Seguici
Iscriviti alla nostra newsletter

    “Criptopia”, l’utopia che vuole ricostruire la società (ma forse è solo colonialismo)

    Una nuova classe di investitori in criptovalute ha piani audaci per ricostruire la società da zero. Ma la loro “criptopia” sembra ripercorrere le tappe della lunga storia di colonialismo aziendale nei paesi dell’America Latina

    Laurie Clarke

    Ogni giorno, un vecchio camion della spazzatura “riciclato” traghetta i visitatori lungo un percorso naturalistico sul vulcano Conchagua di El Salvador. Il veicolo rimbalza su una strada piena di crateri, sballottando i passeggeri da una parte all’altra, ma in vetta arriva la ricompensa: il panorama del profondo blu del Golfo di Fonseca.

    Il rifugio montano si chiama El Espíritu de la Montaña (Spirito della montagna) per riflettere la credenza indigena Lenca secondo cui una presenza santa abita il vulcano dormiente, a volte manifestandosi come una farfalla o un’aquila. Il presidente di El Salvador, Nayib Bukele, ha annunciato nel novembre 2021 che il vulcano diventerà la sede di una nuova scintillante Bitcoin City. Presto potrebbe essere avviato un vasto progetto di costruzione per far diventare la foresta vergine una vivace metropoli.

    I rendering condivisi dal governo mostrano una conurbazione circolare che emana da una piazza centrale a forma di B e una pianta stradale in technicolor che assomiglia a quella che si potrebbe vedere in un caleidoscopio. L’idea è che l’economia locale funzionerà su Bitcoin e la città sarà alimentata dall’energia geotermica del vulcano. Le uniche tasse che i residenti pagheranno saranno sui beni e servizi che acquistano.

    Per finanziare la città, El Salvador sta vendendo 1 miliardo di dollari di debito in dollari USA come “Volcano Bonds”. Metà del denaro investito nelle obbligazioni finanzierà la costruzione di Bitcoin City e operazioni di mining di Bitcoin, e metà andrà all’acquisto di Bitcoin, che un giorno potrebbe essere utilizzato per ripagare le obbligazioni se il suo valore aumenterà.

    Il ministro delle finanze salvadoregno Alejandro Zelaya ha dichiarato all’inizio di aprile che le obbligazioni avevano attirato una domanda di 1,5 miliardi di dollari e sarebbero state emesse a breve. La maggior parte delle obbligazioni dovrebbe essere acquistata da investitori in criptovalute, alcuni dei quali, se pagano fino a 100.000 dollari, potrebbero ottenere la cittadinanza salvadoregna

    Se mai diventerà realtà, Bitcoin City sarà una brillante realizzazione delle aspirazioni di costruzione del mondo delle criptovalute. Il sogno però non si ferma qui. Un numero crescente di investitori in criptovalute sta anche cercando di persuadere altri governi a creare zone semiautonome che fungano anche da laboratori per la sperimentazione economica, sostenendo che stimolerà la crescita e arricchirà le comunità vicine. 

    Ma in America Centrale, gli investitori stranieri si sono già lanciati con promesse di prosperità, solo per accaparrarsi terre ed estrarre valore per se stessi. La regione ha una lunga storia di sfruttamento economico: l’esempio più lampante sono le “repubbliche delle banane” della prima metà del XX secolo, quando la United Fruit Company controllava vaste e di terra e prese il potere politico in Honduras, Guatemala e Costa Rica. Più di recente, le “zone industriali di esportazione”, vale a dire zone franche di produzione, ritagliate per le aziende internazionali di produzione di abbigliamento sono diventate la sede di fabbriche che non hanno rispettato i diritti dei lavoratori.

    Mentre alcuni politici e residenti credono nel potenziale delle criptovalute per far ripartire l’economia, altri vedono la storia ripetersi. Mentre l’esperimento di El Salvador prende forma sotto forma di Bitcoin City, uno sviluppo simile è già in corso in Honduras, ma il contraccolpo sulla popolazione locale ha messo a rischio il suo futuro. I sostenitori del progetto sperano di generare altre cento città Bitcoin, ma altri si chiedono se i paesi che fungono da banchi di prova ne trarranno davvero vantaggio.

