Seguici
Iscriviti alla nostra newsletter

    I limiti del potere militare cinese

    L’esercito americano non teme confronti per la capacità di esercitare la sua influenza in tutto il mondo, e la situazione non sta cambiando.

    di Konstantin Kakaes

    Gli Stati Uniti hanno la spesa militare più alta di qualsiasi altra nazione sulla Terra. Questo enorme budget – 649 miliardi di dollari – è destinata all’unica forza di combattimento globale nella storia del mondo.

    Negli ultimi 30 anni, la Cina è passata da circa 20 miliardi di dollari all’anno in spese militari a 250 miliardi di dollari. Questo significa che l’era del dominio militare americano risalente al crollo dell’Unione Sovietica sta per concludersi? O l’egemonia americana – nel bene e nel male – è una realtà che persisterà nei prossimi decenni?

    Spese militari nei primi 10 paesi al mondo in miliardi di dollari, nel 2018

    È ovviamente impossibile prevedere il futuro, ma esaminare l’attuale stato delle tecnologie chiave che sono alla base della capacità dell’America di proiettare la sua influenza a livello globale mostra quanto sia grande il suo vantaggio.

    La differenza accumulata nel corso dei decenni non è solo nel numero di militari, ma in carri armati, navi, aeroplani, elicotteri, satelliti e altro hardware militare e in addestramento e sistemi che consentono a tutte queste tecnologie di collaborare tra loro. Se si contano il numero di persone, l’esercito cinese è leggermente più grande di quello americano.

    A seconda del tipo di calcolo – molte basi americane di piccole dimensioni sono segrete – gli Stati Uniti hanno una presenza militare tra 50 e 80 paesi in tutto il mondo, dispersi tra oltre 800 basi (molte delle quali ufficialmente chiamate in altro modo). Come stimato dal “New York Times”, circa 200.000 militari americani sono dispiegati all’estero.

    Confronto forze militari statunitensi e cinesi

    Al contrario, la Cina ha tre basi straniere, a Gibuti, in Tagikistan e Cambogia (La base di Gibuti è ufficiale, mentre le altre due sono “segrete”). Ha anche un numero considerevole di truppe impiegate in missioni delle Nazioni Unite per il mantenimento della pace nella Repubblica Democratica del Congo, in Libano, Mali, Sudan e Sud Sudan.

    Come dimostra il lungo e inconcludente impegno americano in Afghanistan, ciò non significa necessariamente che l’America prevarrà sempre. Ma il paese ha una capacità unica nel muovere le truppe. Il rifornimento di aeromobili e le navi d’assalto anfibie potrebbero non sembrare la punta di diamante tecnologica, ma sono di importanza strategica cruciale.

    Più di ogni altra singola tecnologia, le portaerei consentono ai militari americani di trasferire la forza militare praticamente in qualsiasi parte del mondo. Alcuni esperti temono di essere vulnerabili agli attacchi della Cina. Ma come ha spiegato Loren Thompson del Lexington Institute, “le portaerei sono difficili da trovare e difficili da affondare e la Cina non ha ancora superato gli ostacoli che le impediscono di attaccare con successo le portaerei statunitensi”.

    La capacità della Cina di difendere i suoi confini è aumentata notevolmente negli ultimi decenni. Le isole artificiali di nuova costruzione nel Mar Cinese Meridionale funzionano in modo simile alle portaerei fisse. Il modesto numero cinese di sottomarini a propulsione nucleare è compensato, in parte, da una grande flotta di diesel-elettrici. L’equilibrio di potere in Asia è nettamente diverso rispetto a una generazione fa.

    Personale militare statunitense e cinese

    Ma nonostante l’aumento della spesa militare in Cina, gli Stati Uniti continuano a investire molti più soldi. È difficile anche solo immaginare cosa significhino 650 miliardi di dollari.

    Si consideri che nel 2018 il governo degli Stati Uniti ha pagato a Lockheed Martin (il più grande appaltatore della difesa) 40,5 miliardi di dollari, considerevolmente più del budget militare complessivo del Brasile che si attesta a 30,7 miliardi di dollari. L’amministrazione Trump ha previsto un minimo di 81 miliardi di dollari per l’anno 2019, di cui 59,9 per l’intelligence nazionale e 21,2 per l’intelligence militare, di fronte ai 78,4 miliardi di dollari complessivi richiesti nel 2018.

    Ciò significa che gli Stati Uniti spendono molto di più in finanziamenti ad attività segrete dell’intero bilancio militare russo di 61 miliardi di dollari.

    Il budget totale per la difesa dell’Italia, l’ottava economia mondiale, è di 26 miliardi di dollari, vale a dire la stessa spesa per le pratiche burocratiche del Dipartimento della Difesa (25 miliardi di dollari) che McKinsey, un’azienda di consulenza strategica, ha scoperto in un audit che ha eseguito su richiesta del Pentagono. Pertanto, le richieste di aumenti delle spese statunitensi per stare al passo con la Cina dovrebbero essere accolte almeno con una buona dose di scetticismo.

    Immagine: Wikimedia Commons

    Related Posts
    Continua

    Come e perché imparare dalle api

    La cosiddetta "intelligenza di sciame” è applicabile anche alle comunità umane? Gli esperti Paola Scarpa, Andrea Pietrini, Federico Frattini a confronto su un tema affascinante per le società presenti e future
    Total
    0
    Share