• Inspiration4 / Jon Kraus

Inspiration4 lancia il turismo spaziale

Anche se con la giusta cautela, sembra finalmente giunto il momento di essere ottimisti sul futuro dei viaggi spaziali con equipaggi composti da non professionisti.

Quando, nel 1968, è girato nei cinema 2001: Odissea nello spazio, non sembrava un'esagerazione sognare di rilassarsi in un hotel spaziale, sorseggiando un martini mentre si guardava la Terra in lontananza. Questa visione è uscita rafforzata nei primi anni 1980, con il programma dello space shuttle che annunciava un futuro di viaggi frequenti e di routine in orbita.

Negli anni Duemila, con i primi turisti spaziali paganti lanciati nello spazio, molti hanno iniziato a chiedersi se anche loro avrebbero potuto permettersi un viaggio nello spazio. L’idea di un futuro in cui persone comuni, non astronauti, senza miliardi di dollari di ricchezza, possono viaggiare nello spazio, è comparsa più volte, ma fino a oggi non si era concretizzata.

Ma la situazione sembra cambiata. Tra pochissimo, è previsto il decollo di un razzo SpaceX Falcon 9 da Cape Canaveral in Florida. A bordo ci sarà un equipaggio di quattro persone, lo stesso numero delle ultime due storiche missioni con equipaggio della compagnia di Elon Musk. La differenza principale, questa volta, è che a bordo di un razzo privato, costruito da un’azienda privata, ci sono privati cittadini. La NASA non gioca alcun ruolo.

Inspiration4, come è nota la missione, è stata accolta come una rivoluzione nel volo spaziale umano. È la prima missione completamente privata ad essere lanciata in orbita, pagata dall’imprenditore miliardario statunitense Jared Isaacman per raccogliere fondi per il St. Jude Children's Research Hospital di Memphis, con un costo stimato di 200 milioni di dollari.

Con lui viaggiano tre non miliardari: Hayley Arceneaux, sopravvissuta al cancro alle ossa e infermiera; Chris Sembroski, un impiegato della Lockheed Martin il cui amico ha vinto un concorso per il posto e gli ha dato il biglietto;  Sian Proctor, un professore di geoscienze anche divulgatore scientifico. "Queste persone sono ambasciatori dell'umanità", afferma Laura Forczyk della società di consulenza spaziale Astralytical. 

I non astronauti sono già andati nello spazio in passato. Dal 2001 al 2009, sette persone hanno pagato oltre 30 milioni di dollari a posto per viaggi verso la Stazione Spaziale Internazionale sui razzi russi Soyuz. Più di recente, nel luglio di quest'anno, i miliardari Richard Branson e Jeff Bezos hanno effettuato brevi “viaggi” suborbitali nello spazio, ciascuno della durata di diversi minuti, su veicoli spaziali costruiti dalle proprie aziende.

Eppure mai prima d'ora le persone hanno viaggiato in orbita senza essere spinte dalla loro ricchezza e senza la supervisione di un'agenzia spaziale nazionale come la NASA. "Questo è il primo volo spaziale orbitale gestito da privati ad avere a bordo tutti cittadini privati", afferma l'esperto di voli spaziali Jonathan McDowell dell'Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics. "Rispetto ai voli suborbitali, è molto più ambizioso".

Invece di attraccare sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) come le altre missioni con equipaggio di SpaceX, la navicella spaziale Crew Dragon della missione rimarrà invece nell'orbita terrestre per tre giorni. L'equipaggio mangerà, berrà, dormirà e userà il bagno all'interno del confini della loro navicella spaziale, denominata Resilience, che vanta circa tre volte il volume interno di una grande automobile.

Per tenerli occupati, la porta di attracco della navicella, che normalmente verrebbe utilizzata per connettersi alla ISS, è stata convertita in una cupola di vetro, offrendo all'equipaggio splendide viste panoramiche della Terra e dell'universo.

Oltre a questo, gli obiettivi della missione sono limitati. Sono previsti alcuni esperimenti scientifici, ma l'aspetto più interessante della missione è ciò che non accadrà. In particolare, nessuno dell'equipaggio piloterà direttamente il veicolo spaziale, che sarà quasi del tutto autonomo, solo in piccola parte sorretto dal controllo della missione sulla Terra.

Non è un cambiamento banale, spiega McDowell, e comporta dei rischi. "Per la prima volta, se i sistemi automatici non funzionano, potrebbe crearsi una situazione veramente difficile", dice.

Tutti questi motivi rendono il lancio di Inspiration4 un passaggio significativo nel volo spaziale umano, anche se ci sono stati tentativi precedenti. Negli anni 1980, la NASA aveva sperato di fare qualcosa di simile: lo Space Flight Participant Program, un tentativo di dare a cittadini privati l'opportunità di volare nello spazio sullo space shuttle. "Si è ritenuto che alcuni degli astronauti fossero eccessivamente riservati nelle loro descrizioni del volo", afferma l'autore Alan Ladwig, che ha guidato il programma. La NASA voleva persone che potessero comunicare meglio l'esperienza e ha selezionato un insegnante, un giornalista e un artista.

Il programma, tuttavia, ha avuto una tragica fine. Il suo primo partecipante, Christa McAuliffe, un'insegnante del New Hampshire, morì nell'esplosione dello Space Shuttle Challenger del 1986, insieme agli altri sei membri dell'equipaggio. Il programma è stato annullato. All’inizio si pensava di effettuare centinaia di missioni all'anno, ma nei successivi 25 anni ci sono stati solo altri 110 lanci, fino a quando le navette non sono state ritirate nel 2011.

La maggior parte dei viaggi nello spazio rimarrà per il momento di competenza degli astronauti professionisti e delle persone estremamente ricche. Le persone normali saranno costrette a sperare in un concorso o nel biglietto offerto da un ricco benefattore, forse non il glorioso futuro dei viaggi spaziali che molti immaginavano.

Ma Inspiration4 mostra che queste opportunità, anche se limitate, sono disponibili. "È una pietra miliare nella storia dell’accesso umano allo spazio", afferma lo storico spaziale John Logsdon, professore emerito allo Space Policy Institute della George Washington University. "In un senso molto semplicistico, significa che chiunque può andare".

(rp)