GOGORO

Come le batterie per scooter “swap-and-go” di Gogoro possono rafforzare la rete elettrica

Un’intervista con l’amministratore delegato di Gogoro illustra il modo in cui l’azienda di sostituzione delle batterie sta pianificando il futuro.

Se siete mai stati a Taiwan, probabilmente vi sarete imbattuti nelle stazioni di scambio di batterie verdi e bianche di Gogoro in una città o nell’altra. Con 12.500 stazioni in tutta l’isola, Gogoro ha costruito una rete capillare che consente agli utenti di scooter elettrici di lasciare una batteria vuota e riceverne immediatamente una completamente carica. Gogoro è presente anche in Cina, India e alcuni altri Paesi.
 
Questa mattina ho pubblicato un articolo su come la rete di scambio di batterie di Gogoro a Taiwan ha reagito ai blackout di emergenza dopo il terremoto di magnitudo 7,4 dello scorso aprile. Ho parlato con Horace Luke, cofondatore e amministratore delegato di Gogoro, per capire come in tre secondi oltre 500 postazioni di scambio di batterie Gogoro abbiano smesso di prelevare elettricità dalla rete, contribuendo a stabilizzare la frequenza elettrica.
 
Le stazioni di batterie di Gogoro hanno agito come una sorta di centrale elettrica virtuale (VPP), una nuova idea che sta venendo adottata in tutto il mondo come un modo per inserire l’energia rinnovabile nella rete. Il sistema attinge l’energia da fonti distribuite, come le batterie di accumulo o i piccoli pannelli solari sui tetti, e coordina tali fonti per aumentare l’offerta quando la domanda di elettricità raggiunge i picchi. Di conseguenza, riduce la dipendenza dalle centrali elettriche tradizionali a carbone o a gas.
 
Esiste una sinergia naturale tra tecnologie come lo scambio di batterie e le centrali elettriche virtuali (VPP). Non solo le stazioni di battery swap possono coordinare gli orari di ricarica con le esigenze della rete, ma le batterie inattive presenti nelle stazioni di Gogoro possono anche diventare una riserva di energia nei momenti di emergenza, potenzialmente in grado di restituire energia alla rete. Per saperne di più sul funzionamento di questo sistema, potete leggere l’articolo completo qui.

Le statistiche condivise da Gogoro ed Enel X mostrano come le sue stazioni di battery-swap abbiano interrotto automaticamente la ricarica delle batterie il 3 e il 15 aprile, quando si sono verificate le interruzioni di corrente causate dal terremoto. GOGORO

Quando ho parlato con Luke di Gogoro per questa storia, gli ho chiesto: “In quale momento della storia dell’azienda vi è venuta l’idea di utilizzare queste batterie per le reti VPP?”.
 
Con mia grande sorpresa, Luke ha risposto: “Il primo giorno”.
 
Come spiega, Gogoro non è stata fondata per essere un’azienda di scooter elettrici, ma per essere un’azienda di “energia intelligente”.

“Siamo partiti dalla tesi di come l’energia intelligente, attraverso la portabilità e la connettività, possa abilitare molti scenari di utilizzo”, spiega Luke. “Si dà il caso che il trasporto rappresenti qualcosa come il 27% o il 28% del consumo di energia nella vita quotidiana”. Ecco perché l’azienda ha progettato le batterie per i veicoli a due ruote, un’opzione di trasporto molto diffusa a Taiwan e in tutta l’Asia.
 
Dopo essere riuscita a promuovere i suoi scooter e il metodo di ricarica con sostituzione delle batterie a Taiwan, è ora in grado di esplorare altri possibili usi di queste batterie modulari e portatili, di cui attualmente sono in circolazione più di 1,4 milioni.
 
“Pensate all’energia intelligente, portatile e connessa come a un serbatoio di propano”, dice Luke. A seconda delle loro dimensioni, i serbatoi di propano possono essere utilizzati per cucinare in natura o per riscaldare un patio. Se le batterie al litio possono essere modulari e portatili in modo simile, possono servire a molti scopi diversi.

L’utilizzo nei programmi VPP che proteggono la rete dai blackout è uno di questi; inoltre, nella città di New Taipei, Gogoro ha collaborato con il governo locale per costruire stazioni di backup energetico per i semafori, utilizzando le stesse batterie per mantenere le luci in funzione in caso di futuri blackout. Le batterie possono essere utilizzate anche come riserva di energia per strutture critiche come gli ospedali. In caso di blackout, le batterie possono rilasciare l’elettricità molto più velocemente dei generatori diesel, riducendo al minimo l’impatto.

Tutto questo non sarebbe possibile senza i recenti progressi che hanno reso le batterie più potenti ed efficienti. Dalla nostra conversazione è emerso chiaramente che Luke è ossessionato dalle batterie, dalla lunga strada percorsa da questa tecnologia e dal suo potenziale per affrontare molti altri casi di utilizzo dell’energia in futuro.

“Ricordo ancora di aver ricevuto la mia prima torcia quando ero un bambino. Il pulsante accendeva e spegneva la piccola lampadina. E questo era l’aspetto più sorprendente delle batterie all’epoca”, dice Luke. “La gente non ha mai pensato che le batterie AA avrebbero alimentato le calcolatrici o il Walkman. Il tizio che ha inventato la batteria alcalina non l’avrebbe mai pensato. Continueremo a prendere quella creatività e ad applicarla all’energia portatile, ed è questo che ci ispira ogni giorno”.

Related Posts
Total
0
Share