    Un sogno di lungo periodo

    Le “cittadelle di Bitcoin” hanno a lungo affascinato i primi investitori e imprenditori di criptovalute. Alcuni vedono come inevitabile che le criptovalute esplodano di valore e il sistema di valuta fiat crolli, costringendo gli investitori facoltosi a rinchiudersi in complessi fortificati per tenere a bada i “barbari”. Altri, ispirati dalla possibilità di dissociarsi dal concetto di nazionalità, vedono le criptovalute come un modo per uscire da un sistema finanziario tradizionale legato a nozioni antiquate come tassazione e spesa pubblica

    I tentativi di creare mini-civiltà autonome risalgono almeno agli anni 1960, ma le criptovalute stanno rinvigorendo questo vecchio sogno con una nuova infusione di denaro e clamore. Gli appassionati di criptovalute hanno già provato a dare vita alle proprie utopie, con risultati poco brillanti. Gli esempi includono la sfortunata MS Satoshi (dal nome del creatore pseudonimo di Bitcoin Satoshi Nakamoto), una nave da crociera acquistata per fungere da parco commerciale galleggiante venduta meno di sei mesi dopo; il tanto deriso Cryptoland, un’offerta fallita da 12 milioni di dollari per un’isola delle Fiji annunciata come un paradiso per gli appassionati di criptovalute; infine Akon City, un progetto da 6 miliardi di dollari lanciato in Senegal dal cantante e imprenditore Akon che deve ancora essere avviato

    Questi passi falsi non hanno impedito a un’ondata di investitori di fare piani audaci per costruire comunità di criptovalute in paesi di tutto il mondo. I loro piani spesso implicano la creazione di aree note come zone economiche speciali. La premessa di base è semplice: ritagliarsi una giurisdizione quasi indipendente con una regolamentazione libera, poca supervisione del governo e tasse minime, e lasciare che il libero mercato faccia le sue cose. Chi sostiene questi progetti punta il dito su Singapore, Dubai e Shenzhen come esempi di successo, tralasciando di parlare degli abusi sui diritti dei lavoratori e la disuguaglianza.

    La realtà è più complessa. Poiché ci sono così tante zone economiche speciali (5.000 in 70 paesi) e una miriade di fattori contestuali, è difficile calcolare il loro impatto sull’economia di un paese, afferma Thibault Serlet, responsabile della ricerca di Adrianopoli, una società di consulenza che si concentra su queste zone. Un articolo dell’”Economist” del 2015 rilevava che delle zone economiche speciali istituite in quel momento, solo alcune avevano molto successo, mentre la maggior parte non avevano portato vantaggi all’economia in generale o erano addirittura fallite. 

    Bukele ha lanciato per la prima volta Bitcoin come mezzo per i salvadoregni all’estero per inviare rimesse ai membri della famiglia a casa, dicendo che avrebbe fatto risparmiare ai cittadini 400 milioni di dollari di tasse ogni anno e avrebbe dato a chi non aveva un conto in banca un modo per entrare nel sistema finanziario. La nazione, con una popolazione di circa 6,8 milioni di abitanti, ha annunciato l’anno scorso che da quel momento Bitcoin sarebbe stato accettato come moneta a corso legale.

    L’adozione tra la popolazione è stata lenta, ma come esercizio di marketing per invogliare l’élite crittografica globale, il discorso di Bukele si è rivelato più efficace. Bitcoin City è parte integrante di quel campo. Attirata dalle audaci dichiarazioni di Bukele, una sfilata di aspiranti urbanisti di criptovalute ha iniziato ad avvicinarsi al governo salvadoregno.

