• Un pozzo di gas naturale fratturato idraulicamente vicino a Williamsport, in Pennsylvania. Jim West / Alamy

Il boom del fracking è finito

Il sistema di fratturazione idraulica ha creato pochi posti di lavoro negli Appalachi e la maggior parte di essi sono già svaniti.

di Colin Jerolmack 03-07-21
L'estrazione di gas di scisto e petrolio, nota anche come fracking, è spesso correlata dai conservatori alla creazione di centinaia di migliaia, se non milioni, di posti di lavoro nel settore manifatturiero negli Stati Uniti. In quanto "Arabia Saudita del gas naturale”, la Pennsylvania è stata l'emblema dell'industria del fracking. Ma lì e negli stati vicini come l'Ohio sono stati creati molti meno posti di lavoro di quanto affermano i promotori, e da allora molti sono scomparsi.

Si prenda il caso di Williamsport, in Pennsylvania. Un'anonima città, tra il fiume Susquehanna e le colline pedemontane degli Appalachi, Williamsport, legata in precedenza al commercio di legname, è famosa per ospitare l'annuale Little League World Series. Ma i problemi della città sono fin troppo comuni in tutta la Rust Belt. La popolazione della città è diminuita di oltre un terzo negli ultimi 60 anni. Il suo tasso di povertà è il doppio della media dello stato e ora ha alti tassi di abuso di droghe e crimini violenti.

Durante le elezioni primarie presidenziali statunitensi del 2016, la speranza repubblicana Ted Cruz ha fatto tappa a Billtown, come la chiamano affettuosamente i locali. A quel tempo, l'area stava rapidamente diventando un centro di estrazione del gas di scisto. Dopo che molti proprietari terrieri locali hanno affittato le loro proprietà minerarie a compagnie petrolifere, le piattaforme di trivellazione sono spuntate fuori città. 

Carovane di camion con acqua e sabbia percorrevano le strade secondarie. Il gigante petrolifero Halliburton ha aperto un'enorme struttura che impiegava 600 persone. E l'azienda di saldatura e lavorazione dei metalli NuWeld, il luogo cha ha ospitato il raduno di Cruz, è passata da 60 a 290 lavoratori.

L'avvento del fracking ha offerto la prospettiva allettante di riportare Billtown e altre comunità deindustrializzate ai loro giorni di gloria nella produzione. "La Pennsylvania è uno stato legato al settore energetico", ha detto Cruz alla folla e ha presentato NuWeld come un araldo dei "milioni di nuovi lavori ben pagati" che il fracking avrebbe potuto portare. Ma meno di due settimane dopo la sua visita, l'azienda ha chiuso all’improvviso (da allora ha riaperto su scala molto più piccola).

NuWeld non è stata certo l'unica attività dell'area interessata da un "rallentamento" a livello di settore, come lo chiamavano delicatamente i promotori dello scisto. Dan Klingerman, che ha costruito il Marcellus Energy Park di Williamsport, ha insistito con me sul fatto che l'industria non fosse in ritirata, ma ha tranquillamente chiuso la sua azienda di autotrasporti petroliferi. Gli alberghi costruiti in fretta e furia per i lavoratori itineranti sono rimasti mezzi vuoti. La struttura locale di Halliburton ha ridotto la sua forza lavoro a circa 40.

Nel 2019, era evidente che "rallentamento" era un eufemismo per fallimento. A gennaio di quell'anno c'erano solo 19 impianti di perforazione nell'intero stato, in calo rispetto ai 114 dello stesso mese del 2012. Sono meno impianti di quelli che aveva la Pennsylvania prima dell'inizio del boom del fracking.

