Seguici
Iscriviti alla nostra newsletter

    Interfacce grafiche, come farle sempre più potenti, e veloci

    Un webinar ha spiegato la funzione essenziale della “prototipazione rapida” per lo sviluppo delle interfacce

    Fonte ST

    DH electronics ha presentato un webinar sull’utilizzo di STM32MP1 System-on-Module (SOM) e Candera CGI Studio nella creazione di prototipi di interfacce utente grafiche veloci.

    Partner autorizzato ST, DH electronics è un’azienda produttrice di SoM che partecipa alla comunità open source di ST.

    Il webinar ha messo in evidenza ciò che possono fare i team dei partner autorizzati quando collaborano nel dare forma alle più recenti tendenze ingegneristiche. Sotto la spinta dell’accelerazione delle fasi di prototipazione, infatti, servono nuovi strumenti e nuove pratiche.

    Candera, elettronica DH e ST: come prototipizzare più velocemente?

    Uno sguardo superficiale alla letteratura accademica rivela che la “prototipazione rapida” è di gran moda. Le metodologie basate sui componenti sostengono che i progettisti debbano convalidare le specifiche il prima possibile.

    Sia che gli ingegneri stiano progettando qualcosa di complesso come un’astronave o “semplice” come un motore a corrente continua, la prototipazione rapida influenza enormemente il successo di un progetto.

    I vincoli economici e la tempistica si fanno sempre più spietati. È facile che l’hardware presentato all’inizio di un progetto debba essere già prossimo al prodotto finale, né meno importante è lo sviluppo parallelo degli strumenti software. Si spiega, dunque, l’importanza di un buon simulatore, capace di sostenere una sperimentazione efficiente.

    Lavorare con un SoM STM32MP1

    Affrontare le sfide della prototipazione rapida spesso significa adottare una scheda di sviluppo facilmente scalabile. Chi lavora sull’STM32MP1, cerca un SoM che già risolva molte delle sfide di progettazione, come l’implementazione della DRAM, e che sia facilmente scalabile.

    Interfaccia utente creata con CGI Studio

    I moduli DHCOR e DHCOM della DH Electronics utilizzano fino a 1 GB di DDR3 e il circuito integrato di gestione del consumo energetico STPMIC1. Sono inoltre dotati di configurazioni flessibili per personalizzare un progetto finale senza la necessità di una revisione dell’hardware.

    Un’altra risposta alle sfide della prototipazione rapida sono gli strumenti di sviluppo dell’interfaccia utente completi. Più uno strumento può fare per ottenere un progetto finale, meglio è.

    La DH electronics può spedire schede di sviluppo a decine di migliaia di moduli. L’elettronica DH risponde così alle sfide della prototipazione rapida e offre un pacchetto di supporto per la scheda Linux principale.

    CGI Studio, DH electronics SoM e STM32MP1: come si lavora insieme?

    Il webinar ha approfondito anche il tema di come i partner propongano la possibilità di fare un lavoro di squadra, sia a partire dall’interfaccia utente che dal kit di sviluppo hardware.

    Facilitare la creazione di applicazioni industriali

    DH Electronics e Candera hanno presentato tre diversi HMI (Human Machine Interface), inclusa un’applicazione 3D per macchine da caffè. Gli esempi fatti hanno evidenziato come una scheda elettronica DH con un STM32MP1 e un pannello touch possano funzionare con un’interfaccia utente realizzata con CGI Studio e la sua funzionalità Smart Import.

    Le due aziende hanno anche sviluppato un pacchetto studiato appositamente per sostenere chi desidera iniziare subito a lavorare. La collaborazione tra i Partner Autorizzati evidenzia una caratteristica essenziale dell’ecosistema ST: il totale è maggiore della somma delle sue parti.

    Immagine Pixabay

    Related Posts
    Total
    0
    Share