una sostanza che può essere strofinata sui vestiti per renderti più facilmente rintracciabile. Queste storie hanno apparentemente portato a un nuovo meccanismo di difesa tra gli abitanti del Nangarhar. “Ti togli i vestiti e ti immergi nell’acqua. Dicono che in qualche modo si confondono i segnali “, ha detto Naimatullah.

    Obaid Ali, uno dei collaboratori della Afghanistan Analyst Network, a Kabul, che ha scritto diversi articoli sulle operazioni aeree, afferma di essere stato informato dei dispositivi di localizzazione fisica, anche se più tradizionali. “Sono dispositivi elettronici davvero piccoli che vengono infilati nei vestiti delle persone”, mi ha detto.

    Un portavoce del Dipartimento della Difesa ha affermato che il Pentagono non può rilasciare dichiarazioni su tattiche, tecniche o procedure per motivi di sicurezza operativa. Rahmatullah Nabil, un candidato alla presidenza che è stato due volte il responsabile dell’intelligence afghana tra il 2010 e il 2015, sostiene che le persone vengono sicuramente monitorate, ma la maggior parte di ciò viene fatto attraverso i segnali dei telefoni cellulari.

    Questo sistema, spiega Nabil, ha portato i talebani a fare affidamento su alcuni stratagemmi per impedire di essere rintracciati: “Usano i telefoni cellulari più semplici possibili e cambiano costantemente posizione ogni poche ore. Non trascorrono mai più di 48 ore in una singola area”.

    In molte aree del paese, il servizio telefonico è interrotto, di solito dai talebani, al tramonto. E ad agosto, i talebani hanno annunciato che avrebbero iniziato a prendere di mira i dipendenti dell’azienda di telecomunicazioni Salaam Telecom, dicendo che i suoi lavoratori sono “legati alle agenzie di intelligence”.

    In molte aree sotto il controllo dei talebani, il semplice possesso di uno smartphone può creare il sospetto che qualcuno sia un agente di intelligence. Ciò significa che anche se le persone usano spesso i telefoni per avere notizie dei propri cari dopo un attacco terroristico o un’operazione di sicurezza, alcuni hanno scelto di rinunciare del tutto a loro.

    Ma anche se si butta via il cellulare, si evita di incrociare un soldato americano di pattuglia e si riesce a non far raccogliere le informazioni biometriche personali, si può comunque rimanere coinvolto nella guerra.

    La madre di tutte le bombe

    Il congegno che è caduto in un piccolo villaggio nel distretto di Achin di Nangarhar, a un’ora di auto lungo una strada pericolosa da Jalalabad, nell’aprile 2017, non era proprio una bomba. Il GBU-43 / B Massive Ordnance Air Blast Bomb, o MOAB, pesava 21.600 libbre (9.800 chilogrammi) e costa 170.000 dollari. Era l’arma non nucleare più potente mai usata, in grado di distruggere un’area delle dimensioni di nove isolati. Presto è divenuto noto come la “Madre di tutte le bombe”.

    Il governo afghano ha cercato di giustificare il lancio affermando che aveva ucciso almeno 94 combattenti dell’ISIS. Ma l’ex presidente Hamid Karzai lo ha definito un classico esempio di come gli Stati Uniti stessero usando l’Afghanistan per una guerra sperimentale. “Questa non è guerra al terrorismo, ma una condotta disumana e brutale nei confronti del nostro paese che viene considerato banco di prova per armi nuove e pericolose”, ha scritto Karzai su Twitter.

    Nabil, l’ex capo dell’intelligence, è d’accordo. “Hanno mai usato un’arma del genere in qualsiasi altra parte del mondo? No “, mi ha detto. “È chiaro che Achin era solo il posto più adatto per testare le loro armi”.

    Il governo afferma che la bomba ha ucciso combattenti stranieri da diversi paesi. Ma nei giorni e nelle settimane seguenti l’attentato, il villaggio stesso era ancora sotto la sorveglianza dell’esercito americano. Ai giornalisti non è stato permesso di avvicinarsi entro il raggio di 10 chilometri, e neanche ai funzionari militari e governativi locali. Nei due anni e mezzo successivi, i giornalisti e gli investigatori non sono mai riusciti a raggiungere il luogo esatto dell’attacco per capire cosa è accaduto.

    Ma perché è stata usata una bomba così potente? Pochi giorni dopo l’attacco con la bomba MOAB, il vicepresidente Mike Pence ha indicato un motivo: una dimostrazione di forza. “Solo nelle ultime due settimane”, ha detto in un discorso a Seul, “il mondo ha visto la risolutezza del nostro nuovo presidente nelle azioni intraprese in Siria e in Afghanistan. La Corea del Nord farebbe bene a non mettere alla prova la sua risolutezza o la potenza delle forze armate degli Stati Uniti in questa regione. L’era della pazienza strategica è finita”.

    Il silenzio regna sulle operazioni militari

    La situazione è peggiorata perché l’esercito americano non è sempre stato trasparente sulle sue operazioni. Human Rights Watch ha dichiarato in un rapporto del 2018 che né il governo americano né quello afghano hanno fatto abbastanza per indagare su possibili violazioni delle leggi di guerra.

    Gli afghani sul campo sono d’accordo. Ho parlato con centinaia di persone dal 2015, nelle province di tutto il paese. Ogni volta, hanno detto che non si indaga abbastanza sugli attacchi nelle loro aree. E anche quando ci sono rapporti indipendenti, sono accusati di parzialità politica da parte di funzionari di Kabul e della coalizione guidata dagli Stati Uniti.