    Secondo il quotidiano salvadoregno “El Faro”, uno dei più entusiasti del progetto era Brock Pierce. In qualità di presidente della Bitcoin Foundation, un’organizzazione no-profit costituita nel 2012 per promuovere la criptovaluta, Pierce ha guidato il tentativo di trasformazione di Porto Rico in una criptopia, vale a dire un paradiso fiscale per i cripto milionari che avrebbe in qualche modo risolto i problemi economici inflitti dalla crisi del debito del paese e la devastazione causata dall’uragano Maria. 

    Gli ultimi dati mostrano invece che l’aumento dei prezzi degli immobili costituisce il principale impatto delle criptovalute su Porto Rico fino ad oggi. Le grandi promesse di ricostruire l’economia dell’isola sulla blockchain sono cadute nel dimenticatoio. Oggi, foto segnaletiche di investitori di criptovalute, tra cui Pierce, decorano la capitale di Porto Rico, con la didascalia “Ecco i nostri colonizzatori”. 

    Imperterrito, Pierce è ansioso di replicare l’esperimento di Porto Rico altrove. I delegati della Bitcoin Foundation hanno incontrato i rappresentanti di El Salvador, Honduras, Panama, Ecuador e Guatemala lo scorso anno. “Sono piuttosto ottimista su ciò che sta accadendo in America Latina”, afferma Peter Young, amministratore delegato della Free Private Cities Foundation e convinto sostenitore dell’idea. “Ci sono molti stati-nazione più piccoli che cercano soluzioni e sono disposti a provare cose nuove”.

    La fondazione di Young sostiene lo sviluppo delle cosiddette città private in tutto il mondo. La sua organizzazione ha incoraggiato il governo salvadoregno a gestire Bitcoin City secondo un modello di governance privata. I funzionari del governo sono stati finora ricettivi, afferma Young. Secondo quanto riferito, l’organizzazione ha lanciato la stessa idea al governo brasiliano.

    Nel frattempo, un gruppo di sostenitori di Bitcoin è entrato nel team di consulenti di Bukele. Tra questi, l’architetto di Volcano Bond Samson Mow, che ha recentemente lasciato il suo ruolo di CSO della società di tecnologia blockchain Blockstream per promuovere l’adozione di Bitcoin negli stati-nazione, e i giornalisti e gli investitori in criptovalute Max Keizer e Stacy Herbert. 

    Mentre i sondaggi indicano che Bukele gode di un enorme sostegno nel paese, alcuni salvadoregni sono sconvolti dall’influenza che gli investitori stranieri in criptovalute sembrano esercitare sul presidente. Hanno espresso indignazione nel vedere Keiser, Herbert e Mow sorvolare il sito di Bitcoin City su un elicottero militare, e quando Mow ha dichiarato di voler redigere nuove leggi per i Volcano Bond prima che chiunque nel governo salvadoregno lo facesse. Da allora Mow ha twittato che Bukele sostiene la sua candidatura a sindaco di Bitcoin City.

    Un paradiso in via di costruzione

    Per avere un’idea di come potrebbe essere una Bitcoin City gestita da un’azienda, si può guardare a un progetto fiorente chiamato Próspera, supportato dalla Free Private Cities Foundation in Honduras. Sebbene non sia esplicitamente pubblicizzato come una comunità di crihttps://www.theatlantic.com/magazine/archive/2010/07/the-politically-incorrect-guide-to-ending-poverty/308134/

    ptovalute, una forte enfasi sull’industria delle criptovalute e il sostegno di importanti investitori di Bitcoin collocano Próspera nella stessa area ideologica, una fusione di evangelizzazione delle criptovalute e credi libertari.

    Próspera occupa una piccola enclave sull’isola honduregna di Roatán. A chi ha proposto il progetto è stata data la possibilità di modellare una società da zero, compresi i sistemi sanitari, educativi, di polizia e di sicurezza sociale. L’Honduras ha modificato la sua costituzione nel 2013 per consentire la creazione di zone economiche speciali gestite da privati e che operano in gran parte al di fuori del controllo legale e normativo del paese. Le enclavi risultanti sono conosciute sotto il nome di Zones of Economic Development and Employment (ZEDE).