False promesse

Cosa è successo? Come afferma un rapporto di Bloomberg: "I numeri non tornano mai". Il fracking è sempre stato costoso e i sussidi straordinariamente generosi ai combustibili fossili hanno contribuito a nasconderne il vero costo. Con i nuovi pozzi che hanno dovuto affrontare un calo medio della produzione del 60 per cento nel primo anno, le compagnie petrolifere hanno dovuto perforarne freneticamente di più. L'intero modello si basava sui prezzi elevati del petrolio e del gas. Ma a livello nazionale, l'eccesso di gas (e, in misura minore, di petrolio) precipitato dal boom del fracking ha depresso i prezzi ai livelli più bassi dagli anni 1990.

Il risultato? Il settore ha frenato e un'ondata di consolidamenti e fallimenti lo ha travolto. I prezzi delle azioni delle principali aziende energetiche come Chesapeake Energy Corporation sono crollati (ha dichiarato bancarotta nel 2020). Alcuni, come Anadarko Petroleum Corporation, hanno liquidato le loro partecipazioni nel gas di scisto. Chevron ha annunciato a dicembre 2019 che avrebbe svalutato fino a 11 miliardi di dollari in attività di shale gas.

L'industria petrolifera e del gas ha perso oltre 100.000 posti di lavoro lo scorso anno e un rapporto di Deloitte ha avvertito che circa il 70 per cento di questi posti persi nel 2020 potrebbe non tornare quest'anno o mai. Ad aprile, il settore minerario aveva il più alto tasso di disoccupazione nel paese, al 15 per cento. 

L'industria petrolifera ha anche subito un duro colpo alla reputazione per il suo ruolo nel riscaldamento del pianeta mentre sostiene forme di negazionismo del cambiamento climatico. Le emissioni di metano associate al fracking sono così pervasive che molti scienziati ora pensano che sostituire il gas naturale al carbone non ridurrà le emissioni di gas serra. Gli azionisti si tirano indietro e i gestori patrimoniali stanno disinvestendo.

La ricaduta fa male

Il “boom” del gas di scisto è stato effimero quanto le prospettive presidenziali di Cruz. Eppure, quattro anni dopo, in corsa per la rielezione, Donald Trump ha usato lo stesso copione per cercare di battere il candidato democratico Joe Biden in Pennsylvania. Un annuncio pubblicitario trasmesso nello stato diceva che il "divieto di fracking" di Biden avrebbe "eliminato fino a 600.000 posti di lavoro in Pennsylvania". (Biden non può vietare il fracking, tranne che sui terreni pubblici federali).

In una manifestazione a Latrobe, Trump ha affermato che il fracking aveva creato 940.000 posti di lavoro nello stato. Il numero effettivo all'epoca era più simile a 26.000, inclusi i lavori "relativi al fracking" non direttamente nel settore. Un rapporto del Multi-State Shale Research Collaborative ha rilevato che durante il periodo di apparente boom del fracking in Pennsylvania e nel Midwest (dal 2008 al 2012), "le imprese con un interesse economico nell'espansione delle trivellazioni" e i loro alleati politici hanno sistematicamente esagerato l'impatto del settore sull'occupazione.

La Camera di Commercio degli Stati Uniti ha dichiarato nel 2012 che la produzione di gas di scisto in Pennsylvania, Ohio e West Virginia aveva creato più di 300.000 nuovi posti di lavoro. Il Dipartimento del Lavoro e dell'Industria della Pennsylvania ne contava solo circa 18.000. La discrepanza è probabilmente il risultato del palese travisamento da parte della Camera di diversi controversi studi della Penn State finanziati dall’industria che hanno esaminato i posti di lavoro futuri previsti. Successivamente, la Camera ha rivisto i 300.000 posti di lavoro "creati" fino a 180.000 posti di lavoro "supportati".

Allo stesso modo, il piano energetico statale del 2014 dell'ex governatore della Pennsylvania Tom Corbett affermava che "oltre 240.000 abitanti della Pennsylvania svolgono lavori fondamentali e ausiliari associati all'industria petrolifera e del gas". Tuttavia, il Keystone Research Center ha sottolineato che la maggior parte dei lavori ausiliari (come quelli degli autisti UPS), che rappresentavano la maggior parte del fracking totale, esistevano già in precedenza.

