I sentimenti contrastanti delle banche per le criptovalute
Monete digitali come Bitcoin sono ormai un fenomeno che non può essere più ignorato dalle banche centrali.
di Mike Orcutt 29-11-17
I banchieri centrali sono in fermento per cercare di comprendere le forme di valuta digitale. La scorsa settimana un funzionario della Banca del Giappone ha dichiarato a Reuters che le valute digitali non rimpiazzeranno quelle fisiche troppo presto. Potrebbe avere ragione; nel frattempo, però, i banchieri governativi di altri paesi sembrano pensarla diversamente. L’anno scorso, ad esempio, il vice governatore della Banca Popolare della Cina parlava di “tempi maturi per le monete digitali” (lo stesso Giappone ha manifestato quest’anno un certo interesse per la J-Coin).