    Emran Feroz, giornalista e autore afgano-austriaco che segue le operazioni aeree in Afghanistan dal 2011, concorda: “Il problema centrale è che la maggior parte di queste incursioni aeree vengono condotte di notte in zone difficili da raggiungere, spesso sotto controllo o influenza di gruppi come i talebani, il che rende molto difficile per chiunque andare e investigare in modo tempestivo”.

    Quasi 20 anni dopo, e con il conflitto ancora una volta in fase di intensificazione, non ci sono segnali di una fine imminente. La diplomazia tra talebani, governo afgano e amministrazione Trump sembra che stia facendo pochi progressi. Trump, che ha affermato di aver annullato un incontro segreto con i talebani sul suolo americano previsto per settembre, ha promesso di interrompere i colloqui finché i combattenti talebani continueranno ad attaccare i civili afgani e le forze statunitensi.

    Fintanto che l’intelligence militare è debole, tuttavia, non sono solo i talebani che gli afgani devono temere. A luglio, la morte di almeno sette civili, tra cui tre donne, ha portato a proteste nella provincia orientale di Maidan Wardak, dove i residenti hanno minacciato di boicottare le imminenti elezioni presidenziali a meno che non fossero state intraprese azioni decise.

    Ma le proteste hanno cambiato di poco lo scenario militare. A settembre, almeno 30 civili sono stati uccisi in una incursione di droni statunitensi nei pressi di Khogyani. Funzionari provinciali affermano che l’attacco avrebbe dovuto colpire un nascondiglio delle forze dell’ISIS, ma i residenti affermano che sono stati i civili a pagare di nuovo il prezzo.

    Nabil, l’ex capo dell’intelligence, ritiene che per migliorare la situazione sia necessario mettere da parte la tecnologia e tornare alla corretta raccolta di informazioni. “Dobbiamo essere migliori dei talebani: dobbiamo garantire la protezione della vita dei civili a tutti i costi”, egli afferma. Durante il suo mandato presso la direzione nazionale della sicurezza, continua Nabil, le operazioni aeree sono state autorizzate solo quando era stata effettuata una verifica sulle informazioni relative agli obiettivi sospetti.

    Khalid e Naimatullah concordano sul fatto che la crescente frequenza degli attacchi aerei non serve a nulla. “Anche le persone nei villaggi sanno dove sono i talebani e Daesh [ISIS], ma allora perché i civili continuano a morire in questi attacchi?”, si chiedono.

    “Avevo 16 anni quando ho visto morire qualcuno a causa di un attacco dei droni”, ha detto Naimatullah. “Da allora ho ripulito così tanti corpi, il loro sangue, il loro cervello. Adesso il mio cuore è di pietra, perché muoiono sempre persone innocenti”.

    Una precisazione sulla raccolta delle informazioni
    di Jessica Purkiss

    Quasi un decennio fa, abbiamo iniziato a registrare attacchi aerei e di droni statunitensi in Yemen, Somalia e Pakistan, e abbiamo aggiunto l’Afghanistan all’elenco nel 2015. Lo abbiamo fatto in risposta al silenzio ufficiale che circondava queste operazioni. E mentre le operazioni antiterrorismo americane sono diventate in qualche modo meno riservate nel tempo, il livello di trasparenza è costantemente in evoluzione.

    A settembre 2016, dopo più di un anno di pressioni, abbiamo iniziato a ottenere dati militari ufficiali su quanti attacchi aerei avvenivano in Afghanistan ogni mese. Un anno dopo, tuttavia, quella stessa informazione è stata improvvisamente considerata talmente “sensibile” da non poter essere resa ufficiale.

    Quando la situazione è cambiata di nuovo l’anno successivo, siamo stati felici di prendere visione di dettagli importanti come, per esempio, dove e cosa hanno colpito gli attacchi. I dati hanno mostrato che sono stati colpiti soprattutto edifici, descritti da un esperto come il tipo di attacco più pericoloso per l’incolumità dei civili. Ma due settimane dopo aver pubblicato un articolo che sollevava queste preoccupazioni, quel livello di dettaglio è stato rimosso dai dati.

    La trasparenza, o la sua mancanza, può avere un impatto reale per i civili sul campo. A Wardak, una provincia afgana, un attacco aereo ha ucciso l’intera famiglia di un uomo, compresi i suoi sette figli. L’esercito americano ha negato la responsabilità in tre diverse occasioni, dicendo persino di non aver effettuato attacchi in quella zona.

    Solo dopo aver trovato frammenti di armi nel sito che dimostrano in modo definitivo la responsabilità degli Stati Uniti, hanno ammesso di aver lanciato la bomba (anche se negano ancora le vittime civili). Se quei frammenti non fossero stati trovati, il ruolo degli Stati Uniti in questo incidente non sarebbe mai stato scoperto.

    Immagine: Afghanistan Andrew Renneisen / Getty Images

    (rp)

    Related Posts
    Continua

    Come e perché imparare dalle api

    La cosiddetta "intelligenza di sciame” è applicabile anche alle comunità umane? Gli esperti Paola Scarpa, Andrea Pietrini, Federico Frattini a confronto su un tema affascinante per le società presenti e future
    Total
    0
    Share