Seguici
Iscriviti alla nostra newsletter

    La GDPR è fra noi, ed è il caos

    La General Data Protection Regulation, o GDPR, è entrata in vigore venerdì 25 maggio, minacciando gigantesche multe alle imprese che abuseranno dei dati dell’Unione Europea.

    di Martin Giles

    Gli obblighi: D’ora in avanti, le società del mondo dovranno:

    Richiedere il consenso dei cittadini europei prima di raccoglierne i dati personali e spiegare l’uso che ne verrà fatto.

    Permettere ai cittadini dell’Unione Europea di visualizzare, correggere o cancellare i propri dati su richiesta.

    Semplificare il trasferimento dei dati di proprietà degli utenti da una società a un’altra.

    I divieti: Le società non potranno ignorare le richieste dei regolatori di intervenire sulle proprie pratiche per rispettare le norme stilate all’interno della GDPR, né impiegare più di 72 ore per riportare una violazione della sicurezza e la compromissione di dati personali. Molte società non sono ancora pronte a rispettare il nuovo regime.

    Le punizioni: I trasgressori peggiori potrebbero arrivare a pagare fino a €20 milioni o il 4% del PIL registrato l’anno precedente. Esistono pene più lievi per le trasgressioni meno gravi.

    Il panico: Alcuni gruppi media hanno bloccato l’accesso degli utenti della comunità europea ai loro siti, onde evitare possibili rischi o multe. La nuova normativa comporta anche delle importanti ripercussioni sulle su social media quali Facebook, che ha chiesto ai suoi utenti di aggiornare le proprie impostazioni. Gli attivisti per la privacy hanno già inoltrato diverse lamentele a Facebook e Google.

    Perché conta: I severi standard europei potrebbero influire sulle prassi adottate da Stati Uniti ed altri paesi nella gestione dei dati personali e contribuire alla costruzione di nuovi standard per la protezione dei dati.

    Un ulteriore background: Ecco il sito dell’Unione Europea dedicato alla GDPR; delle implicazioni per le società interessate; una analisi dell’impatto delle nuove norme sugli inserzionisti. E per i fan dei giochi, perché non mettersi alla prova con un quiz sulla GDPR?

    (MO)

    Related Posts
    Continua

    L’innovazione parla italiano

    Il convegno “Le vie italiane all’innovazione” proposto la Mit Technology Review Italia al Tecnopolo di Reggio Emilia. Con la presenza dei protagonisti del management industriale italiano. E uno studio sulle aziende che si sono distinte nel cercare, e trovare, nuove strade
    Total
    0
    Share