    La decisione si basava sulla proposta dell’economista americano Paul Romer di città charter, un tipo di zona economica speciale in uno stato esistente, ma gestita dal governo di un’altra nazione. L’idea  riflette le sue teorie su come promuovere gli investimenti esteri e alleviare la disuguaglianza. Gli ZEDE honduregni sono tra i primi test di questo concetto, sebbene Romer abbia tenuto colloqui con altri governi. All’inizio Romer ha collaborato con il governo honduregno, ma successivamente sono sorti disaccordi sul modo di portare avanti il progetto.

    Próspera, che ha aperto la strada nel 2020, prevede di implementare tasse ultra-basse, esternalizzare servizi tipicamente gestiti dal settore pubblico, istituire un “centro di arbitrato” al posto di un tribunale e addebitare una quota annuale per la cittadinanza (residenza fisica o elettronica) che prevede la firma di un “contratto sociale” che l’azienda spera possa eliminare comportamenti scorretti.

    Quando ho visitato il sito a febbraio, un ufficio centrale era uno dei pochi edifici completati. Non c’erano forze di polizia private, ma alla reception si poteva avere un numero di Bulldog Security International, un’azienda di sicurezza privata ingaggiata dagli hotel dell’isola che considerano le forze di polizia locali inadeguate. Un paio di edifici a due piani ospitavano impiegati. Il resto era in gran parte un cantiere, anche se si vedeva lo scheletro di un palazzo residenziale.

    Un rendering della futura Próspera mostra appartamenti che sembrano ispirarsi alla conchiglia indigena dell’isola: morbide curve in corallo perlato, crema e vetro nel grambo del Mar dei Caraibi. Le aziende che arriveranno saranno probabilmente quelle desiderose di sfuggire alla regolamentazione nei propri paesi. Alcune persone che lavorano nel campo della tecnologia e delle criptovalute si sono già installate nella giurisdizione da remoto attraverso il suo programma di residenza elettronica. Le aziende possono effettuare liberamente transazioni in qualsiasi criptovaluta scelgano e cinque sono state approvate per l’uso a livello governativo

    I consulenti di Próspera includono Oliver Porter, fondatore di Sandy Springs, in Georgia, fino a poco tempo fa una città completamente privatizzata negli Stati Uniti a cui si ispira il modello di outsourcing di Próspera. Finora, dicono gli ideatori del progetto, i venture capitalist e gli investitori privati della Silicon Valley hanno “travasato” 50 milioni di dollari nel progetto, con un altro round di raccolta fondi in corso da 100 milioni di dollari. 

    L’importo raccolto finora include i contributi del miliardario Peter Thiel, del venture capitalist Marc Andreessen e degli investitori Roger Ver e Balaji Srinivasan attraverso Pronomos Capital., un fondo che nel 2018 ha dichiarato a “Bloomberg” di avere in mente la creazione di città semiautonome in paesi tra cui Ghana, Honduras, Isole Marshall, Nigeria e Panama.

    Una trattativa in alto mare

    Se si prosegue lungo la strada che porta a Próspera, si passa attraverso un villaggio di circa 100 persone chiamato Crawfish Rock. Rannicchiate  in una striscia boschiva irregolare sulla costa sfilano una serie di case di legno, dipinte con pastelli sbiaditi e sostenute su palafitte. Nella sua casa mi accoglie la responsabile del consiglio comunale,  Luisa Connor, appartenente alla comunità Garifuna, discendenti degli schiavi portati sull’isola dai colonizzatori britannici alla fine del 1700.  Connor parla di inganno da parte di Próspera, dicendo che il progetto è stato presentato come un piano di sviluppo turistico regolare con opportunità di lavoro per gli abitanti del villaggio.

    Secondo Connor, il CEO di Próspera Erick Brimen si è offerto di acquistare a titolo definitivo Crawfish Rock, ma lei ha rifiutato a nome del villaggio. Ma i residenti si sono ugualmente preoccupati del fatto che Próspera avrebbe cercato di impossessarsi della loro terra per far posto alla sua città-stato in espansione. D’altronde, l’accaparramento di terre ha una lunga e sanguinosa storia in Honduras. I diversi governi hanno autorizzato le aziende a strappare la terra ai contadini, provocando un conflitto che in una sola area ha portato a più di 150 omicidi e sparizioni dal 2008.

