• Julia Scwarz

Come colmare il divario educativo legato alla pandemia

Gli educatori stanno cercando di trovare delle soluzioni per gli studenti, soprattutto quelli più disagiati o con qualche difficoltà nell’apprendimento, che stanno rimanendo indietro a causa dell'istruzione a distanza. 

di Chelsea Sheasley 10-03-21
Prima di Zoom, l'insegnante di scuola elementare Andy Granados e i suoi colleghi hanno dedicato molta attenzione alla pianificazione del loro tempo in classe. "Se impieghi 10 minuti a distribuire i tuoi materiali, sono 10 minuti di lezione che vanno persi", spiega. Questi piani accurati ora sembrano un lusso. 

Granados ora insegna a distanza, guardando bambini di sei e sette anni che provano, nelle loro piccole scatole video, a pronunciare semplici parole. I suoi studenti frequentano le lezioni solo per due ore e mezza ogni giorno, ma quel che è peggio è la frequenza con cui i bambini abbandonano la chiamata, in genere bloccati da una scarsa connessione Internet. 

"È molto difficile. Tornano indietro e non sanno dove siamo o su quale pagina siamo", dice Granados, che insegna al Franklin Pierce School District di Tacoma, a Washington, dove l'80 per cento degli studenti proviene da famiglie a basso reddito. Il distretto ha fornito tablet o laptop a ogni studente e hot spot alle loro famiglie, ma i problemi di connessione persistono.

Nel frattempo, Granados arranca. Ha coperto quasi tutto il programma di studi che pensava di svolgere di persona, ma dubita che i suoi studenti comprendano davvero le sue lezioni. “Non so quale sia la soluzione. È davvero un passaggio doloroso", ella sostiene.  È chiaro che gli studenti statunitensi si troverebbero in una posizione molto peggiore se Zoom, Google Classroom e altre piattaforme tecnologiche non tenessero a galla l'istruzione durante la pandemia. 

Ma non funziona bene per tutti e la forte dipendenza dalla tecnologia sta creando maggiori disuguaglianze in un campo di gioco già disuguale. Gli studenti poveri o delle zone rurali e coloro che hanno difficoltà di apprendimento affrontano ostacoli maggiori con l'apprendimento virtuale e ibrido. Gli educatori temono che questi studenti, che erano i più vulnerabili prima della pandemia, stiano subendo un duro colpo. Il lato positivo è che la crisi sta mettendo in moto un’azione per colmare alcune di queste lacune una volta per tutte.

Il prezzo della pandemia

Molti distretti scolastici hanno compiuto sforzi enormi durante la primavera e l'estate per distribuire tablet e Chromebook agli studenti. Ciò ha attenuato il divario digitale, ma le famiglie nere e ispaniche hanno ancora meno probabilità di quelle bianche di avere connessioni Internet affidabili e accesso ai dispositivi, secondo i dati dell'Ufficio censimento degli Stati Uniti dell'ottobre 2020 analizzati in un rapporto della società di consulenza McKinsey.

Dai dati emerge che una buona parte dei ragazzi a cui mancano gli strumenti di base necessari per l'apprendimento online sono di colore. "E anche in caso di accesso, i dispositivi sono probabilmente di qualità inferiore", afferma Emma Dorn, responsabile di educazione globale presso McKinsey e coautrice del rapporto. Forse come risultato di queste discrepanze, questi ragazzi avevano anche la metà delle probabilità degli studenti bianchi di aver avuto contatti dal vivo con il loro insegnante nell'ultima settimana. 

Quindi, mentre gli studenti bianchi possono finire l'anno scolastico in corso con un ritardo tra i quattro e gli otto mesi in matematica, gli studenti di colore potrebbero oscillare tra i sei e i dodici mesi, secondo l'analisi di McKinsey. Dorn afferma che queste disparità derivano in parte dal persistente divario digitale e in parte dal fatto che gli studenti di colore hanno maggiori probabilità di apprendere da remoto, secondo i sondaggi. 

