• Fonte ST
Boom di partecipanti al campus online di ST
Si è chiuso domenica, in diretta Facebook, il programma di formazione tecnico-scientifica Neapolis Innovation Summer Campus 2020.
di Fonte ST 09-09-20
Secondo le analisi del World Economic Forum, il futuro del lavoro  favorisce figure professionali che dieci anni fa non esistevano nemmeno o che sono ancora da inventare. In Italia si parla da anni del gap da colmare tra la domanda di competenze digitali e tecniche ed una corrispondenza nella formazione delle figure professionali competenti. È in questo quadro che spicca un programma il Neapolis Innovation Summer Campus 2020 di STMicroelectronics.

«Questa edizione del campus è andata benissimo, anche oltre le nostre aspettative». Parola di Stefano Ciaravino, tutor del Neapolis Innovation Summer Campus 2020 conclusosi domenica scorsa a Napoli con l’HackFest, la sfida finale che ha visto i team di studenti «mettere alla prova le conoscenze e le competenze dei partecipanti in maniera divertente e coinvolgente sulla base di alcune specifiche di progetto», ha spiegato Federica Giampetraglia, responsabile dei media tutor. «L’HackFest – aggiunge – è stata cadenzata da sfide inaspettate all’ultimo bit sui sistemi embedded, la programmazione e molto altro ancora».

La sfida finale è giunta alla fine di un’intensissima settimana di seminari sia sulla parte di elettronica sia su quella software relativa all’ambiente di sviluppo ChibiOS. Tutto online, viste le restrizioni imposte dall’emergenza pandemia. Però, è stato proprio nella partecipazione online il valore aggiunto di questa edizione di NISC2020. «Abbiamo ricevuto più del doppio delle richieste di partecipazione rispetto agli altri anni. Abbiamo accettato circa 180 partecipanti», ricorda Giampetraglia.

La possibilità di partecipare online, infatti, ha aperto le porte agli studenti di atenei esteri, col risultato di rendere l’ambiente ancora più aperto, offrendo la possibilità di interfacciarsi anche con studenti di altre regioni e di altri paesi. «E’ la prima volta – dice ancora Giampetraglia – che il NISC viene organizzato come evento online e temevamo che si potesse perdere lo spirito di aggregazione che ha sempre caratterizzato il campus. Invece abbiamo avuto un feedback molto positivo: i ragazzi stanno socializzando sia tra di loro sia con i tutor, riuscendo ad abbattere le barriere imposte da questa modalità totalmente telematica».

Le richieste di partecipazione sono arrivate da tutte le principali Università italiane, i cui studenti sono andati a formare trenta team di lavoro. Presente alla premiazione finale di domenica 6 settembre anche il ministro dell’Università, Gaetano Manfredi, ingegnere e rettore della Federico II. Un segno di attenzione in più.

Neapolis è il programma nato in Campania nel 2006 dall’intesa fra Università (Napoli Federico II, Napoli Parthenope, Campania “Vanvitelli”, Sannio e Salerno) e STMicroelectronics per intensificare i rapporti di collaborazione nel campo della ricerca e della formazione tecnico-scientifica attraverso l’organizzazione di eventi, campus e seminari aperti agli studenti universitari e alle piccole e medie imprese del territorio. L’obiettivo è far conoscere più da vicino il mondo dei microcontrollori a 32bit agli studenti. Quest'anno, per ovviare all'impossibilità di entrare fisicamente in azienda e superare la barriera telematica, ogni partecipante ha ricevuto un «kit di sopravvivenza» contenente tutto il necessario: dalla scheda di sviluppo STM32-F401RE-NUCLEO64 ai componenti essenziali allo svolgimento delle sfide proposte ogni giorno agli studenti.

L’edizione online ha superato dunque ogni ostacolo. Grazie a 10 giorni di seminari intensivi, sia relativi all’hardware (elettronica) che al software, e al supporto di tutor (15 di loro sono studenti che hanno partecipato a edizioni precedenti) e mentor, studenti e studentesse hanno imparato a pianificare e realizzare un progetto basato sui microcontrollori, partendo dalle basi e venendo a contatto, anche se attraverso uno schermo video, con chi lavora ogni giorno su questi temi.

Clicca qui per la lista dei vincitori e l'intervento del ministro Manfredi


(lo)