Seguici
Iscriviti alla nostra newsletter

    La Casa Bianca è vittima delle falsificazioni digitali

    Il terrificante futuro delle falsificazioni digitali colpisce la Casa Bianca.

    di Will Knight

    Fatto o fake: I social media hanno riportato la lite scoppiata sul caso della presunta manipolazione di un video da parte del sito di cospirazioni Infowars – i cui membri sono apertamente di destra – al fine di screditare la figura di Jim Acosta.

    Nel video di destra, quello incriminato, Acosta viene ripreso mentre scaccia con decisione la mano di un’assistente della Casa Bianca durante una conferenza stampa tenutasi nella giornata di giovedì 8 novembre.

    Nel caso in cui il video fosse stato realmente manipolato, la situazione sarebbe alquanto grave. L’addetta alla stampa per la Casa Bianca, Sarah Sanders, avrebbe infatti veicolato il video su Twitter per giustificare la rimozione di Acosta dalla sala. 

    Vero o falso: Come sottolineato da un numero di attenti osservatori su Twitter, il video parrebbe parzialmente accelerato nel momento in cui è avvenuto il contatto fra Acosta e l’assistente. Secondo Hany Farid, un rinomato forense digitale e professore della Dartmouth, il video potrebbe essere stato ritoccato.

    “Una combinazione fra la riduzione della qualità del video, la sua decelerazione e l’inquadratura particolarmente favorevole nel video della CSPAN lasciano immaginare che il contatto fra il giornalista e l’assistente di sala sia stato più aggressivo della realtà”, commenta Farid dopo aver preso visione del video.

    Trucchi da IA: Le circostanze sono ancor più preoccupanti se si considera la facilità con cui le IA possono manipolare le immagini video. Persino io sono riuscito a creare un ridicolo corto con Ted Cruz senza particolare fatica. Il potere dei video come “fonte certa” verrà distrutto completamente con il diffondersi di questi strumenti digitali. E le figure al controllo potranno screditare qualunque accusa nei loro confronti come “fake news”.

    Cosa è vero? Il corto dimostra anche come un video, sapientemente girato e modificato, è in grado di scatenare una controversia senza dover necessariamente ricorrere a una IA. Come spiegato da Farid: “Questo è un buon esempio del reale problema che emerge quando i video possono essere modificati tanto facilmente – chiunque può dichiarare che un video è falso, e questa dichiarazione risulta immediatamente plausibile. Per certi verso, questa potrebbe essere la vera minaccia alla credibilità delle informazioni”.

    Related Posts
    Continua

    L’innovazione parla italiano

    Il convegno “Le vie italiane all’innovazione” proposto la Mit Technology Review Italia al Tecnopolo di Reggio Emilia. Con la presenza dei protagonisti del management industriale italiano. E uno studio sulle aziende che si sono distinte nel cercare, e trovare, nuove strade
    Total
    0
    Share