Tra le altre ragioni, i loro genitori potrebbero tenerli a casa a causa degli alti tassi di covid-19 nelle loro comunità e della sfiducia nelle autorità che dicono che è sicuro ritornare a scuola

Jayda Williams, una studentessa di scuola superiore a Providence, in Rhode Island, ha il suo laptop, un Chromebook rilasciato dalla scuola e una connessione Internet stabile da casa. Partecipa a un gruppo di attivisti studenteschi e a un gruppo artistico, che le garantiscono una motivazione alta. Ma quest'anno ha lottato più di quanto abbia mai fatto con la scuola, che ha frequentato di persona per circa tre giorni alla settimana a partire da gennaio. 

Durante le sue giornate trascorse a seguire lezioni da casa, Williams ha difficoltà a concentrarsi. Prende il telefono per mandare messaggi agli amici molto più spesso e le manca la sua vita sociale. "Non sto imparando molto", ammette. "Non mi rimane nulla in mente". I voti della Williams sono leggermente peggiorati durante il primo trimestre, ma ha ancora intenzione di iscriversi al college. Ha ristretto la sua ricerca alle scuole vicine a casa perché teme che i campus universitari diventino di nuovo punti caldi del coronavirus. 

Altri studenti più grandi delle scuole superiori hanno cambiato i loro programmi. Le domande per FAFSA, una forma di aiuti federali agli studenti, sono diminuite del 10 per cento alla fine di gennaio 2021. Le iscrizioni al college sono state inferiori di quasi il 22 per cento nel 2020 rispetto all'anno precedente. Gli studi hanno dimostrato che gli studenti che ritardano la frequenza all'università hanno meno probabilità di conseguire una laurea. 

La grande domanda, ovviamente, è come la pandemia influenzerà il progresso scolastico degli studenti e l'economia in generale nel lungo periodo. La risposta non è ancora chiara e dipenderà in gran parte da ciò che accadrà dopo. Ma i rapporti preliminari dipingono un quadro desolante. Dorn e i suoi colleghi hanno stimato che le battute d’arresto nell’istruzione potrebbero costare allo studente americano medio dai 61.000 agli 82.000 dollari in guadagni durante la vita lavorativa. 

Ancora una volta, queste medie nascondono una netta divisione razziale: il reddito degli studenti bianchi potrebbe diminuire dell'1,6 per cento, mentre gli studenti ispanici perdono il 3 per cento e gli studenti neri il 3,3 per cento durante la loro vita lavorativa. E il PIL degli Stati Uniti potrebbe subire un calo annuo che oscilla dallo 0,8 all'1,3 per cento entro il 2040, quando la maggior parte degli attuali studenti farà parte della forza lavoro. 

Prima le basi

Una conclusione è chiara: tutti gli studenti hanno bisogno di Internet affidabile e ad alta velocità a casa, anche quando la maggior parte di loro tornerà a scuola. Gli amministratori scolastici ora considerano una priorità assicurarsi che gli studenti abbiano laptop o tablet e solide connessioni a banda larga su cui utilizzarli. 

"Si può discutere delle differenze tra l'apprendimento remoto e quello di persona, ma è indispensabile in ogni caso assicurare l'accesso a Internet", afferma Phillip DiBartolo, chief information officer del Chicago Public Schools. Alcuni distretti scolastici stanno cercando di colmare il divario digitale una volta per tutte. Il sistema scolastico di Chicago ha collaborato con la città e alcuni gruppi filantropici per lanciare Chicago Connected nel giugno 2020.

Il programma fornirà Internet ad alta velocità gratuita per quattro anni a circa 100.000 studenti e alle loro famiglie. A gennaio si erano iscritte più di 50.000 famiglie. La chiave di Chicago Connected è la sua partnership con i provider di servizi Internet RCN e Comcast. Il distretto scolastico ha firmato un accordo di condivisione dei dati che fornisce gli indirizzi degli studenti, senza altre informazioni di identificazione, agli ISP locali, che eseguono un controllo di idoneità del servizio. 

Se un indirizzo può essere collegato alla banda larga cablata, alle famiglie viene fornito un codice per attivare il servizio. In caso contrario, il distretto fornisce loro un hot spot wireless. 

Diverse altre città hanno avviato iniziative simili, come PHLConnectED di Filadelfia. Eric Gordon, CEO del Cleveland Metropolitan School District, in Ohio, sta sviluppando un programma che consente al distretto di pagare l'accesso a Internet degli studenti fintanto che sono a scuola. Il modello di Chicago ha ispirato anche Evan Marwell, fondatore e CEO di Education SuperHighway.