La realtà è che sebbene il boom del gas della Pennsylvania abbia raggiunto il picco tra il 2011 e il 2012, il suo tasso di disoccupazione è effettivamente aumentato di quasi un punto percentuale in quel periodo - e all'8,3 per cento, era di mezzo punto sopra la media nazionale - anche se la disoccupazione è diminuita in 46 stati. (A Billtown, soprannominata dall'ex sindaco la "Capitale dell'energia della Pennsylvania", il reddito familiare medio di 33.147 dollari nel 2012 non era superiore a quello pre-boom e l'alto tasso di povertà locale è rimasto invariato).

Un rapporto esclusivo recentemente pubblicato dall'Ohio River Valley Institute descrive in dettaglio come la promessa di lavoro e prosperità dei promotori del fracking per la più ampia regione degli Appalachi fosse un miraggio. Nelle 22 contee di Ohio, Pennsylvania e West Virginia che producono la maggior parte del gas naturale americano, la produzione economica è cresciuta del 60 per cento dal 2008 al 2019, ma poco del reddito generato da tale crescita è rimasto nelle comunità locali. La regione ha visto solo l'1,6 per cento di crescita dell'occupazione, rispetto al 9,9 per cento a livello nazionale; nel frattempo, la sua quota di popolazione nazionale è diminuita dell'11 per cento.

Questi numeri mostrano che la trivellazione del gas non ha migliorato le prospettive finanziarie delle comunità di scisto, anzi, potrebbe anche aver peggiorato le cose.

La crescita va sostenuta

È importante sfatare il mito che il fracking sia la gallina dalle uova d'oro perché toglie una delle principali giustificazioni a un'industria inquinante. La narrativa "economia contro ambiente” implica che le politiche rispettose dell'ambiente eliminano i posti di lavoro. I fautori delle energie rinnovabili, probabilmente spinti in parte dal desiderio di riscrivere questa trama, spesso sopravvalutano l’impatto economico delle loro stesse raccomandazioni propagandando "lavori verdi" ben pagati che sostengono arriveranno con l'energia eolica o solare.

In realtà, ci sono poche prove che anche importanti politiche ambientali come una tassa sul carbonio abbiano molto effetto sui livelli di occupazione. Per lo più riallocano i lavoratori delle industrie danneggiate da una politica a quelli che ne beneficiano. Tuttavia, politici ed esperti spendono tempo e risorse immensi per occuparsi dei lavoratori del settore energetico, spesso a scapito di posti di lavoro a rischio per persone come corrieri o programmatori di computer, che costituiscono la parte più importante del quadro occupazionale. (L'occupazione legata allo scisto rappresenta solo 33.000 posti di lavoro in tutta l'Appalachia, circa lo 0,5 per cento del totale).

Non esiste una soluzione ottimale che possa rivitalizzare il cuore del paese, anche se sembra evidente che molti interventi dovrebbero essere mirati all’industria più che basati sull’industria. L'area di Williamsport, per esempio, ospita diversi piccoli college e ospedali di medie dimensioni che sostengono una classe professionale pronta a crescere. Promuovere e proteggere i luoghi incontaminati della zona, minacciati dal fracking, alimenterebbe la sua fiorente industria del turismo.

L'estrazione delle risorse si è raramente dimostrata un percorso affidabile per una prosperità duratura. È molto più spesso una chimera, che induce i leader politici a scommettere tutto su un'industria “sporca” e volatile, che potrebbe mettere in pericolo l'intero pianeta attraverso livelli catastrofici di riscaldamento globale.


Colin Jerolmack è professore di studi ambientali e sociologia alla New York University e autore del nuovo libro Up to Heaven and Down to Hell: Fracking, Freedom, and Community in an American Town.

(rp)
  • Un carro da parata della Little League World Series, sponsorizzato da un'azienda di servizi petroliferi, attraversa il centro di Williamsport nel 2013. Colin Jerolmack