    Un dirigente di Próspera Daniel Frazee afferma che il contratto dell’azienda gli impedisce di espropriare terreni e che prevede di espandersi in direzioni in cui non ci sono insediamenti. Ma Connor sostiene che dopo aver rifiutato l’offerta di Brimen, le è stato detto che il governo dell’Honduras avrebbe potuto accettarla. Gli isolani con cui ho parlato hanno espresso un’obiezione fondamentale alla cessione di pezzi di terra honduregna al controllo di entità private.

    “Non rispettano nessun governo, nessuna regola, nessuna legge”, mi ha detto Rosa Daniela, attivista della comunità coinvolta nella campagna contro Próspera. Alla fine, Connor ha bloccato il progetto di Brimen. Dal lancio di Próspera, il clima politico è cambiato. In mezzo a una crescente reazione contro gli ZEDE sulla base di preoccupazioni come quelle sollevate a Crawfish Rock, il nuovo presidente dell’Honduras, Xiomara Castro, ha promesso di chiuderli, minando alle basi Próspera.

    Poco più di un esperimento

    Il terreno non si è ancora aperto a Bitcoin City, ma il vulcano Conchagua ospita già diversi insediamenti, sollevando lo spettro dello sfollamento, afferma l’economista salvadoregno José Luis Magaña, soprattutto considerando che solo circa un quinto degli agricoltori della regione possiede la terra su cui lavora. Il governo afferma che il progetto ha lo scopo di fornire lavoro alla povera città vicina di La Unión, ma Magaña sostiene che le disparità socioeconomiche con le città più grandi di El Salvador rendono la gentrificazione il risultato più probabile.

    A differenza di Próspera, Bitcoin City ha il sostegno dell’attuale governo. Ma un afflusso di investitori stranieri e la dispersione della popolazione locale potrebbero dare vita a un contraccolpo simile. Tre giorni dopo l’annuncio di Bitcoin City, El Salvador ha approvato una nuova legge che consentirebbe al governo di espropriare terreni per uso pubblico. 

    Per impedire agli speculatori di aumentare i prezzi dei terreni, la posizione esatta di Bitcoin City rimane vaga. Ma società immobiliari europee, ricchi uomini d’affari salvadoregni e aziende di criptovalute si sono offerti di acquistare lo Spirito della Montagna per tre o cinque volte il prezzo che ha pagato. Diaz è irremovibile sul fatto che non venderà: “Questo è un progetto di vita per me”. 

    Tornato in Honduras, il ricercatore José Luis Palma Herrera vede ZEDE e progetti simili come una svolta moderna nella dolorosa storia della regione del colonialismo aziendale. “La promessa di porre fine alla povertà e di migliorare la vita è stata utilizzata per convincere i cittadini ad accettare queste enclavi di corruzione e sfruttamento”, afferma. “Tuttavia, la maggior parte dei profitti delle enclavi va al di fuori del paese, senza alcun reale sviluppo per le regioni coinvolte“.

    Oltre a Próspera, ci sono altri tre ZEDE in Honduras. In Malawi e negli Stati Uniti sono ora in corso progetti di città private meno radicali. Il creatore di Ethereum Vitalik Buterin è stato coinvolto in colloqui con il governo dello Zambia sulla creazione di una zona economica speciale alimentata da criptovalute. “Stiamo cercando di aiutare a creare un tipo completamente nuovo di industria, quella della costruzione di città”, afferma Goff.  Non tutti credono al sogno. Qualcuno dice: “Siamo solo l’inizio di un esperimento. Se avranno successo qui, si trasferiranno in altri paesi e in altri ancora”.

    Laurie Clarke è una giornalista inglese freelance

    Immagine: Michael Byers

    (rp)

    Related Posts
    Total
    1
    Share