L'organizzazione no profit e i suoi partner avevano appena raggiunto l'obiettivo di dotare di banda larga quasi tutti gli edifici scolastici in America. Nel 2013, solo il 30 per cento delle scuole negli Stati Uniti disponeva di buone connessioni Internet. Entro il 2020, il 99,3 per cento delle aule era connesso alla larghezza di banda ad alta velocità e Marwell stava per sciogliere l'organizzazione. 

Ma quando è arrivato il covid-19, il suo telefono ha iniziato a squillare. Persone che aveva incontrato, nelle capitali degli stati e a Washington, gli chiedevano consigli su come fornire servizi Internet agli studenti che studiavano a casa. Dopo aver sentito parlare del modello di Chicago, ha contattato le associazioni via cavo e di telecomunicazioni per chiedere loro di replicarlo altrove. 

Finora, Marwell e il suo team hanno stretto accordi con Internet and Television Association, USTelecom e altri per identificare gli studenti senza Internet a banda larga a casa e per aiutare gli stati e i distretti scolastici a fornirgliela. Per colmare definitivamente il divario, tuttavia, iniziative come la sua avranno bisogno di finanziamenti stabili. 

Nell'ultimo disegno di legge contro la pandemia, il Congresso ha destinato 3,2 miliardi di dollari per un programma temporaneo di emergenza per la banda larga, che offrirà uno sconto di 50 dollari al mese alle famiglie a basso reddito ritenute idonee. I legislatori potrebbero scegliere di rendere permanente tale vantaggio. 

Un'altra soluzione potrebbe venire dal programma federale E-Rate, che finanzia la banda larga nelle scuole. L'anno scorso aveva circa 1,5 miliardi di dollari di fondi inutilizzati. Utilizzare questi soldi per l'accesso a Internet da casa degli studenti richiederebbe alla Federal Communications Commission di apportare modifiche alle regole, che si è rifiutata di concedere sotto l'amministrazione Trump. 

Marwell afferma che con fondi sufficienti, gli Stati Uniti potrebbero colmare il divario digitale domestico nella metà del tempo necessario per colmare il gap nelle aule americane perché tante aziende e scuole sono ora concentrate su questo problema. 

Un approccio olistico

Di per sé, l'espansione dell'accesso a Internet non risolve i problemi legati al mancato apprendimento che si è già verificato. Con la fine della pandemia in vista, gli educatori stanno discutendo su come aiutare i 53,1 milioni di bambini delle scuole materne e degli studenti del paese a recuperare il tempo perduto e stanno iniziando a fare piani su come riavviare l'istruzione tradizionale preservando i vantaggi dell'apprendimento remoto.

Gordon, del distretto scolastico di Cleveland, afferma che il suo staff sta valutando modi per aiutare gli studenti a recuperare il ritardo quando le scuole riapriranno, per esempio organizzando forme di tutoring intensive nel fine settimana, corsi serali o raggruppando studenti con livelli di apprendimento simili in classi di età mista. 

I ricercatori sperano anche di vedere politiche di supporto per interventi di tutoraggio intensivi e programmi estivi di accelerazione accademica, con studenti che partecipano a distanza o di persona. Il Regno Unito ha lanciato un programma nazionale di tutoraggio scolastico per rimediare ai ritardi nello studio dovuti al covid-19 e molti ricercatori nel campo dell'istruzione suggeriscono che gli Stati Uniti facciano lo stesso. Gli studi dimostrano che un tutoraggio frequente e prolungato oltre alle lezioni regolari di uno studente può fare davvero la differenza. 

DiBartolo, del Chicago Public Schools, afferma che la pandemia sta anche aprendo le menti degli educatori a nuovi modi di integrare la tecnologia in classe, ma ribadisce che anche nella migliore delle ipotesi questo tipo di strategia non può sostituire l'istruzione umana nell'apprendimento. "Alla fine della giornata ci vuole sempre un insegnante di talento per realizzarlo", egli conclude.

Granados, l'insegnante di prima elementare, non vede l'ora di tornare alla sua scuola una volta che i rischi per la salute saranno limitati. "Costruiredi persona  un legame con uno studente è la cosa migliore, e perderlo è stato davvero difficile da superare", spiega. "Penso che molte persone non vedano l'ora di tornare indietro".

(rp)
  • Sondaggio per l'US Census Bureau condotto da McKinsey.