Seguici
Iscriviti alla nostra newsletter

    La Cina continua a violare le proprietà intellettuali degli Stati Uniti

    Da quando Trump ha imposto dazi sulle importazioni di prodotti dalla Cina, il fenomeno è nuovamente ripreso.

    di Yiting Sun

    Il retroscena: Secondo la Commission on Intellectual Property Theft degli Stati Uniti d’America, la Cina sarebbe responsabile dell’80% dei furti di proprietà intellettuale ai danni di società statunitensi.

    Nel 2015, la Cina aveva dichiarato che avrebbe smesso di perpetrare attacchi informatici volti a sottrarre segreti commerciali alle imprese americane. A quel punto gli attacchi informatici e i furti di brevetti erano arrivati a costare $300 miliardi l’anno all’economia statunitense.

    Recentemente, Trump ha imposto una serie di dazi su una moltitudine di prodotti cinesi come punizione per aver sottratto tecnologie americane.

    La notizia: Axios riporta che, secondo una nuova ricerca sulla sicurezza, la Cina avrebbe esteso gli attacchi informatici volti a sottrarre brevetti ed altri segreti commerciali nell’arco del 2017, prendendo di mira società tecnologiche, studi legali e società farmaceutiche.

    Perché conta: Si temeva che i dazi di Trump sulle importazioni dalla Cina aggravassero le tensioni fra i due paesi, con il rischio di scatenare una guerra commerciale e portare la Cina a perpetrare nuovi furti di segreti americani. A quanto pare, le previsioni si stanno rivelando accurate.

    (MO)

    Related Posts
    Continua

    L’innovazione parla italiano

    Il convegno “Le vie italiane all’innovazione” proposto la Mit Technology Review Italia al Tecnopolo di Reggio Emilia. Con la presenza dei protagonisti del management industriale italiano. E uno studio sulle aziende che si sono distinte nel cercare, e trovare, nuove strade
    Total
    0
    Share